Art
di Alice Tiezzi 4 Luglio 2014

I 10 edifici più alti mai demoliti

Ci avete mai pensato a quanti edifici sono stati demoliti in città importanti? E soprattutto, perché? Michael Aynsley ha pensato a darci la risposta, stilando una lista dei dieci edifici più alti mai demoliti e le ragioni per le quali sono stati rasi al suolo. La lista comprende solo quelli distrutti per volere dei proprietari, quindi non troverete le Torri Gemelle.

FONTE | buzzbuzzhome

10. Savoy Plaza Hotel, New York City

Savoy Plaza Hotel, New York City  Savoy Plaza Hotel, New York City

Circa 136 metri, 33 piani. Completato nel 1930 e demolito nel 1964 per far posto all’edificio della General Motors. Curiosità: in una scena dell’episodio 1 di Mad Men, Don e Betty Draper festeggiano il giorno di San Valentino in una stanza del Savoy-Plaza, nel 1962, due anni prima che venisse realmente demolito.

9. Ardmore Park, Block One, Two and Three, Singapore

Ardmore Park, Block One, Two and Three, Singapore  Ardmore Park, Block One, Two and Three, Singapore

Circa 137 metri, 36 piani. Completato nel 1978 e demolito nel 2009 per far posto allo sviluppo di un nuovo condominio. Curiosità: gli edifici Ardmore erano tutti e tre dello stesso peso e della stessa altezza, assolutamente identici.

8. Hennessey Centre, Hong Kong

Hennessey Centre, Hong Kong  Hennessey Centre, Hong Kong

Circa 140 metri, 41 piani. Completato nel 1983 e demolito nel 2008 perché il proprietario dell’edificio voleva espandere il centro commerciale con cui l’Hennesey Centre divideva il lotto.

7. Grand Prince Hotel Akasaka, Tokyo

Grand Prince Hotel Akasaka, Tokyo  Grand Prince Hotel Akasaka, Tokyo

Circa 141 metri, 39 piani. Completato nel 1982 e demolito nel 2013 per problemi col mercato immobiliare (alti valori di proprietà, standard di progettazione mutevoli e altri fattori) e un conseguente bull market che ha portato alla decisione di demolire l’edificio. Curiosità: per la demolizione non sono stati utilizzati esplosivi, ma una gru che ha portato fuori tutte le travi, i pannelli e il resto dall’interno, piano per piano, un poco alla volta. Per chi ha avuto pazienza di restare a guardare la demolizione era come vedere l’edificio scomparire piano piano. In ogni caso, se non eravate presenti, c’è un video che documenta il tutto, se volete guardarlo lo trovate qui.

6. The Ritz-Carlton, Hong Kong

The Ritz-Carlton, Hong Kong  The Ritz-Carlton, Hong Kong

Circa 141 metri, 31 piani. Completato nel 1993 e demolito nel 2009 per far posto a degli uffici più fruttuosi. L’edificio si ergeva in uno dei siti commerciali più importanti di Hong Kong. Curiosità: nel 1997 l’hotel era pieno, durante il trasferimento della sovranità di Hong Kong dal Regno Unito alla Cina, ma la percentuale di pernottamenti calò del 3% sei anni, dopo durante l’epidemia di SARS.

5. City Investing Building, New York City

City Investing Building, New York City  City Investing Building, New York City

Circa 148 metri, 33 piani. Completato nel 1908 e demolito nel 1968 per far posto al One Liberty Plaza. Curiosità: il City Investing Building faceva parte di un gruppo di edifici (che includeva il Singer Building, l’Hudson Terminal e l’Equitable Building) che erano tutti tra i più alti al mondo durante la prima parte del ventesimo secolo, rendendo questa parte dello skyline di New York una delle scene più fotografate del tempo.

4. One Meridian Plaza, Philadelphia

One Meridian Plaza, Philadelphia  One Meridian Plaza, Philadelphia

Circa 150 metri, 38 piani. Completato nel 1972 e demolito nel 1999, dopo aver subito grossi danni durante un incendio scoppiato al ventiduesimo piano nel 1991. Curiosità: per 8 anni dopo l’incendio, l’edificio è rimasto danneggiato e vacante al centro del quartiere degli affari di Philadelphia ed è stato il fulcro di varie controversie fra i proprietari e la compagnia di assicurazione, riguardo a quanto quest’ultima avrebbe pagato i proprietari e su come procedere per la demolizione.

3. Deutsche Bank, New York City

Deutsche Bank, New York City  Deutsche Bank, New York City

Circa 158 metri, 39 piani. Completato nel 1974 e demolito nel 2011. L’edificio è rimasto gravemente danneggiato dopo l’attacco dell’11 settembre, a causa di detriti volanti e infine è stato demolito per far spazio al World Trade Center. L’edificio è stato progettato da Shreve, Lamb e Harmon, gli stessi architetti che hanno progettato l’Empire State Building.

2. Morrison Hotel, Chicago

Morrison Hotel, Chicago  Morrison Hotel, Chicago

Circa 160 metri, 45 piani. Completato nel 1925 e demolito nel 1965 per far spazio al First National Bank Building (ora Chase Tower). Curiosità: il Morrison Hotel è stato il primo hotel del mondo fuori da New York City ad avere più di 40 piani.

1. Singer Building, New York City

Singer Building, New York City  Singer Building, New York City

Circa 187 metri, 47 piani. Completato nel 1908 e demolito nel 1968 per far spazio al One Liberty Plaza. Curiosità: per un breve periodo, il Singer Building è stato l’edificio più alto al mondo, fino al 1909 quando fu sorpassato dal Metropolitan Life Tower.

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >