scuole inghilterra italiani napoletani siciliani
Web
di Gabriele Ferraresi 12 Ottobre 2016

Per le scuole del Regno Unito ci sono “italiani italiani”, “italiani napoletani” e “italiani siciliani”

Eh sì, nel Census Language Codes gli italiani sono suddivisi in tre sottocategorie. Un misto di ignoranza, eccesso di zelo e velato razzismo

italiani_siciliani ArkOnline - Eh?

 

Se ne sta leggendo molto nelle ultime ore: nel Regno Unito alcuni moduli scolastici dividerebbero gli italiani in italiani italiani, italiani napoletani e italiani sicilianiCorriere.it è tutta mattina che ci apre la home page, Repubblica.it idem, tutti a riprendere le parole dell’ambasciatore italiano a Londra Pasquale Terracciano che sarcastico giustamente chiosa: “Siamo uniti dal 1861“. Ci sta.

Noi abbiamo fatto un po’ di ricerca per andare a vedere dove si trovano online questi famosi, anzi, famigerati moduli e soprattutto come si compongono i codici di identificazione linguistica che hanno scatenato lo scandalo: per i curiosi, li trovate tutti qui in pdf i “census language codes” che hanno scatenato l’inferno.

Diciamo che per quanto ci piaccia l’idea un po’ vittimista di sentirci maltrattati dalla perfida Albione, tanto più in tempi di Brexit, è probabile che non ci fosse un intento razzista di partenza. Lo conferma anche Enrico Franceschini di RepubblicaL’iniziativa aveva, in teoria, uno scopo non discriminatorio: stabilire la provenienza etnica dei figli di immigrati per poter fornire sia ai bambini, sia eventualmente ai genitori, la necessaria assistenza linguistica nell’apprendimento dell’inglese“.

Più che razzismo sembra che sia un misto di ignoranza – si parla di visione tardo ottocentesca dell’Italia all’estero – ed eccesso di zelo a livello di categorizzazione, fatto a monte, quando qualcuno ha dovuto pensare quelle categorie che poi sarebbero diventate un menu dropdown su un sito, un file Excel, un modulo da compilare o uno screenshot in home su uno dei maggiori quotidiani italiani.

Cercando di capire come si sia arrivati a dividere gli italiani in “italiani italiani” e, fondamentalmente, meridionali, è probabile che sia andata così: le procedure informatiche prevedono infatti che a ogni studente sia abbinato un codice collegato alla lingua che parla – e soprattutto che parlano i suoi genitori – più è precisa questa definizione, meglio è per chi si trova ad avere a che fare con quello studente o con la sua famiglia. Problema: non esistono come lingue riconosciute in Italia né il napoletano né il siciliano, ma soprattutto, se mettiamo quelle, perché non inserire lingue vere e proprie, come il ladino o il sardo? Mah.

Le categorie cui assegnare gli studenti di quel file sono centinaia e centinaia, e prevedono anche casi di appartenenza linguistica rari o rarissimi: scorrendo le celle del file Excel mi imbatto per esempio nella lingua degli Herero, un popolo africano che credevo addirittura estinto, di cui aveva scritto Thomas Pynchon nel romanzo V.. Insomma, a leggersela per bene, ci si accorge che è una categorizzazione molto precisa e verticale – il che è sempre un bene – ma che a noi ha dato, logicamente, l’idea del razzista e del discriminatorio.

Va detto poi che le distinzioni e le differenziazioni linguistiche nei codici non riguardano solo l’Italia e gli italiani: anche i curdi per esempio vengono suddivisi – è abbastanza normale per noi ignorare la differenza tra “curdi curdi”, “curdi kurmanji” e “curdi sorani” – e così anche per altre etnie, ma solo per l’Italia c’è stata questa distinzione con l’accetta, che sa più che altro di ignoranza mista a eccesso di zelo in quella che pare a molti una schedatura razzista degli studenti e delle famiglie.

– – – Update, ore 13.48

Il Foreign Office britannico si è scusato ufficialmente con l’Italia “deplorando l’accaduto e assicurando un intervento perché vengano subito rimosse queste categorizzazioni non giustificate e non giustificabili” e “verificherà per quale motivo, in pochi e isolati distretti scolastici, siano state introdotte queste categorizzazioni, che peraltro non avevano alcuna volontà discriminatoria, ma semplicemente miravano all’accertamento di qualche ulteriore difficoltà linguistica per i bambini da inserire nel sistema scolastico inglese e gallese“.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >