Art
di Alessandra Tecla Gerevini 18 Dicembre 2015

Addio Holga, la storia della leggendaria macchina fotografica

La fine di un mito

holga-foto Lomography - HOLGA 120 GN

 

Dicembre è cominciato con una brutta notizia per gli appassionati di fotografia e toy cameras: la Freestyle Photographic, l’azienda produttrice della Holga, iconica macchina fotografica, ha annunciato di averla tolta dalla produzione (anzi, con un po’ di crudeltà, il portavoce dalla Cina afferma: “…tutti gli accessori legati alla Holga sono stati già buttati e non abbiamo più nulla da vendere”). Il CEO di Freestyle accompagna il comunicato con queste parole: “È con tristezza nel cuore che diciamo addio ad una macchina fotografica che è stata importante a lungo e per molte persone. La Holga è sempre stata legata alla creatività, all’imprevedibilità, ed è stato un mezzo fresco in quest’era digitalizzata. Holga è sopravvissuta a molte altre macchine fotografiche, ma ora è solo un’altra vittima dell’era digitale.” Non si chiarisce il perché si sia arrivati a prendere una decisione tanto drastica, ma si lascia intendere un sostanziale calo di vendite.

Ho letto post sofferenti su blog di appassionati del mezzo, ma immagino anche quante persone non conoscano affatto la Holga e le sue performance. Cerchiamo di fare un po’ di chiarezza.

 

bloomchen Lomography - Bloomchen, MEMORIAL ON THE KREUZBERG

 

La Holga è una macchina fotografica economica medio formato che venne fabbricata a Hong Kong per la prima volta nel 1981, dedicata esclusivamente al mercato cinese di fascia popolare. In inglese si usa il termine toy camera, che punta l’attenzione sull’aspetto giocoso di quel tipo di fotografia, ne sottolinea l’uso spensierato nel proprio tempo libero. Da noi invece si dice macchina economica. Il nome Holga sembra derivare dall’espressione ho gwong che significa molto luminoso.

Monta rullini formato 120 (quelli più lunghi con 12/16 pose, per intenderci), perché quelle pellicole in bianco e nero erano le più usate in quegli anni in Cina, quindi anche le più economiche (sempre per non perdere di vista in target a cui si rivolgeva). Probabilmente una scelta un po’ sfortunata, visto che proprio in quegli anni di apertura della Cina verso il resto del mondo, si andavano diffondendo le pellicole da 35mm, che permettevano di costruire macchine leggere e relativamente economiche che garantivano risultati di una certa qualità. Dalla Cina la Holga ha iniziato a suscitare interesse nel resto del mondo, fino a raggiungere una diffusione a livello globale.

 

holga_about lomography - Holga e accessori

 

Come abbiamo anticipato poco sopra, la Holga è una macchina fotografica medio formato: con il termine medio, ci si riferisce alle dimensioni del formato fotografico, che nella Holga possono misurare 4,5x6cm e 6x6cm. L’economicità della Holga sta nel fatto che il corpo macchina è realizzato completamente in plastica ed è montato in un unico pezzo. Questo comporta alcuni difetti di fabbricazione che, per esempio, permettono alla luce di infiltrarsi creando sulle fotografie strisce, macchie, giochi di luce, particolarità riprese e riprodotte nell’era digitale da Hipstamatic (app per processare immagini su smartphone), per esempio e in un modo meno estremo da Instagram stesso (il formato quadrato).

Monta una lente fotografica a menisco compatta, che può essere di vetro o plastica, con una messa a fuoco a partire da un metro. Il tipico effetto portato da queste lenti è la vignettatura, molto visibile nelle foto scattate con Holga, ma che si può cercare di limitare con dei trucchi, per esempio dipingendo l’interno con una vernice nera opaca; anche la sfocatura intorno al soggetto a fuoco è un carattere distintivo di questa fotografia. L’apertura dell’obiettivo si decide soltanto selezionando il simbolino delle nuvole oppure del sole; il rullino bisogna portarlo avanti manualmente, caratteristica che permette di scattare foto con multiple esposizioni (sia volute, ma molto spesso “di fortuna”).

 

davidburnett-thewhitehouse David Burnett - David Burnett, The White House

 

Quindi perché scegliere una Holga, chiaramente inaffidabile (a volte nel corpo macchina può entrare così tanta luce da bruciare la pellicola! Rimedi: chiudere con nastro isolante le zone che potrebbero fare entrare la luce) e quasi “amatoriale”? Perché è leggera, si porta sempre appresso, è poco costosa, è divertente perché permette sperimentazioni con filtri e flash colorati e con esposizioni multiple. Permette la scelta dei rullini da caricare, le opzioni sono davvero tante e in più offre l’emozione dell’attesa, della sorpresa, perché sono proprio le caratteristiche uniche di ogni macchina a contribuire al lavoro finale e finito. Nei suoi difetti, insomma, stanno anche i suoi pregi.

La Holga però non è stata usata solo da giovani con voglia di sperimentare. Grandi fotografi hanno deciso di utilizzarla per scattare foto e interi progetti. David Burnett, per esempio, che in una galleria sul suo sito intitolata Holga Eye raccoglie tutti i suoi lavori fatti con una Holga, tra i quali troviamo foto della campagna presidenziale del 2000 di Al Gore; o Michael Kenna, un fotografo inglese conosciuto principalmente per i suoi inusuali paesaggi in bianco e nero, e che durante i suoi viaggi sperimenta usando la Holga.

 

holgaburnett2 David Burnett - David Burnett, Al Gore Campaign 2000

 

holgakenna SkiaKaiFos - Michael Kenna, white bird flying, Paris, France, 2007

 

holgakenna2 Michael Kenna - Michael Kenna, Baby Elephant, Phuket, Thailand, 2011

 

Il web pullula di siti (lomography.com si dedica alle toy cameras in un modo completo), blog e gruppi dedicati a mostrare e raccogliere lavori scattati con la Holga. Perché è bello parlare con chi ha le stesse passioni, discutere di modelli e pellicole, aspettare la luce giusta e sentire la mancanza di posti dove non si è mai stati, scavare tra i ricordi di momenti che sono passati come un soffio. La Holga fa divertire. La trovate ancora, per un po’. Il mio consiglio: scattateci qualche rullino, magari non riuscirete più a fermarvi. Se invece non fa per voi, sarà sempre un bel soprammobile, un po’ kitsch magari, ma che vi ricorderà di essere ancora un po’ bambini e di volerlo essere.

 

holga2 lomography - Tommy North

 

holga3 tumblr - Shelby M. Hall by Chris Schoonover, 2015

 

holga4 lomography - Xaviru

 

holga5 tumblr - Joseph Zorn

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >