Art
di Raffaele Portofino 20 aprile 2018

Knife Angel è il monumento anti violenza fatto con più di 100.000 coltelli sequestrati

Tutti i coltelli di Knife Angel sono stati confiscati dalla polizia

 sobadsogood

Avete mai pensato alla fine che fanno i coltelli confiscati dalla polizia? Spesso vengono distrutti ma qualche volta possono venire riciclati per dare loro una nuova anima, ben diversa da quella offensiva che avevano quando sono stati tolti di mano ai loro possessori.

Questi 100mila e più coltelli, dopo una carriera a delinquere sono diventati il materiale per una scultura dell’artista britannico Alfie Bradley chiamata Knife Angel.

Tutte le foto via My Modern Met

L’angelo in questione è stato creato con i coltelli trovati nei cestini che sono stati piazzati in tutto il Regno Unito per la campagna “Save a Life, Surrender Your Knife”. In UK è illegale portare un coltello e fortunatamente sono stai in molti ad aderire alla campagna e ad auto disarmarsi, per non avere problemi con la legge e per non essere tentati a delinquere.

 

Alfie Bradley ha anche fatto il giro delle stazioni di polizia per chiedere i coltelli sequestrati dalle forze dell’ordine. Ogni coltello che compone questa scultura è stato pulito, disinfettato e smussato in modo da essere reso inoffensivo. La scultura è alta 8 metri ed è davvero imponente e suggestiva.

Se volete vedere altri lavori di Alfie Braley, visitate il suo account Instagram.

 

Great photo taken by Matthew beharrell of my knife angel.

A post shared by Alfie Bradley (@alfiebradleyart) on

CORRELATI >