Art
di Gabriele Ferraresi 27 Aprile 2016

Il pellegrinaggio fotografico di Settimio Benedusi: a piedi da Imperia a Milano barattando foto

Il cammino di #SettimioDeCompostela è giunto al termine, e noi l’abbiamo intervistato

Settimio Benedusi è un fotografo professionista italiano, uno dei maggiori: ha scattato praticamente chiunque, lavorato al leggendario calendario di Sports Illustrated e pubblicato le sue foto dappertutto. Ha anche un blog, che se volete lavorare con la fotografia o vi piace leggere uno che conosce bene ciò di cui parla, vale la pena di seguire. Nato a Imperia, Settimio vive dagli anni ottanta a Milano, dove ha costruito la sua carriera. E fin qui, tutto bene.

Un paio di settimane fa Settimio ha voluto rifare il percorso da Imperia a Milano, in una maniera un po’ diversa dal passato: l’ha fatto a piedi.

Non solo: durante i dodici giorni di viaggio, ha barattato le sue fotografie (una trentina in totale) con quello che gli serviva per vivere. Sì, scambiando la cosa che sa fare meglio al mondo con un letto in cui dormire, oppure con un pranzo, una cena, una merenda, con quello che gli serviva. E ha funzionato alla grande.

 

 

Benedusi ha raccontato la sua impresa su Facebook – cercate l’hashtag #SettimioDeCompostela per rivivere il suo cammino di circa 300 km dalla Liguria alla Lombardia – e noi lo abbiamo contattato per farci raccontare il suo viaggio

Intanto complimenti: missione compiuta!
Assolutamente sì, ed è stato tutto vero, come l’ho raccontato. Sono partito il primo giorno allo sbaraglio, avevo due bottiglie d’acqua e nient’altro, niente da mangiare. Mi ero portato dietro una Leica Q e un iPhone, tutto qui.

Settimio: perché l’hai fatto?
Le motivazioni per cui l’ho fatto sono varie: una è quella di tornare nella città dove ho trovato in qualche maniera fortuna con il mio lavoro. Facendo il viaggio che trent’anni fa ho fatto in treno, ma facendolo in una maniera più faticosa, a piedi. E poi in qualche maniera volevo riconquistarmi Milano. Ma la motivazione più profonda, più vera, è quella di capire nei riguardi di quella che è la mia professione, quanto la fotografia possa avere ancora un valore.

 

 

Capire se la fotografia può dare da mangiare
Esatto. In un momento in cui non si sa bene quanto la gente voglia tirar fuori soldi per la fotografia, e la fotografia viene scambiata per un like su Facebook, volevo vedere se ha o può avere un valore addirittura di sopravvivenza.

Come reagiva la gente che incontravi lungo il cammino?
Ogni volta che mi fermavo in un posto all’inizio c’era un po’ di diffidenza: anche in quelli bendisposti… ma la cosa incredibile, incredibile, è che dopo un giorno, se dormivo lì, o un’ora se mangiavo lì, si scatenava un ambaradan di emozioni, di commozioni, incredibile. Non solo dove stavo a dormire, per cui rimanevo di più… mi presentavano i parenti, i figli, il cane… era una roba, che ci ritrovavamo alla fine come se ci fossimo conosciuti da cent’anni.

 

 

Qual è la cosa più importante che hai imparato da questa impresa?
Alle persone che vedevo bendisposte, facevo un discorso abbastanza lungo e “complesso”, e se avevano dei dubbi, quel discorso li faceva capitolare. Gli raccontavo che una volta qualsiasi città, ma anche qualsiasi paesino aveva il fotografo del paese, che fotografava le persone: e non è detto che fosse un artista, era un professionista, uno che sapeva fare il suo lavoro bene. Del resto nessuno chiede allo stagnino di essere un artista, gli si chiede di essere un professionista, uno che sa fare bene il suo lavoro. Il fotografo di paese faceva le fotografie, le stampava, ed era un servizio sociale, tra l’altro proprio della fotografia: nel senso che prima dell’invenzione della fotografia la possibilità di avere una propria autonomia iconografica era limitata a una fascia limitatissima di persone, ai ricchi che potevano permettersi il pittore. Quando è stata inventata la fotografia questa cosa è diventata democratica e anche i contadini potevano avere la loro fotografia. Questo succedeva ed era una cosa meravigliosa, io dicevo a tutti “Se apri i cassetti, da qualche parte troverai le foto del tuo nonno, del tuo bisnonno, fotografati dal fotografo del paese” perché una volta era normale questa cosa. Adesso c’è un’involuzione. Tutti fanno le foto col cellulare, e va bene, non critico questa cosa, va benissimo questa democratizzazione della fotografia. Quello che critico è che non c’è più la tradizione di andare dal professionista a farsi fare una bella fotografia.

 

 

Molto vero: oggi abbiamo migliaia di foto, ma non ce n’è una davvero bella
Sì, tutte foto a cazzo! Il fotografo viene visto o come “niente”, o come un artista. No: è un professionista, perché anche pulire vetri un professionista delle pulizie lo sa fare meglio di me e di te. Ma soprattutto una volta una foto veniva stampata. E rimaneva. Le foto di tuo nonno se le cerchi da qualche parte ce le hai. Il problema doppio di fare le foto tutti col cellulare, è che sono fatte a cazzo, ma soprattutto che sono su di un supporto che prima o poi sparirà. A tutti dicevo: “Prima dell’iPhone avevi il Nokia, e la foto che erano sul Nokia adesso dove sono? Prima di avere Facebook avevi MySpace, e dove sono le foto di MySpace adesso? Io sono qua non a proporti una mia fotografia, che lascia il tempo che trova. Sono qua a proporti di realizzare una fotografia a qualcosa a cui tieni, che rimarrà qualcosa di epocale. La faccio bene, perché sono un professionista, te la stampo bene, se vuoi te la mando via mail“.

 

 

C’è una foto di #SettimioDaCompostela che ti ha emozionato particolarmente?
C’è stato il caso più emozionante, di questi due fratelli, dove ho dormito, in un bed & breakfast. Che mi hanno fatto fotografare i loro anziani genitori novantenni, sposati da sessant’anni: la volta precedente che erano andati da un fotografo a farsi fare una foto bella era stata al matrimonio. Io ho fatto questa foto, di questi due novantenni mano nella mano che sorridono in macchina… è stata una cosa epocale.

Che cosa ti ha insegnato il tuo cammino?
Mi ha insegnato che la fotografia se usata bene è una cosa importante e seria. Era la conferma che volevo avere.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >