Art
di Gabriele Ferraresi 18 Febbraio 2016

Tette, il primo libro fotografico di Elena Atzori

Un’edizione limitata in 100 copie, tutta dedicata ai dettagli del seno

12476927_1121412051224061_237085140_o

Elena Atzori è una fotografa, vive a Roma e ha fatto un libro che ci ha molto incuriosito, perché s’intitola in maniera onesta: Tette.

Sì, si chiama così, e dentro ovviamente c’è solo quello che immaginate. Elena spiega che il libro nasce da “una meticolosa attenzione verso i dettagli del seno, parte imprescindibile nel raccontare una donna”.

Stampato in 100 copie numerate, sarà disponibile dai primi di marzo. Noi intanto abbiamo fatto qualche domanda a Elena.

Ciao Elena, come va? Puoi presentarti per i lettori di DailyBest?
(Durante una seduta degli alcolisti anonimi) Ciao a tutti mi chiamo Elena e sono più di dieci anni dipendente dalla fotografia.

Ho letto che hai cominciato a fotografare intorno ai 16 anni: che ricordi hai di quel periodo?
Mi annoiavo a morte e facevo di tutto per ammazzare la noia. In quel periodo mi piaceva tantissimo disegnare fumetti e credevo che avrei fatto solo quello, poi papà mi regalò una compatta digitale fuji e da li con alti e bassi (causa studio) non ho più smesso. Lo so è una classica storia da nostalgico fotografo romantico però che ti devo dire, è la verità.

Sul tuo account Twitter leggo: aspirante scienziata, fotografa, gattara. A “fotografa” e “gattara” ci arrivo, ma scienziata?
Fin dalle elementari ho sempre desiderato diventare “una scienziata” perchè Scienze era la mia materia preferita (colpa di maestra Pinuccia che con le sue lezioni me l’ha fatta amare) e sognavo da grande di lavorare in un laboratorio per fare esperimenti tutto il giorno. Alla fine ce l’ho fatta, perché in questo preciso momento sono in pausa e ti rispondo dal laboratorio in cui lavoro (per ora).

 

12755137_1121412037890729_317468723_o

 

A scorrere gli hashtag delle tue foto mi pare di capire che scatti con qualunque supporto e formato: hai delle preferenze? 
Sinceramente la preferenza è solo relativa al supporto infatti al digitale preferisco nettamente l’analogico di cui sto esporando e sperimentanto tutte le parti: il tipo di pellicola, la tipologia di macchina, lo sviluppo in bianco e nero e a colori, la stampa (in bianco e nero perchè a colori è più complicato…). Poi se proprio devo esprimere una preferenza, allora ti dico il 35 mm montato sulla mia Mju a cui sono molto affezionata.

Il tuo nuovo libro ha un titolo bellissimo, onesto, morbido: TETTE. Puoi raccontarci come ti è venuta l’idea di farlo?
Non è il mio nuovo libro è il mio primo libro! E’ nato durante una sera passata a risistemare scansioni di negativi ho notato di aver collezionato un buon numero di fotografie di seni, dunque mi è venuta l’idea, che mi divertiva un sacco, di utilizzarle per fare un libriccino che le raccogliesse, e mi sono rivolta all’esperienza editoriale di Nicola Albertin (punto / metallico è il suo nuovo progetto editoriale) che ha accolto di buon grado questo progetto. Abbiamo optato per un titolo cosi diretto perché ci sembrava più genuino per descrivere una parte cosi bella e caratteristica del corpo di una donna che spesso e ingiustamente viene maltrattato dalla censura. E poi fa molto commedia trash italiana anni ottanta di cui siamo appassionati tutti e due.

Cosa troviamo dentro a TETTE?
Tante tette con le loro peculiarità, tutte belle, tutte italiane. Hai mai fatto un intervista tutte queste tette? TETTE, TETTE, TETTE. Senti come suona bene!

In effetti funziona. Dal vivo non ci conosciamo, ma conosco da anni il tuo Tumblr: sei presente online ovunque, da Instagram a Flickr, ma c’è un luogo della rete o dei social media che ami di più?
Ahahah! È vero! Utilizzo molti social da sempre perché sono divertenti e sono molto utili per far conoscere ciò che si crea agli altri in maniera facile e rapida. Account Flickr è il più vecchio che ho utilizzato, sopratutto agli inizi, anche se ora lo sto trascurando perché dopo gli ultimi cambiamenti che hanno apportato non mi piace più come prima. Tumblr mi è sempre piaciuto sia per l’estetica che per la sua politica easy sulle immagini di nudo; però il mio preferito è sicuramente Instagram che ho da poco più di un anno. Sono attirata da Snapchat anche se non ho ancora ben capito a cosa serva.

Quali sono i tuoi progetti fotografici cui sei più affezionata?
Quest’ultimo perché fin da piccola ho sempre desiderato fare un libro. Certo, dieci anni fa pensavo più alla narrativa o ai fumetti però anche le foto delle tette vanno bene anzi, mi riescono meglio.

Qual è la foto cui sei più affezionata?
Si esiste e non è una foto scattata da me (perché sono una di quelle persone che non è mai soddisfatta al 100% e “sua figlia è brava ma potrebbe fare di più”) bensì delle classiche foto ricordo che hanno fatto a me il carnevale del 1990. Non so perché mi sono tornate in mente ma qualche giorno fa avevo voglia di rivederle quindi mi sono fatta mandare da mio papà delle scansioni, che per quanto sono vecchie quelle foto non si staccano più dall’album senza rovinarle. Adesso potete piangere tutti.

 

scan0007

 

Quali sono i tuoi prossimi progetti?
Ammazza non ho nemmeno finito questo che subito devo pensare ad un altro progetto! Tutti questi progetti! Tutti a progettare! In realtà di idee ce ne sono, le sto discutendo ed elaborando con alcune persone che ho conosciuto ultimamente e altre che conosco da molto tempo. Io faccio le fotografie.

Cosa c’è nella tua borsa?
La mia borsa è uno zaino/borsa di Mary Poppins con dentro un pc portatile che mi porto sul groppone cinque giorni su sette, il portafogli, il portamonetine, le chiavi di casa e quelle del laboratorio, una trousse con dentro tremila cerotti perché non si sa mai, una compattina a rotazione perché c’è sempre qualcosa da fotografare in giro, un ombrello di alluminio così pesa poco e in questo periodo ho aumentato la quantità di fazzolettini smocciolati a causa di un virus che, come si dice, sta girando.

Grazie Elena.
Tette si trova sul sito del suo editore, Aalphabet

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
36,90 €

Orologio da tavolo vintage

Dal design minimal, l'orologio da tavolo con flip-page è perfetto per la tua scrivania, donando un tocco vintage al tuo studio o alla tua casa. CARATTERISTICHE: Dimensioni: 195mm x 170 millimetri Non include batterie Prodotto spedito dalla Cina, Stati Uniti o Repubblica Ceca. Tempi di consegna: 20/30 gg.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
19,90 €

Milano Music Map

Un poster con una speciale mappa di Milano fatta con i nomi delle band e dei musicisti che abitano le rispettive zone. Un oggetto di arredo per tutti i milanesi appassionati di musica!  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >