Art
di Alice Tiezzi 4 Luglio 2014

I 10 edifici più alti mai demoliti

Ci avete mai pensato a quanti edifici sono stati demoliti in città importanti? E soprattutto, perché? Michael Aynsley ha pensato a darci la risposta, stilando una lista dei dieci edifici più alti mai demoliti e le ragioni per le quali sono stati rasi al suolo. La lista comprende solo quelli distrutti per volere dei proprietari, quindi non troverete le Torri Gemelle.

FONTE | buzzbuzzhome

10. Savoy Plaza Hotel, New York City

Savoy Plaza Hotel, New York City  Savoy Plaza Hotel, New York City

Circa 136 metri, 33 piani. Completato nel 1930 e demolito nel 1964 per far posto all’edificio della General Motors. Curiosità: in una scena dell’episodio 1 di Mad Men, Don e Betty Draper festeggiano il giorno di San Valentino in una stanza del Savoy-Plaza, nel 1962, due anni prima che venisse realmente demolito.

9. Ardmore Park, Block One, Two and Three, Singapore

Ardmore Park, Block One, Two and Three, Singapore  Ardmore Park, Block One, Two and Three, Singapore

Circa 137 metri, 36 piani. Completato nel 1978 e demolito nel 2009 per far posto allo sviluppo di un nuovo condominio. Curiosità: gli edifici Ardmore erano tutti e tre dello stesso peso e della stessa altezza, assolutamente identici.

8. Hennessey Centre, Hong Kong

Hennessey Centre, Hong Kong  Hennessey Centre, Hong Kong

Circa 140 metri, 41 piani. Completato nel 1983 e demolito nel 2008 perché il proprietario dell’edificio voleva espandere il centro commerciale con cui l’Hennesey Centre divideva il lotto.

7. Grand Prince Hotel Akasaka, Tokyo

Grand Prince Hotel Akasaka, Tokyo  Grand Prince Hotel Akasaka, Tokyo

Circa 141 metri, 39 piani. Completato nel 1982 e demolito nel 2013 per problemi col mercato immobiliare (alti valori di proprietà, standard di progettazione mutevoli e altri fattori) e un conseguente bull market che ha portato alla decisione di demolire l’edificio. Curiosità: per la demolizione non sono stati utilizzati esplosivi, ma una gru che ha portato fuori tutte le travi, i pannelli e il resto dall’interno, piano per piano, un poco alla volta. Per chi ha avuto pazienza di restare a guardare la demolizione era come vedere l’edificio scomparire piano piano. In ogni caso, se non eravate presenti, c’è un video che documenta il tutto, se volete guardarlo lo trovate qui.

6. The Ritz-Carlton, Hong Kong

The Ritz-Carlton, Hong Kong  The Ritz-Carlton, Hong Kong

Circa 141 metri, 31 piani. Completato nel 1993 e demolito nel 2009 per far posto a degli uffici più fruttuosi. L’edificio si ergeva in uno dei siti commerciali più importanti di Hong Kong. Curiosità: nel 1997 l’hotel era pieno, durante il trasferimento della sovranità di Hong Kong dal Regno Unito alla Cina, ma la percentuale di pernottamenti calò del 3% sei anni, dopo durante l’epidemia di SARS.

5. City Investing Building, New York City

City Investing Building, New York City  City Investing Building, New York City

Circa 148 metri, 33 piani. Completato nel 1908 e demolito nel 1968 per far posto al One Liberty Plaza. Curiosità: il City Investing Building faceva parte di un gruppo di edifici (che includeva il Singer Building, l’Hudson Terminal e l’Equitable Building) che erano tutti tra i più alti al mondo durante la prima parte del ventesimo secolo, rendendo questa parte dello skyline di New York una delle scene più fotografate del tempo.

4. One Meridian Plaza, Philadelphia

One Meridian Plaza, Philadelphia  One Meridian Plaza, Philadelphia

Circa 150 metri, 38 piani. Completato nel 1972 e demolito nel 1999, dopo aver subito grossi danni durante un incendio scoppiato al ventiduesimo piano nel 1991. Curiosità: per 8 anni dopo l’incendio, l’edificio è rimasto danneggiato e vacante al centro del quartiere degli affari di Philadelphia ed è stato il fulcro di varie controversie fra i proprietari e la compagnia di assicurazione, riguardo a quanto quest’ultima avrebbe pagato i proprietari e su come procedere per la demolizione.

3. Deutsche Bank, New York City

Deutsche Bank, New York City  Deutsche Bank, New York City

Circa 158 metri, 39 piani. Completato nel 1974 e demolito nel 2011. L’edificio è rimasto gravemente danneggiato dopo l’attacco dell’11 settembre, a causa di detriti volanti e infine è stato demolito per far spazio al World Trade Center. L’edificio è stato progettato da Shreve, Lamb e Harmon, gli stessi architetti che hanno progettato l’Empire State Building.

2. Morrison Hotel, Chicago

Morrison Hotel, Chicago  Morrison Hotel, Chicago

Circa 160 metri, 45 piani. Completato nel 1925 e demolito nel 1965 per far spazio al First National Bank Building (ora Chase Tower). Curiosità: il Morrison Hotel è stato il primo hotel del mondo fuori da New York City ad avere più di 40 piani.

1. Singer Building, New York City

Singer Building, New York City  Singer Building, New York City

Circa 187 metri, 47 piani. Completato nel 1908 e demolito nel 1968 per far spazio al One Liberty Plaza. Curiosità: per un breve periodo, il Singer Building è stato l’edificio più alto al mondo, fino al 1909 quando fu sorpassato dal Metropolitan Life Tower.

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
36,90 €

Orologio da tavolo vintage

Dal design minimal, l'orologio da tavolo con flip-page è perfetto per la tua scrivania, donando un tocco vintage al tuo studio o alla tua casa. CARATTERISTICHE: Dimensioni: 195mm x 170 millimetri Non include batterie Prodotto spedito dalla Cina, Stati Uniti o Repubblica Ceca. Tempi di consegna: 20/30 gg.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >