Geek
di Stefano Disastro 21 Marzo 2012

Accordo Instagram & Hipstamatic: l’app photo social perfetta è fatta

Per la serie, “i sogni proibiti diventano realtà”
o anche “parole d’ordine: fluidità, semplificazione, condivisione”

La scorsa settimana Instagram ha raggiunto i 27 milioni di utenti, diventando non solo uno dei più popolari servizi di photo-sharing sul mercato, ma uno dei social network mondiali a crescita più rapida (i suoi utenti sono triplicati negli ultimi sei mesi) e tutto questo essendo un social network essenzialmente “chiuso”: è disponibile solo per iPhone (e chissà cosa succederà quando la versione Android, promessa da mesi, sarà pronta…) e soprattutto gli utenti possono inserire le proprio foto solo su e tramite Instagram (a differenza di Facebook, Twitter, Google +, e Flickr, che consentono l’importazione da praticamente ovunque).

Insomma da 1 annetto buono è Istagram-Mania ma evidentemente non basta, tutto è pronto per cambiare ed evolversi ulteriormente.

Da oggi Hipstamatic, altra app ‘storica’ di foto dal gusto retro, annuncia una partnership con Instagram che permetterà di scattare foto con Hipstamatic e caricarle direttamente in Instagram con un solo click.
E’ la prima volta che Instagram apre questa piattaforma API a terzi.

“Quando abbiamo iniziato era tutto su Facebook e Flickr e Twitter. Mentre ora stiamo vedendo un cambiamento enorme nella nostra base di utenti verso Instagram”, dice il co-fondatore e CEO di Hipstamatic Lucas Buick. “Non siamo mai stati un’azienda di social-networking, ma abbiamo chiaramente tutto l’interesse e la volontà di sfruttare le reti sociali. Quindi questa sarà la prima applicazione al di fuori di Instagram che consente di utilizzare la loro rete. Questo è davvero cool per noi “.

Da oggi infatti (o comunque nei prossimi giorni), quando gli utenti scatteranno una foto con Hipstamatic, avranno la possibilità di uplodare la foto in Instagram, proprio come si può fare un check-in di Foursquare su Twitter. Gli hipsta-utenti potranno taggare le foto con il particolare obiettivo, pellicola e flash utilizzata, e aggiungere commenti – il tutto direttamente da Hipstamatic. Su Instagram la foto apparirà con dicitura: ‘Fatta con Hipstamatic’.

“E’ davvero tutto qui, molto semplice: la gente posta già parecchie foto fatte in Hipstamatic su Instagram, e vogliamo solo permettere che questo sia più facile”, afferma il CEO e co-fondatore di Instagram, Kevin Systrom.”E’ un ulteriore passo nella direzione che stiamo prendendo. Il nostro obiettivo è fare in modo che le foto Instagram siano davvero quello che sta succedendo ora nella tua vita, e vogliamo ‘aiutare’ ancora più foto a essere/finire su Instagram indipendentemente da dove e con cosa sono state scattate“.

Insomma. Cooperazione e Semplificazione.

Per Instagram, la partnership fornisce la rete di accesso a creatori di contenuti di alta qualità, una comunità fotografica di 4 milioni di utenti che caricano 48 milioni di foto al mese. (Hipstamatic vanta fotogiornalisti come Damon Winter del New York Times, che ha utilizzato Hipstamatic per un servizio, vincendo un premio internazionale).

Da parte di Instagram, come già detto, la partnership aiuta a posizionarsi e rafforzarsi ancora di più come piattaforma di social networking – una piattaforma che potrebbe aggiungere altri servizi in futuro (altre app legate alla fotocamera dell’iphone, tipo Camera+). “Mi piacerebbe immaginare che se questo esperimento decolla, in futuro si possa aprire e autorizzare altri client API” dice Systrom.

Gli sviluppatori di Instagram e Hipstamatic hanno lavorato poche settimane sul progetto, una sinergia perfetta che dimostra come aziende simili possono lavorare per completarsi a vicenda, piuttosto che in concorrenza.

Le 2 start-up d’altronde hanno molto in comune: entrambe sono state selezionate/premiate da Apple, Hipstamatic come l’applicazione iPhone dell’anno nel 2010, e Instagram vincitrice del titolo nel 2011. Entrambi i servizi offrono una vasta gamma di filtri e sono disponibile solo su iPhone. Entrambe le società hanno solo circa una dozzina di dipendenti e soprattutto entrambe sono a un passo dalla $volta $eria.

Instagram si dice sia sul punto di ricevere $ 40 milioni di finanziamento al pari di una valutazione di 500 milioni dollari; Hipstamatic al contrario non ha mai ricevuto un centesimo di finanziamenti ma è stata redditizia sin dalla sua seconda settimana di vita (l’anno scorso Hipstamatic ha generato circa $ 10 milioni di entrate).

Tutto è bene quel che continua bene.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >