Libri
di Stefano Disastro 4 Giugno 2018

Buio Dentro: 1987-1998, l’età leggendaria del writing underground a Milano

Erano gli anni 90, si diceva. E chi era giovane a quei tempi là se non era un babbo o uno zarro aveva il box o la cameretta piena di bombolette e pennarelli e le dita spesso sporche di vernice. Chi scrive era uno di quelli e all’epoca dipingeva in crew proprio con Corrado Piazza, l’autore di questo ‘Buio dentro. Writing underground a Milano (1987-1998) – mai titolo fu più azzeccato- un libro densissimo di 227 pagine,  edito dall’elite underground milanese, la Shake Edizioni.

Buio dentro. Writing underground a Milano (1987-1998) è un libro radicale e ortodosso, che parla soltanto di pezzi e tag fatti nei tunnel e banchine della metropolitana milanese, che non concede nulla alla “carineria”, nessuna foto a colori nessun glossario da rivista patinata nessuna spiegazione, solo azione, interviste ai veri protagonisti e racconto in presa diretta e testimonianze viscerali di un qualcosa che se non l’hai mai provato in prima persona non potrai mai capirlo per davvero. Ed è giusto e bello così. Poi verrà, sta venendo, è già venuto, il momento in cui tutto “il fenomeno del writing” è/verrà studiato e approfondito nelle università italiane (e libri come questo saranno fondamentali) ma quello che brucia, di queste pagine, sono la vita e l’energia di almeno 3 generazioni di ragazzi che hanno spaccato Milano a cavallo tra gli anni 80-90, in un’epoca pre-internet che a raccontarla e spiegarla ai figli dell’oggi non si può. Milano come New York.

E Corrado, con il suo stile di scrittura asciutto e coinvolto, ti fa sentire l’odore di muffa delle pareti e quello dello spray, il rumore delle bombolette nello zaino e il silenzio irreale di alcuni tunnel interrotto dagli sbuffi degli impianti di areazione o chissà quali altri rumori che sparano le percezioni a mille. Ma più di tutto ti fa sentire il cuore che batte, fortissimo, per l’adrenalina e l’azione e l’amore. L’amore incondizionato per la propria gente e la propria ricerca stilistica (quanti fogli riempiti, quanti pennarelli e matite consumate, quanto tempo speso a studiare e girare con il naso incollato al finestrino della metro per vedere dentro il buio).

 

Il valore di quest’opera sta nell’aver intervistato tutti i protagonisti dell’epoca (e quando dico tutti, intendo proprio tutti), senza nessuna pretesa di auto-celebrazione da parte dell’autore o -peggio- di unico dignitario del ‘sapere’. Io per primo in questa inutile recensione sto ben attento a non fare nomi, ne di writers ne di crew, perchè in questi frangenti è facile scontentare qualcuno o non tributare il giusto omaggio a qualcun altro, anche perchè di certo ognuno ha le sue preferenze simpatie antipatie e amicizie. Bene, in questo Corrado è stato magistrale, ha coinvolto davvero tutti e con un’umiltà e una passione incredibili è riuscito ad aprire il cassetto dei ricordi di tutti i writers dell’epoca e farsi raccontare situazioni, avventure, aneddoti davvero pazzeschi. Un livello di intimità e verità estremi. Pelledoca.

I protagonisti del libro ormai hanno vite completamente diverse, situazioni famigliari e lavorative lontane anni luce da quei tempi là. E però. Come fa notare Corrado nella prefazione la cultura del Writing è l’unica della quale i protagonisti non rinnegano nulla ma anzi rivendicano appartenenza e trascorsi. E questo ne fa capire il grande senso di appartenenza e debito esistenziale.

Questione foto, che quando si parla di writing è un aspetto fondamentale per documentare un fenomeno illegale soggetto a deperimento nel tempo e/o pulizie varie: il libro è in bianco & nero, foto comprese, preso dalla sterminata collezione di Piazza che in questi anni ha scattato con meticolosità certosina più di 5000 fotografie (e ha raccolto dagli archivi di tutti i writer coinvolti degli scatti altrettanto incredibili). Ecco, la cosa che mi fa uscire ancora più di testa è che sul profilo Instagram tutte le foto del libro sono riproposte nella versione originale a colori!

Un libro prezioso, potente e bellissimo. Obbligatorio nelle librerie di chiunque, soprattutto a Milano e dintorni, abbia mai preso in mano una bomboletta e schiacciato il tappino e con gesto il più preciso giusto e veloce possibile abbia scritto il proprio nome sopra un muro o un treno o.

Buio dentro. Writing underground a Milano (1987-1998)

Autore: Corrado Piazza
Editore: ShaKe edizioni
Anno: 2018
Lingua: Italiano
Pagine: 222
Formato: 17×20 cm

Compra | su Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
50,00 €

Il libro di cucina di Salvador Dalì

Nel 1973 il grande artista surrealista Salvador Dalì pubblicò un libro di cucina, intitolato Les Diners de Gala, il cui titolo è un abile gioco di parole che riguarda sia le cene di gala, sia quelle che lui e sua moglie Gala organizzavano per gli ospiti. E' un libro per un tipo di cucina opulenta. Al suo interno, 136 ricette divise in 12 capitoli, incluso quello sui cibi afrodisiaci.
5,99 €

L'universo spiegato ai miei nipoti

Le risposte di un nonno astrofisico alle domande della nipotina raccolte in questo piccolo libretto. Hubert Reeves è un grande divulgatore e questo è un libro perfetto per cominciare a scoprire i misteri dell’Universo con i propri figli e nipoti.
31,30 €

In her kitchen

Noi tutti amiamo le nonne. Con il loro profumo di borotalco e naftalina, il grembiule sempre indosso come se fosse un’uniforme, lo sguardo eternamente dolce e affettuoso. Questo libro fotografico di Gabriele Galimberti ne racconta le cucine, i luoghi per definizione, delle nonne.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
21,16 €

Un anno al vetriolo. Los Angeles Police Department, 1953

Ottantacinque foto della polizia di L.A. del 1953 diventano racconti scritti da uno dei più grandi scrittori americani viventi, un po' duro e crudo, per fare un viaggio all'inferno nella città degli angeli.
85,00 €

Codex Seraphinianus

Volete provare quello che prova un bambino quando sfoglia un libro? Cioè, come ci si sente a guardare un libro e non capire proprio niente? Nel tentativo di farci provare qualcosa di simile, Luigi Serafini negli anni '70 scrisse e disegnò una specie di enciclopedia assurda, che illustra e racconta un mondo fantastico e decisamente impossibile, descritto per filo e per segno con un linguaggio inventato, caratteri incomprensibili che sembrano a prima vista un alfabeto cifrato, ma che in realtà son proprio segni a caso (come più tardi ha chiarito lo stesso autore). Un bel librone assurdo.
124,76 €

More than human

Gli animali sono più umani di noi? Forse. E’ questo il lavoro del fotografo londinese Tim Flach, che raccoglie in un volume tutti i suoi migliori scatti di animali che sembrano più umani degli esseri umani. Un librone pieno di grosse, bellissime e dettagliatissime foto che vi lasceranno senza parole.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >