Art
di Marco Villa 4 Gennaio 2017

La Biennale d’arte più piccola al mondo è a La Biche, un’isola sperduta delle Antille

Un’isola disabitata, una mostra che prima o poi verrà inghiottita dal mare

La “sede” della Biennale de La Biche Fonte - La “sede” della Biennale de La Biche

 

Siamo abituati a mostre ed esposizioni nei musei, ma anche in luoghi sempre più strani ed estremi. Una mostra su un’isola disabitata, condannata a essere sommersa nell’arco di pochi anni, però, non l’avevamo ancora vista. Un buco colmato dalla Biennale de La Biche, esposizione che inaugura il 6 gennaio su un’isola abbandonata nell’Oceano Atlantico, al largo di Guadalupa.

Il cuore dell’esposizione sarà una serie di opere che verranno messe in mostra e poi lasciate a se stesse, in attesa che il mare se le prenda. Un’idea azzardata, ancora più strana se si considera che non è venuta ad artisti locali, ma a Maess Anand e Alex Urso, rispettivamente un’artista polacca e un italiano che vive a Varsavia. Abbiamo contattato Alex Urso per farci raccontare come è nata l’idea e come si svilupperà la biennale.

Quando ho visto l’evento su Facebook ho subito pensato alla bufala o alla provocazione, mi confermi che è tutto vero?
Ma no, le bufale e le provocazioni le fanno gli artisti senza idee. La voglia di realizzare una biennale d’arte contemporanea in un’isola sperduta delle Antille è nata da una proposta di Maess Anand, pittrice e disegnatrice polacca che, per motivi personali, si stava preparando ad un viaggio nell’isola caraibica di Guadalupa. Conoscendo la mia attività – oltre che di artista – di curatore indipendente, mi ha lanciato la palla, chiedendomi di pensare insieme a un evento da realizzare ad Ilet La Biche, un’isola minuscola raggiungibile dalla Guadalupa in barca. È stata una decisione presa ad occhi chiusi, senza voler calcolare i rischi del caso. Nessuno di noi era infatti mai stato sull’isola, e neanche ne conoscevamo lo stato. Sapevamo comunque che esisteva sulla mappa. Ci siamo detti di provare, nonostante i tempi strettissimi, i fondi inesistenti, e l’eventualità che gli artisti – senza garanzie – avrebbero respinto l’idea. Eppure tutto ha preso forma, i lavori stanno viaggiando proprio in queste ore sull’isola, e il 6 gennaio apriremo ufficialmente l’evento: la più piccola biennale d’arte contemporanea al mondo.

Ecco, parlaci un po’ di La Biche
Ilet La Biche è un un’isola con una fauna marina incantevole, uno di quei posti tropicali per definizione: mare limpido, tartarughe e tutto il resto. Eppure è un luogo fantasma, perché l’isola, anni fa vivibile, ora è disabitata e destinata a scomparire a causa dell’innalzamento dei mari. È un posto che non ha neanche più una superficie: qualche turista avventuroso ci arriva in barca, ma non ci sono strutture in grado di accogliere nessuno. Piantata al centro dell’isola c’è sola una vecchia baracca in legno, decrepita anche quella, e in buona parte sommersa: all’interno di questa struttura ciancicante abbiamo progettato la biennale.

 

 Fonte

Cioè?
In questo vecchio capannone abbiamo invitato quattordici artisti internazionali, chiedendo loro di presentare dei progetti espositivi dalle dimensioni ridotte, non invasivi in nessun modo per l’ambiente circostante, in grado di adeguarsi alle dinamiche del luogo e, eventualmente, di deperire col tempo. Ogni lavoro, dunque, avrà un inizio (al momento della sua installazione in loco), e una fine non determinabile. Probabilmente, nel giro di poche settimane, dei lavori installati non resterà traccia. Proprio come dell’isola tra qualche anno…

Abbandonare l’arte a se stessa, insomma.
L’idea è quella di intendere l’opera d’arte non più come frammento monumentale e stabile su una linea del tempo, ma come elemento fragile che decade, seguendo i limiti del mondo di cui è inevitabilmente parte. L’artista, rispetto all’isola, diviene un intruso all’interno di uno spazio originale, che non gli appartiene. In punta di piedi si relaziona all’ambiente e alla natura del luogo accorgendosi della caducità dell’elemento artistico e, in ultimo, della sua funzione. Esistono oltre 150 biennali al mondo, ma una su un’isola sperduta, con lavori destinati a consumarsi sul posto, forse non si era mai sentita.

Come avete scelto gli artisti?
Una volta definito il concept della biennale abbiamo pensato agli artisti, mediamente tutti sotto i trentacinque anni. Essendo una biennale su un’isola disabitata, era interessante coinvolgere autori provenienti da diverse nazioni, in modo da intendere l’isola come una sorta di campo neutro nel quale far convergere forze provenienti da tutto il mondo. Chiaramente abbiamo dovuto tener conto dei limiti logistici ed economici: abbiamo dunque cercato un compromesso, richiedendo opere dalle dimensioni ridotte, facili da trasportare o da inviare. In alcuni casi mostreremo un disegno, come con l’opera di Styrmir Örn Guðmundsson (Islanda), in altre una fotografia, come nel caso di Aleksandra Urban (Polonia), in altre ancora una installazione o una performance, che realizzeremo sul posto seguendo le indicazioni dell’artista. Ovviamente abbiamo fatto tutto senza finanziamenti alle spalle. Ci siamo detti: quanto abbiamo? Niente. E ci è sembrato sufficiente. I lavori sono stati caricati in valigia, senza assicurazione, e con un bel po’ di paura, perché anche se gli artisti sapevano tutto, diverse tra le opere coinvolte hanno un valore stimato piuttosto importante. Eppure, in situazioni del genere, non conosco altro modo per fare le cose: se il progetto si propone come indipendente, deve sostenersi con le risorse che ha, ma soprattutto trovando rimedio a quelle che non ha.

Ecco l’elenco completo degli artisti che faranno parte della prima Biennale de La Biche: Karolina Bielawska (PL), Norbert Delman (PL), Michal Frydrych (PL), Styrmir Örn Guðmundsson (ICE), Maess (PL), Ryts Monet (ITA), Jeremie Paul (FR), Lukasz Ratz (PL), Lapo Simeoni (ITA), Saku Soukka (FIN), Aleksandra Urban (PL), Yaelle Wisznicki Levi (USA/PL), Alex Urso (ITA), Zuza Ziółkowska-Hercberg (PL).

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
50,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >