Libri
di Marco Villa 14 Luglio 2016

Come si diventa grandi nel 2016? Lo racconta il fumetto ‘Freezer’ di Veronica Veci Carratello

Abbiamo intervistato l’autrice del fumetto Freezer, surreale racconto della formazione di un’adolescente di provincia

freezer-libro-fumetto

 

Cosa succederebbe se il mondo dei Goonies e di quei film anni ’80 venisse portato di peso ai nostri giorni? Probabilmente diventerebbe qualcosa al confine con i film di Wes Anderson o con quel cult assoluto chiamato Little Miss Sunshine. O almeno così la pensa Veronica “Veci” Carratello, autrice del fumetto Freezer, fuori in questi giorni per Bao Publishing.

Una storia incentrata sulla crescita e il passaggio alla fatidica età adulta di Mina, ragazzina che fatica a integrarsi con le sue coetanee e che ama rifugiarsi nei prati di campagna. Mina abita con la sua famiglia, stramba al punto giusto: il papà attore di pubblicità e lo zio disadattato e quasi sociopatico, bilanciati dalle figure femminili più rassicuranti di mamma e nonna. E proprio la nonna sarà protagonista involontaria della seconda parte del libro.

Leggi le prime 18 pagine del libro nella gallery qui sotto

Per capire meglio il libro e le sue ispirazioni, abbiamo fatto qualche domanda all’autrice Veronica Carratello.

Per presentare il tuo libro a un amico, lo definirei un incrocio tra Little Miss Sunshine e I Tenenbaum di Wes Anderson… ci ho preso? Sono dei titoli che ti hanno influenzato?
Sì, direi che ci hai preso. Little miss Sunshine è uno dei miei film preferiti, mi è stato d’ispirazione nella creazione dei personaggi, volevo creare un nucleo familiare buffo come quello del film, poi la citazione alla spinta del pulmino sgangherato è abbastanza palese. Durante la lavorazione del fumetto ho guardato molti film di Wes Anderson, quindi penso mi abbiano influenzato inconsciamente. I Tenenbaum è il film che preferisco fra quelli di Wes Anderson, di questo regista amo particolarmente i personaggi, la fotografia e i colori, si respira aria vintage anche in Freezer. Il cinema non è la mia sola fonte d’ispirazione, mi influenza anche la musica, la letteratura, la radio, la tv e ovviamente anche i fumetti, ma più di tutto, prendo spunto dalla vita. In Freezer c’è un chiaro riferimento a Catfish, una serie televisiva-reality americana che racconta le verità e le bugie delle relazioni online.

È molto bello il contrasto dentro-fuori: spicca il senso di libertà che la protagonista vive quando è all’aperto, lontana da casa e dalla città. Una via di fuga è necessaria?
Sì, volevo sottolineare questo contrasto, una via di fuga è necessaria? A volte sì, che sia un posto in cui amiamo rifugiarci, o un hobby, ognuno di noi ha bisogno di ritagliarsi un proprio spazio.

 

COVER FREEZER

 

Come è nata l’idea della storia? Quanto è importante il proprio vissuto in una storia di formazione come Freezer?
Per prima cosa ho creato i personaggi, avevo alcune idee ma mi mancava la trama principale, ci ho pensato per mesi, finché un giorno, sentendo una notizia di cronaca alla radio, mi si è accesa la lampadina! Credo sia importante mettere qualcosa del proprio vissuto, per permettere al lettore di identificarsi nei personaggi e per rendere la storia più veritiera, anche se in Freezer ci sono elementi surreali.

Procedendo nella lettura si passa da una normale storia di famiglia (per quanto stramba) a un mezzo thriller, con colpo di scena finale: come definiresti il tuo libro?
Lo definirei una commedia drammatica, una lettura “rinfrescante” in tutti i sensi.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

85,00 €

Codex Seraphinianus

Volete provare quello che prova un bambino quando sfoglia un libro? Cioè, come ci si sente a guardare un libro e non capire proprio niente? Nel tentativo di farci provare qualcosa di simile, Luigi Serafini negli anni '70 scrisse e disegnò una specie di enciclopedia assurda, che illustra e racconta un mondo fantastico e decisamente impossibile, descritto per filo e per segno con un linguaggio inventato, caratteri incomprensibili che sembrano a prima vista un alfabeto cifrato, ma che in realtà son proprio segni a caso (come più tardi ha chiarito lo stesso autore). Un bel librone assurdo.
11,57 €

Sad Animal Facts

Il mondo visto dal punto di vista degli animali è ricco di sfortunate verità, humor delizioso e malinconico. Un libretto con 150 disegni fatti a mano di animali, ciascuno accostato ad un fatto scientifico che lo riguarda e al suo pensiero a proposito. Si chiama Sad Animal Facts e l'autrice è l'americana Brooke Barker.  
50,00 €

Il libro di cucina di Salvador Dalì

Nel 1973 il grande artista surrealista Salvador Dalì pubblicò un libro di cucina, intitolato Les Diners de Gala, il cui titolo è un abile gioco di parole che riguarda sia le cene di gala, sia quelle che lui e sua moglie Gala organizzavano per gli ospiti. E' un libro per un tipo di cucina opulenta. Al suo interno, 136 ricette divise in 12 capitoli, incluso quello sui cibi afrodisiaci.
19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
25,00 €

Il libro di ricette italiane illustrato da Olimpia Zagnoli

Questo libro contiene 140 ricette di piatti italiani, scritte in francese e arricchite di tante belle illustrazioni di Olimpia Zagnoli. Con molto amore. Olimpia Zagnoli è un’illustratrice italiana diventata famosa negli Stati Uniti, dove ha avuto l’onore di illustrare le prestigiose pagine del New York Times e del New Yorker. Ha girato video musicali e firmato copertine di libri, ha lavorato per Taschen e non sembra volersi fermare più.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
21,16 €

Un anno al vetriolo. Los Angeles Police Department, 1953

Ottantacinque foto della polizia di L.A. del 1953 diventano racconti scritti da uno dei più grandi scrittori americani viventi, un po' duro e crudo, per fare un viaggio all'inferno nella città degli angeli.
10,47 €

Sticky monsters

John Kenn Mortensen è un artista danese con l’ossessione per i mostri dell’infanzia. In questo splendido, tenero e terrificante galleria disegna bestie pelose, demoni terribili e simpatici, incubi a prova di bambino su dei Post-it!
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >