Geek
di Mattia Nesto 17 Febbraio 2021

The Medium: il primo next generation game è stata una delusione

Il gioco di Bloober Team disponibile per XBox Series X, S e Pc non ci ha convinto. Ma vola nelle vendite.

The Medium, almeno per noi, è una colossale occasione persa. Vogliamo iniziare così, senza troppi fronzoli, questa analisi dell’esclusiva Microsoft apparsa su XBox Series X, S e, naturalmente, pc e che ha tenuto occupati tantissimi streamer, twitcher e giocatori in tutto il mondo. E si tratta di un’occasione persa per almeno tre ragioni: il titolo di Bloober Team non ha saputo offrire una storia particolarmente interessante o intrigante, non ha sviluppato un combat system/ modalità di gioco appagante e, soprattutto, non è praticamente mai stato in grado di fare quel che un gioco horror dovrebbe fare: spaventare. Ma andiamo con ordine.

The Medium è la storia di Marianne, una ragazza in grado di entrare in contatto con i defunti. Raggiunta da una misteriosa telefonata a casa, decide di raggiungere un albergo abbandonato, di stampo dichiaratamente sovietico, nella Polonia degli anni Novanta per fare luce su quest’intrigo. L’incipit della trama, seppur non brilli certamente per originalità, lascia tuttavia molto margine di interesse nei confronti del giocatore, una buona direzione artistica e un ottimo sound-design sono i punti positivi del titolo. Ma a ciò si aggiunge la vera “superbia” dal punto di vista tecnico del gioco: vi saranno numerosi momenti in cui lo schermo sarà diviso in due e saremo chiamati a giocare con una “delle due Marianne”, quella che abita il grigo e reale mondo post-sovietico e quella della dimensione infernale.

Un esempio dello schermo diviso in due www.gamereactor.eu Un esempio dello schermo diviso in due

Al di là del fatto che il gioco non gira mai a 60 fps (visto che li deve dividere a metà tra le due porzioni dello schermo) e su console ogni tanto fatica a scorrere bene, quello che veramente non convince è proprio la trovata dello schermo a metà. Contrariamente a titoli ben più anziani in cui le azioni di un mondo non potevano essere replicate nell’altro e spingevano il giocatore ad avere comportamenti differenti, qui non vi è disparità fra i due piani. L’unica differenza saranno i tempi, ad esempio, se si deve raggiungere una rampa di scale nel mondo reale, bisognerà utilizzare la magia nel mondo etereo per attivare un piano elettrico che darà modo, di nuovo nel mondo reale, di raggiungere il soffitto. Questo intricato svolgimento della trama rende il gameplay povero e molto meno vario di quanto ci saremmo potuti aspettare da un titolo che è stato presentato come “il primo gioco della nuova generazione”.

Altro punto veramente critico è rappresentato da un combat-system assolutamente basico (in special modo nelle sezioni stealth contro il nemico Fauci) con animazioni a dir poco imballate. Non si avrà mai la sensazione di controllare un personaggio reale quanto un fantoccio digitale, e questo, in un gioco che è un thriller-psicologico, è davvero un problema perchè rende ancor più difficile l’immedisimazione nei confronti di Marianne. La protagonista infatti, anche solo a livello di scrittura, viene presentata piatta e contraddistinta da ragionamenti davvero banali. Gli enigmi e i puzzle ambientali poi sono davvero poco ispirati e generano un senso di frustrazione nel giocatore che spesso è costretto a fare una cosa (e una cosa sola) per superare un determinato livello.

Insomma alla fine, come avrete compreso, la nostra delusione è stata abbastanza cocente nonostante molte riviste e siti specializzati abbiano dato fior fior di “votoni” al gioco che, anche a livello di vendite, si sta comportando molto bene. Forse il merito di The Medium, almeno per noi, è quello di averci messo voglia di rigiocare a Silent Hill: Shattered Memories. Se pensiamo a un videogioco diviso in due, il nostro cervello e il nostro cuore si rivolge a quel mondo ghiacciato lì piuttosto che al piano etereo di The Medium, questo è poco ma sicuro.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >