Art
di Alessandra Tecla Gerevini 14 Gennaio 2016

Kodak, ascesa e declino della fotografia per tutti

In attesa che Kodak risorga davvero, andiamo a ripassarci la sua storia.

kodak, center, usa Boston Public Library - Kodak Camera Center, Tennessee, ca. 1930-1945

 

Si torna a parlare di Kodak dopo anni di basso profilo e nessuna novità dalla casa madre, perché qualche giorno fa alla fiera tecnologica Consumer Electronics Show (CES) è stato presentato il prototipo della nuovissima Kodak Super 8. Qui, Kodak ha mostrato alcune immagini del mezzo (due varianti, in bianco e in nero, prodotti dal designer svizzero Yves Béhar) e il capo esecutivo Jeff Clarke ha fatto sapere che un’edizione limitata della cinepresa sarà disponibile dall’autunno 2016.

 

Sarà una commistione tra analogico e digitale per accontentare un po’ tutti e probabilmente non suonare troppo anacronistica e pretenziosa: e comunque il termine “hipster” quello più usato per definirla, sul web.

 

Super 8, kodak Twitter - Prototipi della nuova Kodak Super 8

 

La Kodak Super 8 apparve per la prima volta sul mercato nel 1965, creata dalla Eastman Kodak Company (a sua volta fondata da George Eastman nel 1888). Ma chi era George Eastman e cos’era la Kodak? E cos’è la Kodak oggi?

George Eastman nacque a Waterville, New York, nel 1854. A causa della prematura scomparsa del padre e di una sorella, dovette iniziare a lavorare molto giovane, cercando di aiutare la madre nel sostenere la famiglia. Cominciò in una società di assicurazioni, ma lo stipendio era così basso che si costrinse a studiare ogni sera ed ogni notte, per migliorare la sua situazione. E qualche anno dopo, finalmente, la Rochester Savings Bank gli offrì un posto, così ben pagato, che Eastman, per festeggiare, organizzò un viaggio a Santo Domingo. E cosa fai, vai a Santo Domingo e non fai foto?

Un amico gli consigliò di comprare l’attrezzatura fotografica (all’epoca si usava il metodo della lastra di vetro umida): e ciao Santo Domingo, benvenuta fotografia! La vita di Eastman ne viene rivoluzionata, e da quel momento fino alla sua morte, George si occuperà della sua azienda, della fotografia, e della filantropia.

 

George Eastman, D’ Anunzio Joseph D’ Anunzio - George Eastman by Joseph D’ Anunzio, 2 settembre 1914.

 

Qualche data. E qualche dato.

Nel 1884 Eastman brevetta il rullino (una pellicola sensibile alla luce), superando la fotografia complicata e costosa usata fino a quel momento. In quegli anni afferma: “Si fece gradualmente strada nella mia mente l’idea che {…} stavamo trasformando la fotografia in un’attività quotidiana, stavamo rendendo la fotografia semplice come disegnare“. E nel 1888 perfeziona la prima macchina fotografica creata specificatamente per usare i rullini, con lo slogan “Voi premete il pulsante, noi facciamo il resto” e la marca Kodak (o, in maniera più completa: Eastman Kodak Company), nome inventato da Eastman, che voleva una parola breve, facile da ricordare, diversa da ogni altra, e che iniziasse con la lettera K – Kodak fu il risultato di una serie di anagrammi tentati insieme a sua madre.

 

kodak camera © Bettmann/Corbis, Guardian - La prima macchina fotografica Kodak, 1889 © Bettmann/Corbis

 

La macchina fotografica Kodak, infatti, si acquistava con il rullino già caricato, e, completati gli scatti, i clienti rispedivano tutto all’azienda, che procedeva a sviluppare. Nel 1900 questa macchina prende il nome di Brownie, venduta a 1$, mentre ogni rullino costava 15 cent. La Brownie fu prodotta da Kodak fino alla fine degli anni ’60, e ne vendette milioni di modelli in tutto il mondo.

 

BROWNIE, camera, Kevin Stanchfield Kevin Stanchfield - BROWNIE

 

Eastman ebbe successo per il suo prodotto, ma anche per essersi occupato, personalmente ed instancabilmente, del marketing, degli slogan. Le sue pubblicità riuscirono ad instaurare un senso di fiducia nel cliente, puntarono sul divertimento fornito dal mezzo nei momenti di svago, e sottolinearono la facilità del gesto. Atteggiamento che la Eastman Kodak Company mantenne sempre, anche dopo la morte del proprio fondatore. Come dimenticarsi di “ciribiribi kodak”?

La Kodak, in pochi anni, divenne una delle società più conosciute e rinomate per esperti ed appassionati fotografi e videomaker. Infatti Kodak non si occupò solo di fotografia, ma espanse le sue conoscenze e innovazioni in molti campi: il cinema, la scienza, l’intrattenimento.

Con la messa in vendita del primo rullo di pellicola trasparente, si consentì, nel 1891, all’inventore Thomas Edison di sviluppare la prima macchina da presa, e nel 1896 Kodak cominciò a commercializzare una pellicola con un rivestimento speciale da usare con le cineprese. Ancora oggi la pellicola Kodak viene utilizzata per registrare le riprese effettuate in gran parte dei set cinematografici in tutto il mondo.

 

eastman e edison, cinepresa Forbes - George Eastman e Thomas Edison, 1928 (AP Photo)

E, come successe con la fotografia, anche le riprese video vennero rese pratica quotidiana dalla Kodak, che nel 1923 mise in commercio la prima Cine-Kodak camera, anche a prezzi ragionevoli “per uomini di mezzi discreti”.

 

CINE-kodak camera flickr - CINE-kodak camera

L’evoluzione successiva fu durante gli anni ’50, quando fu inserita sul mercato la Brownie 8mm movie camera, facile da usare ed economica (a differenza delle macchine da presa precedenti, infatti, la Brownie montava rullini 8mm, ottenuti dividendo a metà quelli da 16mm in dotazione fino a quel momento. Idea che riuscì a tagliare i costi e a rendere le riprese “casalinghe” una pratica molto popolare in quegli anni).

Tutti cominciarono a fare filmini, riprendendo momenti quotidiani, famigliari, eventi speciali ed esibizioni pubbliche. Tristemente famose, per esempio, sono le riprese di Zapruder registrate a Dallas, TX, il 22 novembre 1963, durante l’ultima parata dell’allora presidente americano John F. Kennedy ed effettuate su pellicola 8mm Kodakchrome.

Una lunga e fruttuosa collaborazione nacque (durante gli anni ’60) con la NASA, e continua ancora oggi: fu grazie a sistemi fotografici progettati da Kodak che a metà degli anni ’60 si riuscì a fotografare quasi interamente la superficie lunare, in preparazione all’atterraggio di Apollo; John Glenn riuscì invece a fotografare la Terra vista dallo spazio registrandola su pellicola Kodak (1966); una particolare macchina fotografica adattata alle esigenze salì anche sull’Apollo 11 ed aiutò gli astronauti a scattare primi piani di rocce, polveri e dettagli della superficie lunare.

 

terra, luna, spazio NASA - La prima immagine della Terra vista dalla Luna, 1966

Kodak quindi fu all’apice del successo per moltissimi anni. Le sue fotocamere compatte, le Instamatic, andarono a ruba, e tra il 1963 e il 1970, ne vennero prodotte più di 25 milioni. Fino al boom della fotografia digitale.

A quel punto semplicemente la Eastman Kodak Company non è riuscita ad offrire prodotti all’altezza. Pur essendo stata proprio la stessa Kodak a produrre il primo prototipo di macchina fotografica digitale, nel lontano 1975, grazie al pazzo progetto di Steve Sasson, progetto che però fu dimenticato e messo da parte per molti anni. Infatti la prima vera macchina fotografica digitale targata Kodak fu messa in commercio solo nel 1991, con il nome Kodak DCS-100.

L’evoluzione e l’espansione della fotografia digitale, portò la Eastman Kodak Company a chiudere le vendite di macchine fotografiche analogiche in Europa e America nel 2004. Purtroppo non fu in grado di riempire questo buco con un successo legato alla sfera digitale, e si arrivò alla dichiarazione di bancarotta il 5 gennaio 2013, con un drastico ridimensionamento dell’azienda e dei suoi prodotti (e con la svendita di moltissimi brevetti ad altre società). Fino ad adesso, in effetti.

 

instamatic, kodak, macchina fotografica Joost J. Bakker - Kodak INSTAMATIC 104

E George Eastman? George Eastman si suicidò nel 1932, dopo che gli venne diagnosticata una malattia alla spina dorsale che lo costringeva su una sedia a rotelle e lo rendeva non autonomo. Lasciò un messaggio: “Ai miei amici: il mio lavoro è compiuto. Perché aspettare?”. Ad oggi appare invece che alla sua azienda sia rimasto del lavoro da fare: che sia risollevarne le sorti, in ricordo e omaggio al suo fondatore? Tra un anno circa si tireranno le somme sulle vendite della Kodak Super 8. Ci rivediamo qui.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >