Libri
di Mattia Nesto 28 Marzo 2019

Cheese di Zuzu è una bomba nel cuore che tra poco esplode

Il graphic-novel di Coconino è un’avventura universale e personale che ci ha fatto stare male e poi stare bene. E infine ci ha fatto innamorare perdutamente

“Forse si esprime un desiderio per tutte le cose luminose”. Questa è una frase centrale, oltre che bellissima, per carpire il senso, intimo e universale, del graphic-novel di esordio di Zuzu, Cheese, pubblicato da Coconino Press. Già perché la storia dell’omonima protagonista è una storia provincia e di vita “piccola” in cui si passano le giornate sempre con le stesse persone, un trio di amici talmente unito e coeso che è quasi capace di captare lo stato d’animo degli altri senza bisogno di parlarsi ma, semplicemente, grazie ad una profondissima connessione di spiriti. Eppure non è che qui stiamo parlando di Nirvana o di teorie new-age, no, tutt’altro. Zuzu, con un tratto deciso e malfermo al tempo stesso (ma super riconoscibile e super proprio) ci trascina in una vicenda tanto assurda da sembrarci reale: ovvero la preparazione, lungo un’estate intera, della stessa Zuzu, Riccardo e Dario alla tradizionale gara del formaggio rotolante a Brentonico, un paesino in Trentino. Già sembra paradossale e inverosimile eppure dannatamente concreto: un po’ come la vita di tutti noi.

Ecco questo continuo oscillare tra assurdità e realtà è proprio una delle caratteristiche più interessanti di Zuzu che, attraverso una scrittura scarna e senza alcun tipo di retorica, ci racconta anche del difficile rapporto della protagonista con il cibo. Infatti Zuzu soffre di anoressia e la continua visione dei suoi stessi intestini, raffigurati dall’autrice sotto-forma di inquietanti mostri vermiformi, ci fanno comprendere meglio il profondo, profondissimo dramma entro il quale lei è avviluppata. Però non ci si ferma a rammaricarsi e non ci si lancia mai in pipponi filosofici: questa è una storia di tre ragazzi di vent’anni che non sanno ancora bene che fare della loro vita, è vera, ma che, nell’attesa, tentano più po meno di vivere.

Gli intensi primi piano della protagonista che ne scarnificano i lineamenti ci hanno, letteralmente, annichilito così come ci ha sorpreso la capacità di Zuzu, con brevi ma intense “pennellate”, di raccontare in maniera propria le vicende dei tre protagonisti. Ognuno infatti è caratterizzato da un piccolo/grande segreto che cela agli altri ma che, presto o tardi, dovrà venire a galla. Inoltre, quasi in maniera scontata, c’è grande spazio anche per le relazioni in Cheese, sempre relazioni però sghembe e irregolari, mai perfetti quadri amorosi, ma rapidi schizzi che ritraggono i nostri “più a pensare su una possibile azione” piuttosto che a farla.

Davvero molto riuscita la capacità di evocare l’eterna noia della provincia italiana, qui dell’Italia centrale per essere più precisi, che Zuzu è abilissima nel presentarci con un susseguirsi di  piccoli baretti e pizzerie intervallati da chiese e chiesette in mezzo ad un paese sostanzialmente “morto”. Morto proprio come lo sguardo (e l’intero volto) di Zuzu, che è sempre presentata con gli occhi chiusi, o comunque non visibili, proprio a significare quel segreto e quel “non detto” che si porta sempre dietro con sé e che l’appesantisce oltre ogni logica (e per questo, lei, è ossessionato dal desiderio di “diventare un uccello per librarsi oltre tutto e tutti”).

Romantico e brutale, tragico e buffo, Cheese ci ha prima fatto male, poi fatto (stare) bene e infine ci ha fatto innamorare profondamente. Siamo certi che questo graphic-novel sarà uno dei migliori graphic-novel dell’anno, non abbiamo dubbi, anche se delle classifiche di gradimento poco, sinceramente, ce ne importa. Quello che ci interessa è che con Zuzu il fumetto nostrano ha trovato una nuova voce che mancava terribilmente a tutti.

Chese – Zuzu (Coconino Press)

Compra | Amazon

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,20 €

Il mare spiegato ai miei nipoti

Se anche a voi piace il mare e magari siete anche dei tipi scientifici o perlomeno curiosi, allora questo bel libretto può aiutarvi a conoscere meglio l'ecosistema del mare, i suoi segreti e la sua importanza. Scritto da Hubert Reeves e Yves Lancelot è un libro di divulgazione scientifica sul mare, che potete leggere con i vostri figli. Invece delle solite banalità fantasy. :-)
85,00 €

Codex Seraphinianus

Volete provare quello che prova un bambino quando sfoglia un libro? Cioè, come ci si sente a guardare un libro e non capire proprio niente? Nel tentativo di farci provare qualcosa di simile, Luigi Serafini negli anni '70 scrisse e disegnò una specie di enciclopedia assurda, che illustra e racconta un mondo fantastico e decisamente impossibile, descritto per filo e per segno con un linguaggio inventato, caratteri incomprensibili che sembrano a prima vista un alfabeto cifrato, ma che in realtà son proprio segni a caso (come più tardi ha chiarito lo stesso autore). Un bel librone assurdo.
21,16 €

Un anno al vetriolo. Los Angeles Police Department, 1953

Ottantacinque foto della polizia di L.A. del 1953 diventano racconti scritti da uno dei più grandi scrittori americani viventi, un po' duro e crudo, per fare un viaggio all'inferno nella città degli angeli.
28,90 €

Al di là delle parole. Che cosa provano e pensano gli animali

Abituati ad anni ed anni a guardare documentari prima su Superquark e poi sui vari canali satellitari o su Netflix, quando si inizia a leggere Al di là delle parole di Carl Safina, libro appena uscito per Adelphi, si è convinti di sapere tutto sul mondo degli animali. E invece no, leggendo il libro si capisce come non sappiamo proprio niente.
19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
5,99 €

L'universo spiegato ai miei nipoti

Le risposte di un nonno astrofisico alle domande della nipotina raccolte in questo piccolo libretto. Hubert Reeves è un grande divulgatore e questo è un libro perfetto per cominciare a scoprire i misteri dell’Universo con i propri figli e nipoti.
10,43 €

The Gashlycrumb Tinies

In Inghilterra è un grande classico, firmato dall’illustratore Edward Gorey. Nelle tavole del libricino, troviamo le lettere dell’alfabeto illustrate da bambini morti. Nel senso: ogni lettera è accostata a un bambino con quell’iniziale, morto in circostanze tragiche. Per dire una cosa banale, si potrebbe dire che si tratta di immagini che sembrano uscite dall’immaginario di Tim Burton, ma avrebbe poco senso. Il bello è perdersi per qualche secondo nelle vicende di questi poveri bambini.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >