Geek
di Mattia Nesto 30 Novembre 2020

Su un raggio di sole di Tillie Walden è come Natale un mese prima

Il graphic-novel pubblicato da Bao Publishing è il regalo perfetto per la persona a cui volete più bene

Che rende una storia una grande storia? A questa domanda si potrebbe rispondere in mille modi diversi però noi, questa volta, rispondiamo con due motivi, due motivi che ci hanno fatto amare alla follia Su un raggio di sole di Tillie Walden, pubblicato Bao Publishing. Il primo motivo è che questo fumetto racconta una storia privata e universale, una storia d’amore e di abbandono, di fughe e di ritorni, di viaggi e di case e, soprattutto, di solitudine e bisogno di stare insieme.

L’altro motivo, che vi confessiamo ci ha fatto fare più di un pianto, è che il modo di narrare di Tillie Walden procede come in una specie di incanto: anche grazie al superbo lavoro delle Officine Bolzoni e di Vanessa Nascinbene che fin dal lettering sono state fedeli alla grafia dell’autrice, non si sprecano mai le parole e, come solo i fumetti sanno fare, le vignette solo disegnate sono quelle più importanti per comprendere il senso stesso dell’opera. E quelle che ti rimangono impresse a lungo.

Tutte le immagini ci sono state fornite per gentile concessione dell’editore  Tutte le immagini ci sono state fornite per gentile concessione dell’editore

La prima cosa che lascia a bocca aperta è l’uso dei colori che giocano su una base a tre, di solito il nero poi il bianco e quindi uno tra il viola, il blu e il rosso, donando proprio un senso di spazio profondo che si declina perfettamente per un’avventura che in fondo si sviluppa appunto di pianeta in pianeta.

Mia, la protagonista di Su un raggio  di sole, fa parte della ciurma della Aktis, un gruppo di astronaute che si occupa di costruzioni/ricostruzioni intergalattiche. E gli scorci dei luoghi abbandonati su pianeti o satelliti remoti ci hanno fatto venire in mente lo stile e il design di Gris, il videogioco capolavoro dei Nomada Studio (e le cui ost potrebbero essere benissimo la tracklist del fumetto di Bao).

Tuttavia, con grande eleganza, la storia non procede sempre nel presente ma ci offre ampi sprazzi del passato, più o meno prossimo, della stessa Mia. Infatti Su di un raggio di sole è anche la storia di una studentessa ribelle che, a quattordici anni, conosce la persona, forse, più importante della sua vita.

Ecco allora che, in un gioco sottile che però dà alla lettrice o al lettore tutti gli strumenti per comprendere bene gli sviluppi della vicenda, vediamo i vari personaggi della storia evolvere nel tempo: c’è spazio per tante cose in questo fumetto, dall’esplorazione dei sentimenti, com’è ovvio e giusto che sia certo ma anche la riflessione per i discorsi d’odio o hate speech che, spesso e malvontieri, noi stessi ci troviamo a fare senza neppure rendercene conto. Poi se volete concentrarvi sulle astronavi a forma di Seaking fate pure: perché in questo fumetto la bellezza è ovunque.

Ecco forse il motivo per cui abbiamo tanto apprezzato Su un raggio di sole: perché è una storia, al contempo, fredda e calda. Fredda perché Tillie Walden (a proposito, seguite il suo profilo su Instagram perché poi ci ringrazierete) non ha alcuna paura, come abbiamo evidenziato poco fa, a inserirsi in modo lampante nel dibattito sui grandi temi del contemporaneo: non solo hate speech quindi, ma anche identità di genere, teoria del gender-fluid e anche e soprattutto libertà di vivere la propria esistenza secondo le proprie condizioni, sempre che queste non vadano, direttamente o indirettamente, a fare del male agli altri.

Ma, dicevamo, è anche un racconto caldo perché calde e fortissime sono le sensazioni e le emozioni che trasmette. Walden è in grado di farti provare, sulla tua stessa pelle, il dolore e la pesantezza di un abbandono magari non voluto necessario e, contemporaneamente, anche il sollievo e la gioia più genuina nel ritrovarsi, totalmente a caso, su un pianeta sconosciuto. C’è anche il gusto per l’esplorazione dell’ignoto, certo ma su tutto domina la voglia di viaggiare dentro se stessi, dentro ciò che si prova per sé e per gli altri. E se state pensando a quel capolavoro immortale che è Planetes di Makoto Yukimura, beh non siete poi tanto distanti dalla galassia giusta.

Su un raggio di sole – Tillie Walden

Compra | su amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >