Art
di Gabriele Ferraresi 18 Febbraio 2016

Tette, il primo libro fotografico di Elena Atzori

Un’edizione limitata in 100 copie, tutta dedicata ai dettagli del seno

12476927_1121412051224061_237085140_o

Elena Atzori è una fotografa, vive a Roma e ha fatto un libro che ci ha molto incuriosito, perché s’intitola in maniera onesta: Tette.

Sì, si chiama così, e dentro ovviamente c’è solo quello che immaginate. Elena spiega che il libro nasce da “una meticolosa attenzione verso i dettagli del seno, parte imprescindibile nel raccontare una donna”.

Stampato in 100 copie numerate, sarà disponibile dai primi di marzo. Noi intanto abbiamo fatto qualche domanda a Elena.

Ciao Elena, come va? Puoi presentarti per i lettori di DailyBest?
(Durante una seduta degli alcolisti anonimi) Ciao a tutti mi chiamo Elena e sono più di dieci anni dipendente dalla fotografia.

Ho letto che hai cominciato a fotografare intorno ai 16 anni: che ricordi hai di quel periodo?
Mi annoiavo a morte e facevo di tutto per ammazzare la noia. In quel periodo mi piaceva tantissimo disegnare fumetti e credevo che avrei fatto solo quello, poi papà mi regalò una compatta digitale fuji e da li con alti e bassi (causa studio) non ho più smesso. Lo so è una classica storia da nostalgico fotografo romantico però che ti devo dire, è la verità.

Sul tuo account Twitter leggo: aspirante scienziata, fotografa, gattara. A “fotografa” e “gattara” ci arrivo, ma scienziata?
Fin dalle elementari ho sempre desiderato diventare “una scienziata” perchè Scienze era la mia materia preferita (colpa di maestra Pinuccia che con le sue lezioni me l’ha fatta amare) e sognavo da grande di lavorare in un laboratorio per fare esperimenti tutto il giorno. Alla fine ce l’ho fatta, perché in questo preciso momento sono in pausa e ti rispondo dal laboratorio in cui lavoro (per ora).

 

12755137_1121412037890729_317468723_o

 

A scorrere gli hashtag delle tue foto mi pare di capire che scatti con qualunque supporto e formato: hai delle preferenze? 
Sinceramente la preferenza è solo relativa al supporto infatti al digitale preferisco nettamente l’analogico di cui sto esporando e sperimentanto tutte le parti: il tipo di pellicola, la tipologia di macchina, lo sviluppo in bianco e nero e a colori, la stampa (in bianco e nero perchè a colori è più complicato…). Poi se proprio devo esprimere una preferenza, allora ti dico il 35 mm montato sulla mia Mju a cui sono molto affezionata.

Il tuo nuovo libro ha un titolo bellissimo, onesto, morbido: TETTE. Puoi raccontarci come ti è venuta l’idea di farlo?
Non è il mio nuovo libro è il mio primo libro! E’ nato durante una sera passata a risistemare scansioni di negativi ho notato di aver collezionato un buon numero di fotografie di seni, dunque mi è venuta l’idea, che mi divertiva un sacco, di utilizzarle per fare un libriccino che le raccogliesse, e mi sono rivolta all’esperienza editoriale di Nicola Albertin (punto / metallico è il suo nuovo progetto editoriale) che ha accolto di buon grado questo progetto. Abbiamo optato per un titolo cosi diretto perché ci sembrava più genuino per descrivere una parte cosi bella e caratteristica del corpo di una donna che spesso e ingiustamente viene maltrattato dalla censura. E poi fa molto commedia trash italiana anni ottanta di cui siamo appassionati tutti e due.

Cosa troviamo dentro a TETTE?
Tante tette con le loro peculiarità, tutte belle, tutte italiane. Hai mai fatto un intervista tutte queste tette? TETTE, TETTE, TETTE. Senti come suona bene!

In effetti funziona. Dal vivo non ci conosciamo, ma conosco da anni il tuo Tumblr: sei presente online ovunque, da Instagram a Flickr, ma c’è un luogo della rete o dei social media che ami di più?
Ahahah! È vero! Utilizzo molti social da sempre perché sono divertenti e sono molto utili per far conoscere ciò che si crea agli altri in maniera facile e rapida. Account Flickr è il più vecchio che ho utilizzato, sopratutto agli inizi, anche se ora lo sto trascurando perché dopo gli ultimi cambiamenti che hanno apportato non mi piace più come prima. Tumblr mi è sempre piaciuto sia per l’estetica che per la sua politica easy sulle immagini di nudo; però il mio preferito è sicuramente Instagram che ho da poco più di un anno. Sono attirata da Snapchat anche se non ho ancora ben capito a cosa serva.

Quali sono i tuoi progetti fotografici cui sei più affezionata?
Quest’ultimo perché fin da piccola ho sempre desiderato fare un libro. Certo, dieci anni fa pensavo più alla narrativa o ai fumetti però anche le foto delle tette vanno bene anzi, mi riescono meglio.

Qual è la foto cui sei più affezionata?
Si esiste e non è una foto scattata da me (perché sono una di quelle persone che non è mai soddisfatta al 100% e “sua figlia è brava ma potrebbe fare di più”) bensì delle classiche foto ricordo che hanno fatto a me il carnevale del 1990. Non so perché mi sono tornate in mente ma qualche giorno fa avevo voglia di rivederle quindi mi sono fatta mandare da mio papà delle scansioni, che per quanto sono vecchie quelle foto non si staccano più dall’album senza rovinarle. Adesso potete piangere tutti.

 

scan0007

 

Quali sono i tuoi prossimi progetti?
Ammazza non ho nemmeno finito questo che subito devo pensare ad un altro progetto! Tutti questi progetti! Tutti a progettare! In realtà di idee ce ne sono, le sto discutendo ed elaborando con alcune persone che ho conosciuto ultimamente e altre che conosco da molto tempo. Io faccio le fotografie.

Cosa c’è nella tua borsa?
La mia borsa è uno zaino/borsa di Mary Poppins con dentro un pc portatile che mi porto sul groppone cinque giorni su sette, il portafogli, il portamonetine, le chiavi di casa e quelle del laboratorio, una trousse con dentro tremila cerotti perché non si sa mai, una compattina a rotazione perché c’è sempre qualcosa da fotografare in giro, un ombrello di alluminio così pesa poco e in questo periodo ho aumentato la quantità di fazzolettini smocciolati a causa di un virus che, come si dice, sta girando.

Grazie Elena.
Tette si trova sul sito del suo editore, Aalphabet

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Virginia Mori

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Virginia Mori Nasce a Cattolica nel 1981. Vive e lavora a Pesaro. Si perfeziona in Illustrazione e Animazione all’Istituto Statale d’Arte di Urbino, esperienza formativa che contribuisce a costruire e consolidare il suo immaginario artistico e che le permette di muovere i primi passi nella realizzazione di corti di animazione tradizionale e nell’illustrazione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
50,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >