Il logo nuovo, e allo stesso tempo un po' vecchio di HP

Il nuovo logo di HP è davvero bellissimo

Era stato rifiutato cinque anni fa, oggi è sui laptop premium. Perché del design non si butta via niente

Il logo nuovo, e allo stesso tempo un po' vecchio di HP The Verge - Il logo nuovo, e allo stesso tempo un po’ vecchio di HP

 

Flashback: metà dicembre 2011. Il rinnovo di HP a cui sta lavorando il CEO Meg Whitman non passa solo attraverso l’impegno dell’azienda a sviluppare nuovi PC e tablet: l’auspicato rilancio dovrebbe avvenire anche attraverso un nuovo logo, ideato partendo dallo storico marchio del 1941 rivisto in chiave minimalista.

Moving Brands, l’agenzia di branding che dal 2008 lavora sul marchio, firma il progetto. Il processo di sintesi è formalmente interessantissimo: dalle due lettere minuscole che caratterizzano il logotipo si passa a quattro rettangoli, inclinati di 13 gradi, come vediamo nell’immagine qui sotto.

 

FIGURA 01

 

Ma il progetto di identità visiva è ancora più ambizioso, e prevede anche di applicare ai testi, alle strisce colorate sulle confezioni, agli sfondi di smartphone e tablet la stessa inclinazione, immaginando in futuro – in teoria il 2021, in pratica probabilmente mai – di sintetizzare ulteriormente il logo fino a renderlo un singolo rettangolo, una specie di slash sempre inclinato di 13 gradi, un percorso inverso rispetto a quello intrapreso da FIAT tra il 1968 e il 1998, che possiamo vedere qui sotto.

 

FIGURA 02

 

Tutto molto bello. Troppo. Ma il progetto viene bloccato. Perché?

Andiamo avanti veloce, metà aprile 2015. Con un post sul blog ufficiale della società, la Whitman svela il nuovo logo di Hewlett Packard Enterprise, la parte della società che a seguito di una divisione interna si trova ad operare nell’ambito delle forniture di hardware alle imprese, in sostanza la multinazionale si divide in due.

 

nuovo logo hp   Tutto cambia: il logo Hewlett Packard Enterprise.

 

Svolta. Svincolando i due business l’uno dall’altro, diventa possibile avere un’identità visiva rassicurante per il mercato B2B, e necessario identificare una strada differente per quello consumer.

Ora, provate voi a trovare una soluzione migliore di quella proposta poco più di quattro anni prima da Moving Brands. Sicuramente all’HP ci avranno provato (o quantomeno un pensiero ce lo avranno fatto), ma avendo nel cassetto un progetto di rebranding adatto, costato molto in termini economici e di tempo speso, dal momento che si parla di uno studio durato tre anni, è comprensibile che abbiano valutato di tirarlo fuori dal congelatore per metterlo alla prova sul campo.

Del resto il laptop HP premium su cui verrà applicato il “nuovo” logo dovrà fare breccia nei cuori di un pubblico abituato al design e alla qualità della comunicazione di Apple e Samsung, e quindi più che pronto ad apprezzare (almeno in teoria) i 13 gradi HP

 

HP Particle from Moving Brands® on Vimeo.

 

Guardando la vicenda al punto di vista di un amante del buon design, verrebbe da dire che tutto è bene quel che finisce bene. Ma il percorso tortuoso che ha dovuto affrontare questo marchio, gli anni che hanno separato i primi rumors dall’uscita ufficiale, la mancanza di un vero colpo di teatro capace di catalizzare l’attenzione mediatica, e l’assenza di un lavoro di storytelling in grado di raccontare prima l’evoluzione del brand per poi sintetizzarla in un segno grafico potente, ha davvero depotenziato l’operazione.

Come dire: è uscito il “vecchio” nuovo logo di HP. Wow, che noia.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
50,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >