Geek
di Mattia Nesto 17 Febbraio 2021

The Medium: il primo next generation game è stata una delusione

Il gioco di Bloober Team disponibile per XBox Series X, S e Pc non ci ha convinto. Ma vola nelle vendite.

The Medium, almeno per noi, è una colossale occasione persa. Vogliamo iniziare così, senza troppi fronzoli, questa analisi dell’esclusiva Microsoft apparsa su XBox Series X, S e, naturalmente, pc e che ha tenuto occupati tantissimi streamer, twitcher e giocatori in tutto il mondo. E si tratta di un’occasione persa per almeno tre ragioni: il titolo di Bloober Team non ha saputo offrire una storia particolarmente interessante o intrigante, non ha sviluppato un combat system/ modalità di gioco appagante e, soprattutto, non è praticamente mai stato in grado di fare quel che un gioco horror dovrebbe fare: spaventare. Ma andiamo con ordine.

The Medium è la storia di Marianne, una ragazza in grado di entrare in contatto con i defunti. Raggiunta da una misteriosa telefonata a casa, decide di raggiungere un albergo abbandonato, di stampo dichiaratamente sovietico, nella Polonia degli anni Novanta per fare luce su quest’intrigo. L’incipit della trama, seppur non brilli certamente per originalità, lascia tuttavia molto margine di interesse nei confronti del giocatore, una buona direzione artistica e un ottimo sound-design sono i punti positivi del titolo. Ma a ciò si aggiunge la vera “superbia” dal punto di vista tecnico del gioco: vi saranno numerosi momenti in cui lo schermo sarà diviso in due e saremo chiamati a giocare con una “delle due Marianne”, quella che abita il grigo e reale mondo post-sovietico e quella della dimensione infernale.

Un esempio dello schermo diviso in due www.gamereactor.eu Un esempio dello schermo diviso in due

Al di là del fatto che il gioco non gira mai a 60 fps (visto che li deve dividere a metà tra le due porzioni dello schermo) e su console ogni tanto fatica a scorrere bene, quello che veramente non convince è proprio la trovata dello schermo a metà. Contrariamente a titoli ben più anziani in cui le azioni di un mondo non potevano essere replicate nell’altro e spingevano il giocatore ad avere comportamenti differenti, qui non vi è disparità fra i due piani. L’unica differenza saranno i tempi, ad esempio, se si deve raggiungere una rampa di scale nel mondo reale, bisognerà utilizzare la magia nel mondo etereo per attivare un piano elettrico che darà modo, di nuovo nel mondo reale, di raggiungere il soffitto. Questo intricato svolgimento della trama rende il gameplay povero e molto meno vario di quanto ci saremmo potuti aspettare da un titolo che è stato presentato come “il primo gioco della nuova generazione”.

Altro punto veramente critico è rappresentato da un combat-system assolutamente basico (in special modo nelle sezioni stealth contro il nemico Fauci) con animazioni a dir poco imballate. Non si avrà mai la sensazione di controllare un personaggio reale quanto un fantoccio digitale, e questo, in un gioco che è un thriller-psicologico, è davvero un problema perchè rende ancor più difficile l’immedisimazione nei confronti di Marianne. La protagonista infatti, anche solo a livello di scrittura, viene presentata piatta e contraddistinta da ragionamenti davvero banali. Gli enigmi e i puzzle ambientali poi sono davvero poco ispirati e generano un senso di frustrazione nel giocatore che spesso è costretto a fare una cosa (e una cosa sola) per superare un determinato livello.

Insomma alla fine, come avrete compreso, la nostra delusione è stata abbastanza cocente nonostante molte riviste e siti specializzati abbiano dato fior fior di “votoni” al gioco che, anche a livello di vendite, si sta comportando molto bene. Forse il merito di The Medium, almeno per noi, è quello di averci messo voglia di rigiocare a Silent Hill: Shattered Memories. Se pensiamo a un videogioco diviso in due, il nostro cervello e il nostro cuore si rivolge a quel mondo ghiacciato lì piuttosto che al piano etereo di The Medium, questo è poco ma sicuro.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >