Geek
di Mattia Nesto 11 Ottobre 2019

Concrete Genie: sconfiggere il bullismo con la fantasia è possibile

L’esclusiva di Sony Playstation non è fatto un gioco minore, anzi.

Non so quanti di voi si ricordino quell’incredibile e struggente canzone di qualche anno fa dei Belle & Sebastian intitolata “The Boy with The Arab Strap” e che, ad un certo punto, fa “Color my life with the chaos of trouble/ ‘cause anythings better than posh isolation” che si può, più o meno tradurre, con “colora la mia vita con il caos delle difficoltà visto che qualsiasi cosa è meglio rispetto all‘isolamento dei poser”. Ecco, questa strofa ci è venuta in mente quando Sony Playstation Italia ci ha fatto provare la sua esclusiva Concrete Genie. Nonostante l’annuncio della nuova console di casa Sony abbia tenuto banco in questi giorni (almeno nella ristretta/larga bolla del gaming) questo Concrete Genie, presentato dalla stampa specializzata come un’esclusiva “minore”, ci ha regalato delle emozioni fortissime e ci ha mostrato un cuore puro, e molto colorato, che ha battuto all’unisono col nostro.

Concrete Genie, gioco sviluppato da PixelOpus, vede come protagonista Ash, un giovane ragazzo solitario ma pieno di estro artistico che è solito passare i pomeriggi dopo la scuola al molo di Deska, una città una volta fiorente e piena di vita ma oggi triste e abbandonata, se non proprio pericolosa. Ash è un animo sensibile, lo si capisce sin dalla prima scena ed è molto legato ai propri genitori e alla propria, bruciante, passione, quella del disegno. Infatti il ragazzo porta sempre con sé non soltanto matita e colori ma anche un quaderno in cui, letteralmente in ogni momento libero, appunta idee, disegna schizzi e abbozza figure rappresentanti il suo mondo interiore: un mondo fatto di piccoli e grandi mostri dal cuore tenero e dal manto colorato.

Peccato che Ash sia tormentato da un gruppo di bulletti che, incuranti dell’animo buono del ragazzo (o forse proprio per questo) si accaniscano su di lei e ben presto lo costringono a ripararsi (o per meglio dire lo “gettano”) nel punto più pericoloso e oscuro della città, rappresentato dal vecchio faro. Qui inizia la sua e la nostra di avventura. PixelOpus, sfruttando al massimo tutte le potenzialità del controller PS4 (uno dei grandi “rimasti in sospeso” di questa generazione, viste le cose che si potevano fare e che non si sono fatte): infatti imbracciando il proprio pad lo si potrà usare come un pennello, spostandolo nell’aria e dipingendo su schermo.

Il risultato è incredibile: i giochi di colore, la “pastosità” della vernice digitale e la possibilità delle nuance che offre Concrete Genie ci ha lasciato stupefatti. Confessiamo che abbiamo passato le prime ore di gioco a imbrattare ogni singola parete soltanto “per vedere l’effetto che fa”: inutile dirvi che ci siamo pasciuti enormemente del risultato ottenuto.

Ma se pensate che il mondo di Concrete Genie sia soltanto fatto di “pennello e colori” vi state sbagliando di grosso. Infatti così come Ash viene accompagnato dalle simpatiche creature, chiamate Geni, che evoca dal bozzetto di disegni, egli è anche insidiato non soltanto dai bulli sopra citati, ma anche delle creature più oscure e inquietanti che gli metteranno i bastoni tra le ruote.

Eppure anche l’antagonista più disgraziato e tossico non è mai “cattivo per natura”, ma ha sempre dietro una storia o di emarginazione o di lutto personale che motivano il suo comportamento e che spetterà al giocatore scoprire, comprendere e, in un certo qual modo, redimere. Dal punto di vista del gameplay, fermo restando che il fulcro è il nostro pennello con cui ridare vita e colore agli scenari di gioco (e che si può anche provare in versione realtà virtuale, con il visore della Playstation) vi sono anche delle sessioni legate all’esplorazione di Denska che porteranno a dover risolvere degli enigmi ambientali per poter proseguire.

Menzione d’onore per i momenti in cui, impersonando i Geni, il gioco diventa una sorta di platform in 2-d, visto che i mostri di colore si muovono, giustappunto lungo le pareti e quindi in un mondo a due dimensioni. Riuscitissima anche la colonna sonora, sempre molto elegante e l’ambiente di gioco che pur essendo scarno, anzi scarnissimo di interazioni e appagante a livello visivo.

Insomma pur non essendo di certo il gioco Tripla A che “tremare il mondo fa” Concrete Genie ci ha commosso e emozionato per il dolce e trasognato protagonista, per i suoi buffi e ispirati “mostri” e per le atmosfere da fiaba moderna (oltre che per la street art centro e moto propulsore di tutto). E che ci ha fatto ancora capire come, nonostante passino gli anni, sia sempre importante colorare la vita, nostra e degli altri, con il caos delle difficoltà.

Concrete Genie

Compra | su Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >