Geek
di Mattia Nesto 11 Gennaio 2022

Il dolce brutalismo di Death’s Door

Death’s Door di Devolver Digital è un action dolce e crudele al tempo stesso.

Cosa vuole da noi quest’anziano corvo?  Cosa vuole da noi quest’anziano corvo?

Quando al quindicesimo tentativo consecutivo una certa belva feroce, abbarbicata nel suo folle regno tra le montagne innevate, proprio non ne sapeva di cadere, vi confesso, avevo voglia di mollare Death’s Door: troppo difficile, troppo ingiusto, troppo punitivo per chi, come me, si era più concentrato all’aspetto action piuttosto che su quello, all’acqua di rose, di sviluppo del personaggio. Eppure, fedele alla filosofia degli harrrrrrrdcore-gamers non mi sono lasciato sopraffare da questi pensieri tentativi. Ho tentato altre tre volte di battere “l’immonda” bestia e finalmente ce l’ho fatta. Ecco, in soldoni, così si potrebbe spiegare perché Death’s Door è stato per me tanto importante: un po’ perché, fin dalle battute iniziali, ho trovato ispirata e molto bella da vedere la sua direzione artistica ma non solo quello. Infatti il cuore, palpitante, di Death’s Door è il suo gameplay che, al netto di una semplicità di base (detto non in chiave negativa ma oggettiva) ricalca le orme di un antico detto: easy to learn, hard to master.

Nei panni di un corvo, adibito alla mansione di occuparsi delle anime dei trapassati, ci si troverà immersi in un mondo al tempo stesso colorato e dalle tinte fosche dove, anche dal punto di vista della narrativa, mai nulla è come sembra. Il nostro compito è chiaro, chiarissimo fin dall’inizio eppure l’incontro con un altro corvo, molto più anziano del protagonista, ci imporrà un brusco cambio di prospettiva: saremo infatti chiamati a raccogliere tre grandi anime di altrettanti tre “lord” (ogni riferimento a Dark Souls è…voluto, con anche un’iconica campana che si intravvede in un certo cimitero) per aprire la famigerato porta della morte, da cui, giustappunto, prende il titolo Death’s Door.

Come darti torto corvo ribelle  Come darti torto corvo ribelle

Fin qui la trama ma, come avevo detto prima, almeno per me, Death’s Door è, soprattutto, passatemi il modo di dire, “un gioco da giocare”. Infatti, basandosi su un sistema molto action di attacchi dalla breve e lunga distanza (con lo sblocco di quattro poteri fondamentali per il proseguo dell’avventura), il corvo che impersoneremo dovrà districarsi tra livelli tratteggiati con grandissimi cura. Grazie infatti a una visuale isometrica perfetta per il genere, avremo sempre modo, con una semplice occhiata, di comprendere quanti nemici avremo a schermo e, eventualmente, il modo migliore per affrontarli. Infatti se i riflessi sono fondamentali in Death’s Door, lo è anche la tattica: a più riprese, infatti, quando mi è capitato di dovere fare un po’ di backtracking per sbloccare una porta, ho affrontato le orde dei nemici in svariati modo, scoprendo sempre delle soluzioni alternative. Pur essendo, insomma, facile e in un certo senso il combat system, questo offre un sacco di approcci, ora più funzionali ora meno, ma comunque sempre leciti. Giocando e rigiocando si sarà portati a “masterare” certe sezioni dei livelli riuscendo, per così dire, a realizzare sorte di “micro-speedrun” veramente molto soddisfacenti: eliminare dieci nemici in un minuto e mezzo contro il quarto d’ora delle prime volte dona sempre ottime sensazioni!

Wowo, inquietante  Wowo, inquietante

Ma come ogni gioco action che si rispetti, oltre al roll, ci sono anche gli scontri con i boss di fine livello. Ecco, da questo punto di vista, Death’s Door non rinuncia a un briciolo della sua originalità, mettendo su schermo battaglie veramente epiche contro non solo nemici ottimamente caratterizzati, ma anche ricchi di moveset e approcci diversificati. A parte per la battaglia finale, che personalmente non ho gradito sia per il sistema di trial&error troppo meccanico e il design generale (un’accozzaglia degli scontri precedenti che, nonostante sia coerente a livello di lore, ho trovato poco stimolante da giocare), ogni combattimento contro i boss di fine livello ve lo ricorderete nei prossimi anni.

Una decina di ore ben spese  Una decina di ore ben spese

Disponibile su qualsiasi piattaforma, dal pc alla Playstation  (dove l’ho giocato) passando per Xbox e Nintendo Switch, Death’s Door, insomma, è un giocone (giustamente finito nelle nomination come best indie game agli scorsi The Game of The Year) che, anche per il prezzo contenuto (sotto i venti euro) vi consiglio e straconsiglio. Probabilmente, come menzionato anche in precedenza, nelle battute finali inciampa un pochetto e certamente a livello di ispirazione artistica e originalità c’è di meglio. Eppure Death’s Door, per il suo combat-system semplice e complesso allo stesso tempo, mi ha conquistato il cuore. E i polpastrelli, ovviamente.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >