Art
di Sandro Giorello 20 Gennaio 2016

Le armi fatte con i post-it sono bellissime

Sono super colorate e definite nei minimi dettagli, le realizza l’artista Marco Ercoli

ercoli-pistola ercolimarco.me - i Love Ammerica

 

Marco Ercoli è un giovane artista romano. Da anni si sta dedicando ad un utilizzo insolito dei post-it, i biglietti adesivi che noi tutti usiamo per prendere appunti e incolliamo al frigo per ricordarci le cose da comprare al supermercato. Marco, invece, li usa per costruire armi coloratissime e definite nel più piccolo dettaglio.

Questa dedizione estrema nasce nel 2010 quando mi sono ritirato ad una vita eremitica in montagna. Sentivo la necessità ed il bisogno di staccarmi dai condizionamenti urbani, lontano dalla tv, da internet, dai mezzi di locomozione e dai cittadini stessi intrisi di sovrastrutture intellettuali” – commenta Ercoli – “Cominciai a fare un lavoro su me stesso, mettendo a dura prova il mio spirito ed il mio fisico, portandolo allo strenuo pur di superare giornalmente un livello di sopportazione della fatica fisica e mentale” .

Da quanto lavori con i post-it e come ha iniziato a farlo?
Sono due anni che lavoro con i post-it, ma lavoro con la carta da molto più tempo. L’idea mi è venuta giocando con una lama e con della carta. Devo ringraziare il mio spirito ludico, è alla base di ogni apprendimento.

 

ercoli-granata ercolimarco.me - Bomba non Bomba

 

C’è un contrasto evidente tra i colori, la leggerezza dei post-it e l’idea di costruire armi.
Alla base c’è una provocazione. Le armi sono viste, il più delle volte, come giocattoli (la P38 l’ho chiamata Tenere lontano dalla portata dei bambini). Mi baso sull’esperienza umana che davanti a sé ha un oggetto di morte camuffata dall’effimera bellezza della cromatica post-industriale. Oggi, dovunque ti giri, trovi una schizofrenia cromatica evidente: impulsi percettivi basati sul marketing e sul catturare il possibile acquirente come mosche attirate dal vino. Fino a settant’anni fa la cromatica non era così, basti pensare ai costumi d’oggi e ai costumi dei nostri padri.

 

ercoli-pistola-2 ercolimarco.me - Tenere Lontano dalla Portata dei Bambini

 

Quanto tempo impieghi per realizzare una scultura?
Sono una persona abbastanza abitudinaria. Mi sveglio presto la mattina per lavorare fino a notte tarda. Per ogni scultura impiego circa un mese di lavoro, ci vuole molta dedizione. Per questo un mio carissimo amico mi chiama “il Monaco”.

Tecnicamente qual è la difficoltà maggiore?
Tecnicamente sono uno spasso, per me.

 

Ercoli-foglie ercolimarco.me - Il silenzio o In presenza dell’assenza

 

C’è un collegamento tra il post-it e le foglie, uno degli elementi più ricorrenti nei tuoi lavori pittorici?
È la dedizione minutissima che c’è in ogni lavoro. Non è la tecnica la cosa più importante ma l’accuratezza di ogni minimo dettaglio, di ogni millimetro dove l’occhio arriva. Ho vissuto a stretto contatto con la natura: è il luogo di origine dove tutto nasce e tutto torna. Le foglie di un albero, come quelle di una piccola pianta, esprimono la poesia della caducità della vita.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >