Art
di Gabriele Ferraresi 27 Aprile 2016

Il pellegrinaggio fotografico di Settimio Benedusi: a piedi da Imperia a Milano barattando foto

Il cammino di #SettimioDeCompostela è giunto al termine, e noi l’abbiamo intervistato

Settimio Benedusi è un fotografo professionista italiano, uno dei maggiori: ha scattato praticamente chiunque, lavorato al leggendario calendario di Sports Illustrated e pubblicato le sue foto dappertutto. Ha anche un blog, che se volete lavorare con la fotografia o vi piace leggere uno che conosce bene ciò di cui parla, vale la pena di seguire. Nato a Imperia, Settimio vive dagli anni ottanta a Milano, dove ha costruito la sua carriera. E fin qui, tutto bene.

Un paio di settimane fa Settimio ha voluto rifare il percorso da Imperia a Milano, in una maniera un po’ diversa dal passato: l’ha fatto a piedi.

Non solo: durante i dodici giorni di viaggio, ha barattato le sue fotografie (una trentina in totale) con quello che gli serviva per vivere. Sì, scambiando la cosa che sa fare meglio al mondo con un letto in cui dormire, oppure con un pranzo, una cena, una merenda, con quello che gli serviva. E ha funzionato alla grande.

 

 

Benedusi ha raccontato la sua impresa su Facebook – cercate l’hashtag #SettimioDeCompostela per rivivere il suo cammino di circa 300 km dalla Liguria alla Lombardia – e noi lo abbiamo contattato per farci raccontare il suo viaggio

Intanto complimenti: missione compiuta!
Assolutamente sì, ed è stato tutto vero, come l’ho raccontato. Sono partito il primo giorno allo sbaraglio, avevo due bottiglie d’acqua e nient’altro, niente da mangiare. Mi ero portato dietro una Leica Q e un iPhone, tutto qui.

Settimio: perché l’hai fatto?
Le motivazioni per cui l’ho fatto sono varie: una è quella di tornare nella città dove ho trovato in qualche maniera fortuna con il mio lavoro. Facendo il viaggio che trent’anni fa ho fatto in treno, ma facendolo in una maniera più faticosa, a piedi. E poi in qualche maniera volevo riconquistarmi Milano. Ma la motivazione più profonda, più vera, è quella di capire nei riguardi di quella che è la mia professione, quanto la fotografia possa avere ancora un valore.

 

 

Capire se la fotografia può dare da mangiare
Esatto. In un momento in cui non si sa bene quanto la gente voglia tirar fuori soldi per la fotografia, e la fotografia viene scambiata per un like su Facebook, volevo vedere se ha o può avere un valore addirittura di sopravvivenza.

Come reagiva la gente che incontravi lungo il cammino?
Ogni volta che mi fermavo in un posto all’inizio c’era un po’ di diffidenza: anche in quelli bendisposti… ma la cosa incredibile, incredibile, è che dopo un giorno, se dormivo lì, o un’ora se mangiavo lì, si scatenava un ambaradan di emozioni, di commozioni, incredibile. Non solo dove stavo a dormire, per cui rimanevo di più… mi presentavano i parenti, i figli, il cane… era una roba, che ci ritrovavamo alla fine come se ci fossimo conosciuti da cent’anni.

 

 

Qual è la cosa più importante che hai imparato da questa impresa?
Alle persone che vedevo bendisposte, facevo un discorso abbastanza lungo e “complesso”, e se avevano dei dubbi, quel discorso li faceva capitolare. Gli raccontavo che una volta qualsiasi città, ma anche qualsiasi paesino aveva il fotografo del paese, che fotografava le persone: e non è detto che fosse un artista, era un professionista, uno che sapeva fare il suo lavoro bene. Del resto nessuno chiede allo stagnino di essere un artista, gli si chiede di essere un professionista, uno che sa fare bene il suo lavoro. Il fotografo di paese faceva le fotografie, le stampava, ed era un servizio sociale, tra l’altro proprio della fotografia: nel senso che prima dell’invenzione della fotografia la possibilità di avere una propria autonomia iconografica era limitata a una fascia limitatissima di persone, ai ricchi che potevano permettersi il pittore. Quando è stata inventata la fotografia questa cosa è diventata democratica e anche i contadini potevano avere la loro fotografia. Questo succedeva ed era una cosa meravigliosa, io dicevo a tutti “Se apri i cassetti, da qualche parte troverai le foto del tuo nonno, del tuo bisnonno, fotografati dal fotografo del paese” perché una volta era normale questa cosa. Adesso c’è un’involuzione. Tutti fanno le foto col cellulare, e va bene, non critico questa cosa, va benissimo questa democratizzazione della fotografia. Quello che critico è che non c’è più la tradizione di andare dal professionista a farsi fare una bella fotografia.

 

 

Molto vero: oggi abbiamo migliaia di foto, ma non ce n’è una davvero bella
Sì, tutte foto a cazzo! Il fotografo viene visto o come “niente”, o come un artista. No: è un professionista, perché anche pulire vetri un professionista delle pulizie lo sa fare meglio di me e di te. Ma soprattutto una volta una foto veniva stampata. E rimaneva. Le foto di tuo nonno se le cerchi da qualche parte ce le hai. Il problema doppio di fare le foto tutti col cellulare, è che sono fatte a cazzo, ma soprattutto che sono su di un supporto che prima o poi sparirà. A tutti dicevo: “Prima dell’iPhone avevi il Nokia, e la foto che erano sul Nokia adesso dove sono? Prima di avere Facebook avevi MySpace, e dove sono le foto di MySpace adesso? Io sono qua non a proporti una mia fotografia, che lascia il tempo che trova. Sono qua a proporti di realizzare una fotografia a qualcosa a cui tieni, che rimarrà qualcosa di epocale. La faccio bene, perché sono un professionista, te la stampo bene, se vuoi te la mando via mail“.

 

 

C’è una foto di #SettimioDaCompostela che ti ha emozionato particolarmente?
C’è stato il caso più emozionante, di questi due fratelli, dove ho dormito, in un bed & breakfast. Che mi hanno fatto fotografare i loro anziani genitori novantenni, sposati da sessant’anni: la volta precedente che erano andati da un fotografo a farsi fare una foto bella era stata al matrimonio. Io ho fatto questa foto, di questi due novantenni mano nella mano che sorridono in macchina… è stata una cosa epocale.

Che cosa ti ha insegnato il tuo cammino?
Mi ha insegnato che la fotografia se usata bene è una cosa importante e seria. Era la conferma che volevo avere.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
55,59 €

Macchina fotografica a pellicola 35 mm

Macchina fotografica a pellicola 35 mm, modello vintage. Piccola e leggera, divertiti a immortalare ogni momento in versione analogica. Caratteristiche: Built-in flash Pellicola della macchina fotografica (35mm) Disponibile in Verde, Rosa, Viola, Nero, Blu, Oro, Argento Fonte di energia: 1 x batteria alcalina AAA (non inclusa)   Prodotto spedito dalla Cina. Tempi di consegna: 20/30
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >