Geek
di Mattia Nesto 19 Luglio 2021

I 35 anni di Zelda con Skyward Sword HD

Prima ancora che uscisse, mezzo mondo videoludico l’aveva già giudicato un porting pigro del titolo originale. E invece l’incredibile saga con protagonista Link continua a sorprenderci ormai da più di un quarto di secolo.

Quando a un certo punto del sabato pomeriggio mi sono accorto dell’orario, era già troppo tardi. Troppo tardi per prepararsi la cena ma anche per ordinarla d’asporto. Quello che doveva essere un pigro porting di un gioco, neppure troppo fortunato uscito dieci anni fa, si è rivelato essere un titolo ricco e appagante, coinvolgente e poetico. The Legend of Zelda Skyward Sword HD mi ha portato a giocare con gli stick della Nintendo Switch staccati, proprio per replicare il discusso sistema di combattimento e movimento del titolo originale uscito per Wii. Allora sgombriamo subito il dubbio che vi attanaglia: giocare con “gli analogici”  non è solamente divertente ma anche funzionale al gameplay (seppur spesso dovrete calibrare i controller visto che il giroscopio è abbastanza ballerino).

Al netto di questo difetto  -il più grave del titolo insieme all’impossibilità di effettuare il viaggio rapido se non tramite l’apposito Amibo (quindi o acquisti la statuetta dedicata, oppure non viaggi velocemente secondo Nintendo)- The Legend of Zelda Skyward Sword HD è il miglior modo per festeggiare i 35 anni dell’iconica saga con protagonista Link. Il framrate è stabile e il gioco si presenta fluido. Certo “l’open-world” è abbastanza spoglio, perché in realtà è diviso in vari livelli realizzati come open-map, questo però, almeno secondo il mio punto di vista, non è un difetto ma un pregio. Infatti il videogiocatore potrà cimentarsi nel più puro completismo senza doversi perdere in un mondo di gioco troppo vasto.

Molto chad questa versione di Link vero?  Molto chad questa versione di Link vero?

Pur essendo rimasta invariata l’impalcatura del gioco del 2011, The Legend of Zelda Skyward Sword HD è migliorato sia a livello di prestazione sia sul piano dei “movimenti” e del combat-system, riusciendo a “sconfiggere” i limiti posti dal telecomando Wii. I combattimenti con i mostri sono evoluti ed ora sono ancora più coinvolgenti, per la prima volta nella storia della saga avremo un controllo pressochè totale sul nostro personaggio principale. Si aggiunga poi un comparto artistico e narrativo (che è sempre stato uno dei cavalli di battaglia della serie) di prim’ordine: stiamo pur sempre parlando degli eventi primordiali dell’intero ecosistema i Zelda.

No, questa non è una nuova stagione di JoJo  No, questa non è una nuova stagione di JoJo

Nonostante una difficoltà che, come da tradizione, è tarata verso il basso, le sfide di The Legend of Zelda Skyward Sword HD sono sempre interessanti e accattivanti, soprattutto i puzzle ambientali metteranno alla prova la fantasia e l’inventiva del giocatore. Il titolo si attesta, grosso modo, sulle oltre venti ore di gioco, anche se ci sarà da svolgere, qualora vogliate fare completismo, copioso backtracking di area in area. Certo non bisogna dimenticare che le parti legate al volo con il Solcanubi che, contrariamente a quanto emerso dai trailer e dalla comunicazione in generale del titolo, non è preponderante (ma quando si volteggia ci si diverte).

Insomma, al netto delle imperfezioni, vi consiglio di provare The Legend of Zelda Skyward Sword HD perché è sempre bello tornare a vestire i panni di Link. E questo capitolo non è un capitolo secondario ma primario (in tutti i sensi) nella serie che ormai da più di un quarto di secolo occupa un posticino nel nostro cuore. E poi che dire, anche Giacomo Bevilacqua, Sio e Dado hanno celebrato l’uscita di Zelda con delle tavole speciali.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >