Art
di Stefano Disastro 29 Novembre 2016

Sull’orlo dell’incoerenza o del collasso: i quadri punk di Marco Dal Bo

Marco dal bo nei suoi quadri abbraccia “l’amatoriale e l’incasinato” trasmettendo un’istintività davvero unica. L’artista veneto ha risposto a qualche nostra domanda

marco-dal-bo

Amante delle incongruenze e del caso, Marco dal Bo è un giovane artista veneto che ora vive a El Hierro, nelle Isole Canarie. Ha uno stile irruente e altamente istintivo: le sue figure sono spesso inserite nel caos più totale, utilizzando un approccio punk e ottenendo un tipo di espressività davvero efficace. Ecco come ci descrive il suo lavoro.

Breve presentazione: chi sei, quanti anni hai, da dove vieni?
Mi chiamo Marco Dal Bo, sono nato nel 1985 a Vittorio Veneto (TV). Mi reputo un disegnatore-pittore e sono autodidatta. Solitamente disegno o dipingo di getto. Tutto inizia da un’idea, da un’emozione, molte volte da un’immagine o da una qualsiasi cosa che colpisce la mia attenzione. Il mio stile è sempre in continua apparente evoluzione; apparente perché di base da sempre rappresento la figura umana, sia dal punto di vista estetico che espressivo, più o meno nello stesso modo, quello che cambia è la storia che circonda queste figure.
Come il punk abbraccia l’amatoriale e l’incasinato, nei miei lavori è visibile quell’aria di essere buttati giù un po’ casualmente, sull’orlo dell’incoerenza o del collasso. Quello che caratterizza i miei lavori sono i processi creativi che si sviluppano uno dopo l’altro, susseguendosi a volte fluidamente a volte cancellandosi continuamente per poi ricominciare. Cerco di dare più spazio possibile al mio lato istintivo e al caso. Nell’ultimo periodo, da quando mi trovo a El Hierro, sto sviluppando maggiormente la relazione (pittorica) con la natura/vegetazione descrivendola in un modo nuovo e inserendola fortemente nei miei lavori.

 

 

Dove sei adesso? Descrivi la stanza in cui ti trovi.
Ora mi trovo a El Hierro, la più piccola e meno turistica delle isole Canarie, e ci resterò per un po’ di mesi, credo. L’isola è una meraviglia ma piena di incongruenze. Adesso sono in un piccolo bar del villaggio in cui vivo. Vengo qui spesso, soprattutto di pomeriggio per una pausa caffè. Non è un vero e proprio bar, è perlopiù un chiosco con una terrazza coperta, un bancone e cinque-sei tavoli. È il luogo preferito degli anziani del paese, tutti i pomeriggi dalle quattro alle sette vengono qui a occupare il tempo giocando a domino o a carte. Io al contrario vengo qui perché mi rilasso e perché mi piace vedere queste persone che vivono una vita fuori dal tempo. Mi siedo sempre al bancone. Il titolare come sempre mi ha servito e subito è tornato al tavolo per continuare la partita di domino. I vecchietti sembrano tutti avere un’aria distinta, non urlano e imprecano come gli anziani cui sono abituato vedere nelle osterie venete. Dal bancone vedo tutto il chiosco. La terrazza è semplice, due colonne e un muretto a mezza altezza chiudono lo spazio difronte il bancone. I colori che spiccano sono il verde e il bianco, scelte perfette che bene si mescolano con la natura all’esterno caratterizzata da una miscela di verdi più o meno intensi, dalla vista dell’oceano in lontananza e da una luce bianca che abbaglia. A contrastare questi colori una serie di bandierine rosse e gialle appese al soffitto che si muovono col vento, rallegrano l’ambiente creando una sorta di aria di festa.

 

I quadri punk di Marco Dal Bo

 

La prima cosa che hai disegnato e l’ultima.
Non ricordo la prima cosa che ho disegnato e a quanti anni, credo che come tutti ho iniziato scarabocchiando qua e là. Conservo ancora un disegno, datato 1989 (avevo 4 anni). Mia madre dice che l’ho fatto all’asilo. Si tratta di un disegno a pastelli su carta che ha come protagonista una sorta di Babbo Natale bambino, senza barba e con gli occhiali da sole, che sta portando la slitta trainata non dalle classiche renne, ma da un cavallo, anche quest’ultimo con gli occhiali da sole (mi sa che non ero capace di disegnare gli occhi). Il tutto è inserito in un paesaggio innevato con qualche pino qua e là. L’ultima cosa che ho disegnato è un piccolo ritratto di Enrico Mattei fatto a penna su carta. Si tratta di un lavoro per una serie di studi per un progetto futuro.

Hai dei rituali prima di metterti al lavoro e dopo aver finito?
Dei veri e propri rituali, quando inizio o quando termino un lavoro, non ce ne sono.

 

I quadri punk di Marco Dal Bo

 

Qual è la tua tecnica preferita e perché?
Il disegno, a matita o a inchiostro su carta, è sempre quello che mi dà maggiori soddisfazioni dal punto di vista della resa estetica, ma la tecnica che più preferisco è quella ad olio su tela. La preferisco perché, nonostante la disciplina necessaria per avere un totale controllo di quello che si vuole rappresentare, allo stesso modo mi permette di giocare dandomi la possibilità di creare velature, colature, lavorare con il colore molto materico o estremamente fluido e, data la lentezza con cui asciuga, mi permette di cancellare o addirittura di abradere il colore sino a quasi consumare la tela. Quest’ultima è una fase che non sempre è visibile a risultato finito, ma è uno dei processi più importanti, un processo guida per tutto quello che verrà dopo.

Qual è l’errore che un artista non dovrebbe mai commettere?
Questa è una bella domanda, sinceramente non lo so. Bisognerebbe capire rispetto a cosa. Nel rapporto con l’arte in generale? Con le gallerie, i curatori? Con se stesso o con i propri lavori? A volte credo che non esistano cose giuste o sbagliate, nel mondo dell’arte ormai si è visto di tutto.

 

I quadri punk di Marco Dal Bo

 

Che rapporto hai con le tue opere? Le vendi senza problemi o fai fatica a staccarti?
Una decina di anni fa avevo un rapporto di estrema gelosia, tanto da non mostrare a nessuno i miei lavori, se non ai più stretti amici che giravano per casa, forse per paura di ricevere un giudizio. Col passare del tempo ho iniziato a non avere più imbarazzo a mostrarli; lentamente ho imparato a fregarmene del giudizio delle persone  – chiaro, un bel apprezzamento è sempre gradito! – perché ho capito che faccio quello che faccio non per gli altri ma per me stesso. Tornando alla domanda, anni fa era molto difficile separarmi o vendere senza problemi, oggi è diverso, riesco a vendere e quindi a staccarmi da un mio lavoro perché il sapere che qualcuno ha deciso di acquistare un mio quadro mi gratifica molto.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
36,90 €

Orologio da tavolo vintage

Dal design minimal, l'orologio da tavolo con flip-page è perfetto per la tua scrivania, donando un tocco vintage al tuo studio o alla tua casa. CARATTERISTICHE: Dimensioni: 195mm x 170 millimetri Non include batterie Prodotto spedito dalla Cina, Stati Uniti o Repubblica Ceca. Tempi di consegna: 20/30 gg.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >