carrere Propizio è avere ove recarsi
Libri
di Gabriele Ferraresi 23 Marzo 2017

LIBRI FIGHI | Propizio è avere ove recarsi, di Emmanuel Carrère

Una raccolta di saggi e articoli degli ultimi 25 anni dell’autore francese: una delizia per carrèristi e non

carrere Propizio è avere ove recarsi

LIBRI FIGHI scritto così, in capslock, è una rubrica che esce ogni giovedì su Dailybest, ma magari più spesso, chissà. Cosa ci mettiamo in questa rubrica? Lo dice il nome, si spiega da sola.  

Non solo nuove uscite però, anche classici o meraviglie sconosciute.

Hai un LIBRO FIGO che ti piace tanto, che è importante, che pensi dovremmo leggere tutti e vuoi spiegarci perché? Che bello: sono 2500 caratteri spazi inclusi. Scrivici a info@dailybest.it, oppure sulla nostra pagina Facebook.

 

Quando si sono esauriti i biglietti per l’incontro con Emmanuel Carrère al Teatro Franco Parenti di Milano ero contento: il destino e la mia pigrizia organizzativa – la stessa per la quale questa estate resterò in città – mi toglievano il dubbio se recarmici o meno. Bene così.

Carrère era a Milano il 19 marzo scorso per un breve tour promozionale, dedicato a Propizio è avere ove recarsi, una raccolta di suoi saggi e articoli uscita da poco per Adelphi. Poco da dire: se amate quel meraviglioso, intelligentissimo paraculo che è Carrère, amerete anche questa sua raccolta di scritti degli ultimi 25 anni, compratela a scatola chiusa, chiudete questa tab, aspettate che il corriere suoni o il portinaio lasci un bigliettino nella casella della posta, occupate il divano più vicino.

Propizio è avere ove recarsi spazia bene o male ovunque nella produzione del nostro dagli anni ’90 a oggi ed èuna fondamentale via di accesso al laboratorio dell’autore. E soprattutto un appassionante autoritratto involontario”, dove ci sono sia pezzi di intelligenza e bravura da pelle d’oca, come la “nascita” del romanzo L’Avversario e il suo primo incontro con il killer Romand, che altri un po’ legnosi, per esempio tutta la rilettura di Balzac.

Comunque, figuriamoci, nel complesso la raccolta gira alla grande – l’intervista fallimentare a Catherine Deneuve… – perché Carrère è un fuoriclasse, e mica da oggi. È un fuoriclasse per cui l’importante è avere qualcosa da raccontare a modo suo, fondendo la storia che segue alla sua storia personale, annodando il proprio ego alla trama per buttare una rete in cui restiamo intrappolati. Il tutto, miracolosamente, senza starci sui coglioni: senza sbracare, senza prevaricare chi legge, senza peccare di noia. Doti più uniche che rare.

A Carrère riesce questo miracolo di essere piacevole, gradevole, anche così, ed è la sua forza: Il est avantageux d’avoir où aller in originale, dal libro dei mutamenti I Ching, è un po’ come una raccolta di b-side di un artista che amiamo, ci fa credere di conoscerlo meglio, e di carrèristi l’Italia è piena, me compreso.

Si nota poi in Propizio è avere ove recarsi  l’evoluzione stilistica di Carrère, l’enorme salto dal come scriveva nei primi anni ’90, per esempio nel caso del reportage nella Romania post Ceausescu, oppure passato il periodo cattolico  quando era a uno sgabello e una corda dal suicidio, lì non era propizio recarsi – momento biografico che ha raccontato in dettaglio ne Il Regno e altrove, fino a come scriveva dieci, o venti anni dopo,

In sostanza Propizio è avere ove recarsi è la dimostrazione finale che è “vano contrapporre letteratura e giornalismo”, certo, sempre a patto di essere abbastanza bravi: forse solo a patto di essere Carrère.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

85,00 €

Codex Seraphinianus

Volete provare quello che prova un bambino quando sfoglia un libro? Cioè, come ci si sente a guardare un libro e non capire proprio niente? Nel tentativo di farci provare qualcosa di simile, Luigi Serafini negli anni '70 scrisse e disegnò una specie di enciclopedia assurda, che illustra e racconta un mondo fantastico e decisamente impossibile, descritto per filo e per segno con un linguaggio inventato, caratteri incomprensibili che sembrano a prima vista un alfabeto cifrato, ma che in realtà son proprio segni a caso (come più tardi ha chiarito lo stesso autore). Un bel librone assurdo.
9,50 €

Zen del Juggling

Autore: Dave Finnigan Editore: Nuovi Equilibri Un vecchio libro, del 1999, ma è un classico per gli amanti della giocoleria, è in fondo un libro per tutti, perché la vita è come un esercizio difficile di giocoleria.
11,57 €

Sad Animal Facts

Il mondo visto dal punto di vista degli animali è ricco di sfortunate verità, humor delizioso e malinconico. Un libretto con 150 disegni fatti a mano di animali, ciascuno accostato ad un fatto scientifico che lo riguarda e al suo pensiero a proposito. Si chiama Sad Animal Facts e l'autrice è l'americana Brooke Barker.  
21,16 €

Un anno al vetriolo. Los Angeles Police Department, 1953

Ottantacinque foto della polizia di L.A. del 1953 diventano racconti scritti da uno dei più grandi scrittori americani viventi, un po' duro e crudo, per fare un viaggio all'inferno nella città degli angeli.
10,47 €

Sticky monsters

John Kenn Mortensen è un artista danese con l’ossessione per i mostri dell’infanzia. In questo splendido, tenero e terrificante galleria disegna bestie pelose, demoni terribili e simpatici, incubi a prova di bambino su dei Post-it!
25,00 €

Il libro di ricette italiane illustrato da Olimpia Zagnoli

Questo libro contiene 140 ricette di piatti italiani, scritte in francese e arricchite di tante belle illustrazioni di Olimpia Zagnoli. Con molto amore. Olimpia Zagnoli è un’illustratrice italiana diventata famosa negli Stati Uniti, dove ha avuto l’onore di illustrare le prestigiose pagine del New York Times e del New Yorker. Ha girato video musicali e firmato copertine di libri, ha lavorato per Taschen e non sembra volersi fermare più.  
50,00 €

Il libro di cucina di Salvador Dalì

Nel 1973 il grande artista surrealista Salvador Dalì pubblicò un libro di cucina, intitolato Les Diners de Gala, il cui titolo è un abile gioco di parole che riguarda sia le cene di gala, sia quelle che lui e sua moglie Gala organizzavano per gli ospiti. E' un libro per un tipo di cucina opulenta. Al suo interno, 136 ricette divise in 12 capitoli, incluso quello sui cibi afrodisiaci.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >