Geek
di Mattia Nesto 16 Ottobre 2018

Dinosaur Invasion a Milano: una puntata di Gommapiuma nel Giurassico

La mostra che ha aperto i battenti alla Fabbrica del Vapore di Milano è pensata per un pubblico di giovanissimi. Eppure non tutto torna

 Via

Avere la possibilità, nel cuore di Milano, a due passi dal Cimitero Monumentale di avere a che fare con un Parasaurofolo a dimensione reale che si muove, gira la testa verso di te ed emette un verso al tempo stesso tanto strano quanto famigliare è un bel colpo al cuore per tutti gli appassionati di dinosauri e/o affini. Però questa mostra Dinosaur Invasion che da qualche giorno ha aperto i battenti alla Fabbrica del Vapore di Milano (la stessa struttura che ha ospitato la mostra “best seller” su Harry Potter) fa aggrottare più di una sopracciglia.

 

 

Intendiamoci, ci siamo avventurati in questo mondo mesozoico una tiepida domenica di metà ottobre, circondati da un nugolo di bimbe e bimbi festanti desiderosi di conoscere e, possibilmente (e nonostante i molti divieti) “toccare con mano” i bestioni che hanno visto al cinema nel recente Jurassic Park- The Fallen Kingdom e quindi fin da subito era chiaro come questa fosse una mostra pensata non soltanto per tutta la famiglia ma proprio per i bimbi. Eppure anche i bimbi, anzi forse soprattutto i bimbi, necessitano di uno studio rigoroso e di un rispetto che, spiace dirlo, non abbiamo notato alla Dinosaur Invasion.

 

 

Inizialmente infatti il colpo d’occhio è notevole, con un troneggiante Plateosauro (uno dei primi dinosauri apparsi in ordine cronologico, facente parte del periodo Triassico) in compagnia di uno Psictacosauro, della famiglia dei proto-triceratopi, che mozzano il fiato. Ma già alla seconda “stanza” qualcosa non va. Infatti la terza creatura in ordine di apparizione è uno Spinosauro che, come molti di voi sapranno, è stato protagonista, neanche a farlo apposta, del terzo film della serie di Jurassic Park (ma di questo terzo capitolo ne parleremo in seguito). Ecco l’animatronic che abbiamo davanti non è, niente di più, che un pupazzone di dimensioni mastodontiche, con la stessa veridicità di un balocco da bimbo. Ricordate quello Spinosauro “dopato” (perché ritenuto dalle dimensioni esagerate da molti esperti, ndr)che era stato installato qualche tempo fa in piazza Castello a Milano? Ecco quello era, in pratica, una creatura in carne ed ossa, quello della Fabbrica del Vapore è solo una carnevalata. O peggio: una puntata di Gommapiuma ambientata nel Giurassico!

 

 

Il risultato non è migliore specie con i carnivori, con T-Rex e Ceratousari dagli occhi vacui e dalle lingue così gommose da sembrare caramelle alla fragola. Altra nota dolente, oltre un’illuminazione degna del peggiore discopub di provincia anche il lato sonoro. Infatti, per aumentare la sensazione di immedesimazione, ad ogni animale è stato associato un verso, un grido rappresentativo. Purtroppo questi suoni uscivano in modo così distorto e di bassa qualità che a confronto le radioline che trasmettono la domenica “Tutto il calcio minuto per minuto” sono dispositivi tecnologici di ultima generazione.

 

 

Alcuni di voi potranno obiettare che questo mancato realismo è voluto, così da avvicinare le creature ai giocattoli dei bambini. Niente di più sbagliato. Bimbe e bimbi, specialmente negli anni della rete, sono dannatamente informati e competenti sul mondo dei dinosauri. Perché, ad esempio, non proporre anche dei dinosauri piumati, al di là di pochi esemplari che pareva più dei gallinacci che altro. Se ricordate bene nel terzo capitolo di Jurassic Park (ecco, ci siamo tornati) i velociraptor presentavo un piumaggio, proprio come la ricerca ormai da anni ha confermato con prove su prove. E il film risale al 2001. Perché, ancora oggi, non solo al cinema ma che in una mostra che dovrebbe essere “scientifica” siamo ancora costretti a vedere i classici lucertoloni verde e marroni quando si sa che erano piumati e supercolorati.

 

 

Ma al di là di questo, che non è un dettaglio si badi bene, vi consigliamo di fare un salto alla Fabbrica del Vapore. Non solo perché è a pochi metri dal quartiere Sarpi, una delle zone più interessanti dal punto di vista gastronomico della città, ma anche perché la Dinosaur Invasion vi consente di fare un piccolo viaggio nel tempo, magari non così realistico, indietro di 65 milioni di anni e oltre. E alla fine sotto il cielo di Milano venire appellato come un “dinosauro” non è mai stato così bello e dolce. Menzione d’onore, infine, per l’idea di affiancare ad ogni dinosauro una sua versione “baby”. I cuccioli strappano sempre un sorriso!

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >