Art
di Simone Stefanini 1 Febbraio 2016

Better Days Festival: Giovanni Troilo e Luca Santese di CesuraLab raccontano la nuova fotografia italiana

Reportage e progetti tra Charleroi, Detroit, o la Puglia degli schiavi della raccolta di pomodori

Giovanni Troilo e Luca Santese di CesuraLab  Luca Santese di CesuraLab e Giovanni Troilo durante il talk al Better Days Festival – Foto: Alessandro Sozzi

 

Al Better Days Festival arriva la fotografia: con Giovanni Troilo che ha affiancato Luca Santese di CesuraLab nel talk “Nuova fotografia italiana: il nostro Paese racconta e si racconta per immagini”. Troilo, classe ’77, nato a Putignano, e Santese, classe ’85, nato a Monza ma cresciuto artisticamente a Milano: due esponenti di una scuola fotografica italiana che da tempo è più che una promessa, è una promessa mantenuta. Non sono giovani fotografi, sono Fotografi con la F maiuscola. E chissà che cos’altro ci serviranno davanti agli occhi nei prossimi anni.

Profeti sia in patria che oltre confine, hanno lavorato tanto in Italia e di più all’estero, scegliendo una dimensione internazionale per il loro lavoro. Si trovano a proprio agio sia tra i braccianti schiavizzati nella raccolta dei pomodori di Rignano Garganico, sia nel cuore nero dell’Europa, la disperata Charleroi che Troilo ha raccontato nel progetto La Ville Noire, sia a Detroit negli anni della crisi più dura, e della città lanciata verso il default.

 

 

Di Ville Noire, Troilo spiega che “È un lavoro su Charleroi. Ci sono legato perché la mia famiglia si trasferì lì per lavorare nell’indotto del carbone, e per me oggi Charleroi è il paradigma per parlare dell’Europa e dei problemi dell’Europa, è definita la Detroit d’Europa: c’è un dato politico e economico di disoccupazione a pioggia, Charleroi è la periferia di se stessa, invisibile. Un sacco di ragazzi non hanno titolo di studio… è un brodo primordiale dove tutto diventa possibile perché ‘la vergogna è morta a Charleroi’, come dicono da quelle parti“.

 

 

Santese invece racconta di Found Photos in Detroit, lavoro svolto insieme ad Arianna Arcara per CesuraLab: “Siamo stati a Detroit nel momento peggiore, nella crisi della motor city, della bolla immobiliare: e una volta lì abbiamo trovato delle foto, migliaia. Erano lasciate lì, tra una stazione di polizia e un tribunale abbandonati: c’era una montagna di immagini. Le vediamo e prendiamo tutto quello che possiamo prendere“. Il risultato finale è un volume che colpisce per la durezza delle immagini, per la loro capacità di farci immaginare il racconto, la storia che c’è dietro alle scatto, in quel caso documentale. Erano immagini della polizia.

 

Giovanni Troilo e Luca Santese di CesuraLab  Giovanni Troilo e Luca Santese di CesuraLab – Foto: Alessandro Sozzi

 

Sia Troilo che Santese sono stati a Rignano Garganico, in provincia di Foggia, a documentare le condizioni dei braccianti schiavizzati nella raccolta dei pomodori. Due lavori differenti, che raccontano bene la diversità di approccio allo stesso luogo e alla stessa storia “Ho fotografato chi viveva in quel campo come se dovesse andare sulla copertina del Rolling Stone – spiega Troilo – in questo caso però sapevo che mi sarei bruciato subito, e sono rimasto un giorno e mezzo“. Luca Santese – accompagnato da Alessandro Sala – di Cesura invece ha affrontato lo stesso luogo partendo dal cibo che si consuma nel campo “Il focus era la documentazione e siamo stati accolti bene, loro non sono abituati a vedere i bianchi che dormono o mangiano lì. Spiegavamo i motivi, se gli andava bene ok, sennò pace“.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
55,59 €

Macchina fotografica a pellicola 35 mm

Macchina fotografica a pellicola 35 mm, modello vintage. Piccola e leggera, divertiti a immortalare ogni momento in versione analogica. Caratteristiche: Built-in flash Pellicola della macchina fotografica (35mm) Disponibile in Verde, Rosa, Viola, Nero, Blu, Oro, Argento Fonte di energia: 1 x batteria alcalina AAA (non inclusa)   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >