Geek
di Mattia Nesto 6 Giugno 2019

Pokemon Spada e Pokemon Scudo: una nuova era

Il Nintendo Direct  non solo ci ha svelato molto dei due nuovi titoli di Game Freak ma ha segnato una vera e propria rivoluzione nel franchise

Non è facile dare nuova linfa ad un franchise che, se si considera gli studi preliminari e i primi bozzetti in assoluto, è quasi da trent’anni al vertice delle vendite mondiali. Stiamo, ovviamente, parlando dei Pokemon e il Nintendo Direct di ieri, dedicato ai due nuovi titoli per Nintendo Switch Pokemon Spada e Pokemon Scudo ha svelato non soltanto meccaniche del tutto inedito ma anche stabilito una vera e propria evoluzione nel mondo di Pikachu e soci.

Dopo anni e anni di totale conservatorismo, molto “made in Japan”, da parte di Game Freak infatti, la software house ha infatti deciso di dare una sterzata decisa e di puntare forte sul concetto di rinnovamento. Ecco allora che in Pokemon Spada e Scudo finalmente si potrà gestire la telecamera liberamente, almeno nelle aree denominate “Terre selvagge”, ovvero quelle zone “open-map” in cui si potranno catturare le varie creature (che cambieranno a seconda delle condizioni meteo e dell’orario). La meccanica della telecamera libera sarà utile perché, in questo mondo di gioco libero, si potranno andare a trovare strumenti utili lungo la via, raccogliere bacche dagli alberi e, udite udite, anche intravvedere nell’erba alta, sotto la sabbia oppure sul pelo dell’acqua i Pokemon.

Già, esatto: Pokemon Scudo e Spada ha preso infatti alcune delle caratteristiche più apprezzate dei recenti Pokemon Let’s Go Pikachu e Evee (di cui avevamo parlato qui) per inserirle in un contesto di gioco più ampio. Come più ampie ed epiche saranno le classiche sfide ai capipalestra che, a questo giro, si dovranno sfidare in veri e propri stadi gremiti di tifosi festanti in ogni ordine di posto e trasmessi in mondovisione nel mondo Pokemon. Ma le novità non finiscono qui.

Infatti, vera e propria “ciliegina sulla torta”, proprio le dimensioni colossali degli stadi saranno finalizzate ad ospitare le evoluzioni “giganti”, chiamate Dynamax, che renderanno per tre turni non solo i nostri Pokemon di dimensioni titaniche ma che doteranno loro di mosse e statistiche potenziate. Insomma una gustosa novità, soprattutto in ottica del gioco competitivo.

Considerando infine alcune delle nuove creature che abiteranno la regione di Galar (su tutte la pucciosissima pecora Wooloo e Corviknight il Pokemon corvo che fungerà da taxi-volante di città in città), l’aspetto delle varie città presentate e i suggestivi due pokemon leggendari, Zacian e Zamazenta. (senza dimenticare i tre starter Sobble, Scorbunny e Grookey già visti nel precedente trailer), Pokemon Spada e Scudo si preannunciano come un vero e proprio “nuovo inizio” per il mondo Pokemon.

Noi, come voi, non vediamo l’ora sia il 15 novembre, giorno di uscita dei giochi, per esplorare palmo a palmo Galar e tutte quante le sue adorabili creature.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >