Geek
di Mattia Nesto 4 Marzo 2019

L’Apocalisse multicolorata di Far Cry New Dawn

Lo spin-off di Far Cry 5 sviluppato da Ubisoft è una festa per gli occhi in technicolor

L’intro di Far Cry New Dawn, lo spin-off del fortunato Far Cry 5 sviluppato da Ubisoft, è un concentrato di brutalità sanguinaria, immaginario post-apocalittico vagamente redneck e esplosione di colori paragonabile a pochi altri titoli. Infatti il nuovo titolo della serie ci offre un’esperienza totalizzante immergendoci nelle valli di Hope Country, la “mitica” regione del Montana esplorata in Far Cry 5 ed oggi riproposta, giustappunto, in fase post-atomica. Già perché siamo di fronte non soltanto ad un territorio, di larghissime proporzioni, ma anche e soprattutto ad una comunità che, tra mille e mille difficoltà, si deve risollevare dopo il fallout atomico che ha distrutto la civiltà per come la si conosceva. Ecco dunque la sensazione di “anno zero dell’umanità” che si vive praticamente ad ogni angolo della mappa di gioco (organizzata nel più classico degli stili “open-world alla Ubisofot”) con però un tocco di colore e di natura selvaggia (e per questo motivo meravigliosa) ancora maggiore.

Prendendo spunto direttamente dal capitolo precedente, come si diceva prima, addirittura con la citazione presenza di personaggi molto noti ai giocatori del quinto episodio, in questo Far Cry New Dawn quello che salta agli occhi, subito dopo gli sfavillanti colori (con una predominanza per il più bel fucsia di questa ottava generazione videoludica) sono le due antagoniste principali, ovvero le famigerate twin sisters Mickey e Lou. Queste due sorelle, caratterizzate per un abbigliamento a metà strada tra un gruppo punk e una crew di motociclisti da cross, si segnalano fin da subito per la loro estrema brutalità unite ad un gusto, piuttosto teatrale, per la violenza gratuita e le uccisioni in grande stile. Loro due comandano con fare distopico una banda di guerriglieri in motocicletta e jeep soliti scorrazzare con musica a palla per Hope County alla ricerca di comunità da depredare, tributi da riscuotere e gente da traumatizzare. Neanche a farlo apposta, il nostro compito (che impersoniamo un anonimo protagonista, anche qui un grande classico della serie Ubisoft) è quello di fermarle.

Per farlo dovremo risvegliare lo spirito combattivo delle comunità sperse nella vallata, andando a recuperare, almeno nelle fasi iniziali di gioco, una serie di esperti e di persone qualificate utili, anzi utilissime per fa progredire il nostro armamentario (composto quasi integralmente da armi assemblate con nastro adesivo e pezzi di altre cose, come l’incredibile “spara-seghe” di cui veniamo gentilmente “omaggiati” proprio ad inizio gioco) e “sbloccare” la possibilità di avvalerci di preziosi alleati durante le nostre missioni. Infatti se Far Cry New Dawn è stato pensato, evidentemente, per essere giocato in gruppo, grazie ad un sistema di shooting dinamico e intuitivo, il titolo può essere goduto integralmente e senza problemi in solitaria, grazie alla possibilità, giustappunto, di “ingaggiare” per il proprio roster una serie di alleati, così da rendere lo sparatutto ancora più coinvolgente.

L’introduzione di alcune dinamiche “à la gioco di ruolo”, ovvero la presenza di nemici con livelli di forza maggiorati o anche lo sviluppo dello stesso personaggio fatto, giustappunto, a seconda dello sviluppo di caratteristiche proprie ha fatto storcere il naso a molti ma, in realtà, il feeling sempre molto caciarone e votato al divertimento di Far Cry è rimasto intatto. Insomma non siamo alla svolta di una Far Cry New Dawn serioso e rigido come un gdr, tranquilli e si potrà ancora sgominare un avamposto di banditi armati “solo di un coltello e di tanta fantasia” ma la possibilità di evolvere il proprio personaggio e di riconoscere nemici particolarmente coriacei dona una profondità al gameplay praticamente inedito per la serie.

Prima abbiamo ricordato come non saremo da soli ad affrontare le Sister. Ed è vero dato che potremo fare affidamento su tutta una serie di alleati, che potremo richiamare, una volta “sbloccati” o liberati, comodamente dal menu del nostro roster. C’è da dire che il nostro alleato preferito, senza ombra di dubbio, è stato Timber, il simpatico cagnolone che abbiamo liberato dall’orrida prigione di un pazzo che si nutriva dei cani che teneva in catene (dato che era convinto, così facendo, di acquisirne la forza e i sensi sviluppati).

Andarsene in sidecar con, nel posto del passeggero, il nostro fidato Timber pronti a fare il culo alle gemelle immersi in un mondo di gioco brulicante vita e bellezza ( con tantissimi fiori, piante e animali) è stata davvero una bellissima sensazione e la trama, meno banale di quello che sembri, man mano che l’esplorazione andava avanti ha davvero lanciato qualche sorpresona inattesa. Insomma il mondo di Far Cry New Dawn non è solo bellissimo da vedere ma anche da “giocare”: e ora scusateci ma Timber ha fiutato un razziatore che sta portando un civile in un posto isolato per un’esecuzione. Inutile dire che quel “cresta-munito” amico delle Gemelle non vedrà la prossima alba.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >