Art
di Stefano Disastro 29 Novembre 2016

Sull’orlo dell’incoerenza o del collasso: i quadri punk di Marco Dal Bo

Marco dal bo nei suoi quadri abbraccia “l’amatoriale e l’incasinato” trasmettendo un’istintività davvero unica. L’artista veneto ha risposto a qualche nostra domanda

marco-dal-bo

Amante delle incongruenze e del caso, Marco dal Bo è un giovane artista veneto che ora vive a El Hierro, nelle Isole Canarie. Ha uno stile irruente e altamente istintivo: le sue figure sono spesso inserite nel caos più totale, utilizzando un approccio punk e ottenendo un tipo di espressività davvero efficace. Ecco come ci descrive il suo lavoro.

Breve presentazione: chi sei, quanti anni hai, da dove vieni?
Mi chiamo Marco Dal Bo, sono nato nel 1985 a Vittorio Veneto (TV). Mi reputo un disegnatore-pittore e sono autodidatta. Solitamente disegno o dipingo di getto. Tutto inizia da un’idea, da un’emozione, molte volte da un’immagine o da una qualsiasi cosa che colpisce la mia attenzione. Il mio stile è sempre in continua apparente evoluzione; apparente perché di base da sempre rappresento la figura umana, sia dal punto di vista estetico che espressivo, più o meno nello stesso modo, quello che cambia è la storia che circonda queste figure.
Come il punk abbraccia l’amatoriale e l’incasinato, nei miei lavori è visibile quell’aria di essere buttati giù un po’ casualmente, sull’orlo dell’incoerenza o del collasso. Quello che caratterizza i miei lavori sono i processi creativi che si sviluppano uno dopo l’altro, susseguendosi a volte fluidamente a volte cancellandosi continuamente per poi ricominciare. Cerco di dare più spazio possibile al mio lato istintivo e al caso. Nell’ultimo periodo, da quando mi trovo a El Hierro, sto sviluppando maggiormente la relazione (pittorica) con la natura/vegetazione descrivendola in un modo nuovo e inserendola fortemente nei miei lavori.

 

 

Dove sei adesso? Descrivi la stanza in cui ti trovi.
Ora mi trovo a El Hierro, la più piccola e meno turistica delle isole Canarie, e ci resterò per un po’ di mesi, credo. L’isola è una meraviglia ma piena di incongruenze. Adesso sono in un piccolo bar del villaggio in cui vivo. Vengo qui spesso, soprattutto di pomeriggio per una pausa caffè. Non è un vero e proprio bar, è perlopiù un chiosco con una terrazza coperta, un bancone e cinque-sei tavoli. È il luogo preferito degli anziani del paese, tutti i pomeriggi dalle quattro alle sette vengono qui a occupare il tempo giocando a domino o a carte. Io al contrario vengo qui perché mi rilasso e perché mi piace vedere queste persone che vivono una vita fuori dal tempo. Mi siedo sempre al bancone. Il titolare come sempre mi ha servito e subito è tornato al tavolo per continuare la partita di domino. I vecchietti sembrano tutti avere un’aria distinta, non urlano e imprecano come gli anziani cui sono abituato vedere nelle osterie venete. Dal bancone vedo tutto il chiosco. La terrazza è semplice, due colonne e un muretto a mezza altezza chiudono lo spazio difronte il bancone. I colori che spiccano sono il verde e il bianco, scelte perfette che bene si mescolano con la natura all’esterno caratterizzata da una miscela di verdi più o meno intensi, dalla vista dell’oceano in lontananza e da una luce bianca che abbaglia. A contrastare questi colori una serie di bandierine rosse e gialle appese al soffitto che si muovono col vento, rallegrano l’ambiente creando una sorta di aria di festa.

 

I quadri punk di Marco Dal Bo

 

La prima cosa che hai disegnato e l’ultima.
Non ricordo la prima cosa che ho disegnato e a quanti anni, credo che come tutti ho iniziato scarabocchiando qua e là. Conservo ancora un disegno, datato 1989 (avevo 4 anni). Mia madre dice che l’ho fatto all’asilo. Si tratta di un disegno a pastelli su carta che ha come protagonista una sorta di Babbo Natale bambino, senza barba e con gli occhiali da sole, che sta portando la slitta trainata non dalle classiche renne, ma da un cavallo, anche quest’ultimo con gli occhiali da sole (mi sa che non ero capace di disegnare gli occhi). Il tutto è inserito in un paesaggio innevato con qualche pino qua e là. L’ultima cosa che ho disegnato è un piccolo ritratto di Enrico Mattei fatto a penna su carta. Si tratta di un lavoro per una serie di studi per un progetto futuro.

Hai dei rituali prima di metterti al lavoro e dopo aver finito?
Dei veri e propri rituali, quando inizio o quando termino un lavoro, non ce ne sono.

 

I quadri punk di Marco Dal Bo

 

Qual è la tua tecnica preferita e perché?
Il disegno, a matita o a inchiostro su carta, è sempre quello che mi dà maggiori soddisfazioni dal punto di vista della resa estetica, ma la tecnica che più preferisco è quella ad olio su tela. La preferisco perché, nonostante la disciplina necessaria per avere un totale controllo di quello che si vuole rappresentare, allo stesso modo mi permette di giocare dandomi la possibilità di creare velature, colature, lavorare con il colore molto materico o estremamente fluido e, data la lentezza con cui asciuga, mi permette di cancellare o addirittura di abradere il colore sino a quasi consumare la tela. Quest’ultima è una fase che non sempre è visibile a risultato finito, ma è uno dei processi più importanti, un processo guida per tutto quello che verrà dopo.

Qual è l’errore che un artista non dovrebbe mai commettere?
Questa è una bella domanda, sinceramente non lo so. Bisognerebbe capire rispetto a cosa. Nel rapporto con l’arte in generale? Con le gallerie, i curatori? Con se stesso o con i propri lavori? A volte credo che non esistano cose giuste o sbagliate, nel mondo dell’arte ormai si è visto di tutto.

 

I quadri punk di Marco Dal Bo

 

Che rapporto hai con le tue opere? Le vendi senza problemi o fai fatica a staccarti?
Una decina di anni fa avevo un rapporto di estrema gelosia, tanto da non mostrare a nessuno i miei lavori, se non ai più stretti amici che giravano per casa, forse per paura di ricevere un giudizio. Col passare del tempo ho iniziato a non avere più imbarazzo a mostrarli; lentamente ho imparato a fregarmene del giudizio delle persone  – chiaro, un bel apprezzamento è sempre gradito! – perché ho capito che faccio quello che faccio non per gli altri ma per me stesso. Tornando alla domanda, anni fa era molto difficile separarmi o vendere senza problemi, oggi è diverso, riesco a vendere e quindi a staccarmi da un mio lavoro perché il sapere che qualcuno ha deciso di acquistare un mio quadro mi gratifica molto.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
36,90 €

Orologio da tavolo vintage

Dal design minimal, l'orologio da tavolo con flip-page è perfetto per la tua scrivania, donando un tocco vintage al tuo studio o alla tua casa. CARATTERISTICHE: Dimensioni: 195mm x 170 millimetri Non include batterie Prodotto spedito dalla Cina, Stati Uniti o Repubblica Ceca. Tempi di consegna: 20/30 gg.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >