Oculus al CES2016, finalmente svelato il pezzo del VR Headset.
Oculus al CES2016, finalmente svelato il pezzo del VR Headset.
Idee regalo
di Luca Castelli 26 Ottobre 2015

E se la realtà virtuale fosse solo un grande miraggio?

Tra qualche settimana si potranno acquistare i nuovi dispositivi per la realtà virtuale e capiremo se è stato solo un grande bluff

Oculus al CES2016, finalmente svelato il pezzo del VR Headset.  Oculus al CES2016 ha finalmente svelato il pezzo del suo VR Headset.

 

L’annuncio è arrivato al CES 2016 di Las Vegas: il VR Headset di Oculus, Rift ha finalmente un prezzo, 599$, e si può ordinare direttamente dal sito di Oculus. Ma quanto c’è di hype e quanto di giusto nell’entusiasmo verso la nuova realtà virtuale? Luca Castelli ne scriveva così.

Illustrazione di Martina Lorusso per Dailybest  Illustrazione di Martina Lorusso per Dailybest

 

Facebook l’ha di nuovo combinata grossa e questa volta i like non c’entrano. Con l’acquisto di Oculus VR, la start up rilevata a marzo 2014 per la bella cifra di due miliardi di dollari, ha convinto il mondo che fosse ora di tornare a parlare di realtà virtuale. E il mondo gli ha creduto. Soprattutto quello delle aziende che si muovono all’incrocio tra tecnologia, intrattenimento e videogiochi, geneticamente affamate di novità su cui investire milioni per guadagnare miliardi. Si sono tuffate tutte nella scia di Menlo Park e oggi sembra quasi che non ci sia società quotata al Nasdaq che non abbia avviato (o accelerato) un suo progetto di realtà virtuale di nuova generazione: Sony, Microsoft, Google, HTC, Samsung, Amazon. Conseguenza inevitabile: non c’è giorno che i feed di blog, siti e social network non rimbalzino storie ad alto tasso di VR, da Mark Zuckerberg che decanta la magia di una partita di ping pong virtuale a Netflix che annuncia il binge-watching virtuale ai Marriott Hotel che lanciano il Vroom Service. Dove, come avete intuito, la V non sta né per Visitors, né per Vendetta.

 

Posted by Mark Zuckerberg on Mercoledì 14 ottobre 2015

 

Un ventennio dopo le tragicomiche esperienze degli anni ’90, versioni molto più sofisticate di caschi, controller e mondi simulati tornano a incarnare il ruolo di next big thing dell’innovazione, promettendoci immersioni in reami dove non ci limiteremo a guardare i videogiochi, i film di Hollywood o il diario delle vacanze degli amici, ma inizieremo a viverli in un modo del tutto nuovo. Ma è proprio così? O stiamo ricascando in un’area al confine tra l’eccesso di aspettative e il vaporware? Sarà il ricordo della prima goffa virtual reality, sarà la perplessità di fronte a una Silicon Valley che ultimamente sembra un po’ troppo concentrata nell’inventare bisogni più che nel risolvere problemi (a cosa servono davvero Google Glass e Apple Watch?) o sarà il semplice disequilibrio tra l’aver letto un’infinità di materiale su questi meravigliosi marchingegni senza averne ancora provato alcuno, ma è impossibile trattenere un po’ di scetticismo. Soprattutto di fronte ai tanti (e realissimi) problemi che attendono al varco la realtà virtuale.

 

Com'è fatto un occhiale Oculus Rift Vanity Fair - Com’è fatto un occhiale Oculus Rift

 

Problema 1: il prezzo. Uno dei primi modelli di headset VR per il mercato di massa sarà il Gear VR di Samsung, in vendita a partire dal Black Friday (27 novembre) a un prezzo abbordabile: negli USA, 99 dollari. Compatibile con la famiglia Galaxy e supportato da Oculus, il Gear VR sarà tuttavia solo una sorta di antipasto, a potenza e funzioni ridotte. La “vera” realtà virtuale dovrebbe arrivare nella prima metà del 2016 con l’atteso debutto commerciale di Oculus Rift – il progetto con cui tutto ebbe inizio, qualche anno fa su Kickstarter – i cui prezzi saranno molto meno popolari. Qualche mese fa il CEO di Oculus Brendan Iribe ipotizzò una spesa di 1500$ per l’esperienza completa: headset più computer a supporto. Giovedì 15 ottobre il fondatore dell’azienda Palmer Luckey ha twittato la conferma: “Tutti vorranno la realtà virtuale prima di potersela permettere. All’inizio costerà cara, poi i prezzi caleranno”. E al CES2016 la conferma: Oculus Rift costerà 599$, senza computer di supporto. Discorso simile per il rivale HTC Vive, la cui prima edizione limitata dovrebbe arrivare intorno alla fine dell’anno con un target individuato nella fascia degli “high-end consumers”. Traduzione: i consumatori di fascia alta.

 

Gear VR di Samsung, in vendita dal 27 novembre Oculus Zone - Gear VR di Samsung, in vendita dal 27 novembre

 

Problema 2: il mal di testa. Di per sé, il prezzo non sarebbe nemmeno un ostacolo insormontabile: Apple ha costruito un impero sulla generosità degli high-end consumers. Nella realtà virtuale tuttavia la selezione in base alla carta di credito si intreccia con molte altre incognite. Innanzitutto, l’incertezza sull’identikit del consumatore che potrebbe essere davvero interessato alla nuova tecnologia. I principali indiziati sono gli appassionati di videogiochi, ma anche in quel settore le opinioni sono contrastanti (vedi l’emblematica divergenza di pensiero tra John Romero e John Carmack, co-creatori dello sparatutto Doom: Romero ha definito la VR una moda, Carmack è diventato CTO di Oculus). Come emerge da un recente articolo su Vanity Fair, Mark Zuckerberg guarda molto più lontano: l’intero Facebook di nuova generazione potrebbe diventare un universo virtuale in cui non vediamo più semplicemente le foto dei gattini dei nostri amici, ma possiamo anche accarezzarli. Sempre che prima ci sia passato il mal di testa. Non solo quello per i soldi spesi. Avete presente quel misto di nausea, disorientamento e pesantezza che i film in 3D suscitano in alcuni spettatori? Sembra che qualcosa del genere stia emergendo anche in ambito VR, con tanto di dettagliata descrizione su Wikipedia. Un po’ come se il nostro organismo si aggrappasse alla realtà fisica e si rifiutasse di essere trascinato in dimensioni parallele (ogni riferimento a film di fantascienza distopica è rigorosamente voluto).

 

La difficoltà di parlare del virtuale: il passo falso di Time Business Insider - La difficoltà di parlare del virtuale: il passo falso di Time

 

Problema 3: l’incompatibilità social. Soldi e nausea non sono però niente al confronto di quello che si profila come il super-nemico della realtà virtuale: la difficoltà nel far partire un passaparola come il web comanda. Se ci pensate, è lo stesso problema che hanno incontrato i Google Glass. Ci è stato giurato che offrivano l’esperienza più incredibile dell’universo, magari era anche vero, ma nessuno ha saputo e/o potuto mostrarcelo. Al punto che ancora oggi l’immagine più famosa che li riguarda è quella di un giornalista che li indossa sotto la doccia. Non proprio il massimo. Con la realtà virtuale, diciotto mesi dopo l’acquisto di Oculus da parte di Facebook, siamo più o meno allo stesso punto. Non solo l’hanno provata in pochi, ma anche chi è rimasto entusiasta e sta cercando di condividerne le virtù non ha gli strumenti per farlo sui canali principali – e necessari – per far partire ogni cascata social che si rispetti: YouTube e Facebook. La realtà virtuale puoi provarla, puoi raccontarla, puoi anche descriverla, ma come fai a mostrarla? Quando cerchi di usare immagini “esterne”, poi, gli effetti sono involontariamente comici: vedi la copertina del settimanale Time che lo scorso agosto ritraeva Palmer Luckey con un prototipo Oculus. Più che un tam tam virtuoso ha fatto partire l’ennesimo meme a base di photoshop. Anche l’immagine di una proposta di fidanzamento in VR sarà molto simpatica, ma non è che ci faccia correre tutti a prenotare un HTC Vive. La morale della favola è decisamente al passo con i tempi: tu puoi anche essere la più grande innovazione tecnologica del secolo, ma se non trovi un modo efficace di promuoverti sui social media rischi di restare davvero una realtà virtuale.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

24,99 €

Lucchetto ad impronta digitale

Ecco il lucchetto più intelligente che c'è. Per aprirlo non servono chiavi, ma basta la tua impronta digitale. Il lucchetto smart è prodotto dall'azienda cinese Xiaomi, che sforna ogni anno ottimi prodotti di elettronica di consumo. Si apre grazie al semplice tocco delle dita, perché riconosce l'impronta digitale del suo padrone. Ricordi quella volta che sei sceso dall'aereo, hai ritirato la valigia e ti sei accorto che non avevi più la chiave del lucchetto? Non succederà più. Fatto in lega di zinco e acciaio è figo, tutto liscio, senza pile da cambiare perché è ricaricabile con un comune cavetto micro USB. A leggere le specifiche tecniche può stare in standby fino ad un anno ed è anche resistente all'acqua. Infine, può memorizzare fino a 20 impronte digitali, così puoi condividerlo con altre persone o, addirittura provare ad aprirlo con le dita dei piedi. Ecco tutti i dati: Nome prodotto: NOC LOC Fingerprint Padlock Metodo di apertura: impronta digitale Materiali: lega di zinco e acciaio Lettore di impronta: semiconduttore Alimentazione ricarica: cavo Micro-USB Impronte memorizzabili: 20 Indicatore batteria scarica: punto LED Tipo batteria: 110mAh ricaricabile Livello di resistenza all'acqua: IPX7 Durata in standby: 1 anno Aperture con una ricarica: 2500 volte Dimensioni: 36mm x 18mm x 38mm Il pacchetto include 1 lucchetto. Il prodotto viene spedito dalla Cina.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
52,90 €

Kit da tavolo per trasformare lo smartphone in microscopio

Si chiama Blips Ultra Labkit, è un prodotto italiano e trasforma il tuo cellulare in un microscopio. Le lenti si applicano al cellulare velocemente con un adesivo. Il kit comprende anche delle lenti macro.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
13,76 €

Laconic Design LED Night Light

Item Type: Lighting Material: ABS Light Source: LED Luminous Flux: 20 LM (max) Current: 60-80 mA Voltage: 4.5 V , 3 x AAA Batteries Brightness: Max. 20 lumens Color Temperature: 3000K Operating Temperature: -10 to +40 degrees Celsius Sensing Distance: 3-5 m Size: 6.29 inch / 15.98 cm Features: No more searching around for a switch! This lamp will automatically turn on when motion is sensed and automatically turn off after a period of time. Features energy-efficient LEDs that deliver super-bright long-lasting illumination and with a daylight sensor installed the lights only activate in darkness saving the life of the battery! Package Includes: 1 x Night Light    
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >