ellis island foto migranti
Art
di Sandro Giorello 20 Luglio 2016

Le facce e le storie dei migranti che sbarcarono a Ellis Island

La New York Public Library ha messo online il prezioso archivio del fotografo Augustus Sherman

ellis island foto migranti digitalcollections.nypl - Un gruppo di migranti turchi, 1902 – 1913

 

Quello dei migranti è uno dei temi più attuali degli ultimi anni. Su Dailybest l’abbiamo visto da più angolazioni, sia attraverso il lavoro di molti artisti – dalle installazioni di Ai Weiwei, fino ai murales di Banksy o alle bellissime sculture subacquee di Jason deCaires Taylor – sia tramite le tante iniziative benefiche.

La New York Public Library ha da poco pubblicato un’interessante collezione di foto scattate tra il 1906 e 1914 da Augustus Sherman interamente dedicata a tutte quelle persone che approdavano ad Ellis Island nella speranza di poter entrare in America. Dalla fine dell’800 fino alla metà degli anni ’50, Ellis Island è stato uno dei porti più attivi del mondo: ha accolto decine di milioni di migranti che vedevano nell’America l’unica possibilità di trovare lavoro.

 

 

Il 1907 fu l’anno in cui si registrò il più alto picco di arrivi: più di un milione di persone, di cui quasi 12.000 registrate solo nel mese di aprile. Provenivano dalle nazionalità più diverse e, in particolare, dall’Irlanda, dal Regno Unito, dalla Germania, dall’Austria, dall’Italia e dalla Russia. Inizialmente solo il 2% veniva rimandato a casa, spesso le persone venivano direttamente esaminate sulla nave e le più povere venivano trattenute sull’isola per altri tipi controlli medici.

Dal 1917 in poi vennero introdotte delle norme più rigide per limitare tali flussi migratori, istituendo dei test per valutare il livello di istruzione e, dal 1924, vennero approvare delle quote che indicavano quante persone potevano essere accolte in base al paese di provenienza.

 

ellis island foto migranti flickr.com/ - Una delle tante sale d’attesa per migranti

 

Durante queste fasi – dal controllo iniziale dei documenti fino a tutti gli esami medici necessari che ogni migrante doveva passare – Sherman immortalava le persone con ritratti fotografici decisamente affascinanti. Possiamo vedere queste persone, spesso vestite secondo le proprie tradizioni popolari, mettersi in posa assumendo un tono elegante e al tempo stesso sicuro, ben distante dalla situazione reale che stavano vivendo.

 

ellis island foto migranti flickr.com - Un gruppo di zingari ungheresi, 1902

 

È come se queste foto ridessero un secolo dopo dignità a persone che in quel momento la vedevano negata, e avrebbero impiegato anni e anni per ambientarsi in un mondo, all’epoca davvero nuovo, come potevano essere gli Stati Uniti d’America del tempo. Quando la Dichiarazione d’Indipendenza del 4 luglio 1776 aveva poco più che un secolo di vita.

 

FONTE |  openculture.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,32 €

Kit tie dye

Kit tie dye, utilizzabile con tessuti come il cotone e rayon. Perfetti per personalizzare qualsiasi capo, dalle tshirt, ai jeans, fino a borse e sciarpe. Caratteristiche: 12/10/8/18 coloranti 8 colori: rosso, arancione, giallo, verde, blu scuro, viola, marrone, nero  10 colori: rosso, arancione, giallo, verde, acido orange, blu navy, blu scuro, viola, marrone, nero  12 colori: viola profondo rosso, rosso, arancione, giallo, verde, arancione acido, blu navy, blu scuro, viola, viola, marrone, nero  18 colori versione: fucsia, rosso, arancione, giallo, acid orange, verde, blu scuro, blu chiaro, viola, blu, viola scuro, marrone, nero, corallo rosso, rosso vino, verde oliva, rosa, verde acqua, blu chiarissimo 40 bande di gomma 8 guanti usa e getta 1 tovaglia 1  manuale Prodotto spedito dalla Cina.Tempi di consegna: 20/30  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >