Libri
di Giulio Pons 5 Novembre 2018

Imparare l’hacking a partire dalle basi con il libro di Riccardo Meggiato

La prima regola dell’hacker è non dichiarare mai di esserlo.

La prima regola dell’hacker è non dichiarare mai di esserlo. Già, perché l’hacker è una persona umile e devono essere gli altri a chiamarlo così avendo visto quello che sa fare. Comincia così il libro di Riccardo Meggiato, esperto di sicurezza informatica e perito informatico forense, inquadrando l’etica hacker e classificando chi pratica questa attività in buoni e cattivi.

Perché – ve lo dico subito – prima di tutto questo libro è un libro scritto sul filo del rasoio, dove si spiegano le tecniche per intromettersi in un computer, ma solo per spiegare come difendersi: in pratica si insegna come scassinare le porte, per costruire serrature migliori!

Questi sono gli incredibili paradossi della sicurezza informatica e Riccardo vi conduce lungo un percorso solo per appassionati di informatica (come tutti i libri Apogeo), un cammino in cui prima si fa un bel ripassone di reti e protocolli, per poi passare a costruire la propria macchina per hacking, usando Linux in versione Kali, una build fatta apposta per gli esperti di sicurezza. Vengono poi illustrati passo dopo passo gli strumenti da usare, con schermate e comandi puntuali.

Si scopre così un universo in cui gli attacchi si basano sulle vulnerabilità, su piccoli errori del codice che consentono ad altri software di aprire delle falle ed insinuarsi nei computer altrui. Le vulnerabilità sono tante, le versioni dei software tantissime, la complessità dei sistemi è enorme e così l’hacker non fa tutto a mano, perché è letteralmente impossibile, ma usa dei software. Ci sono cioè programmi che costruiscono altri programmi per infiltrarsi a seconda della versione del sistema operativo della vittima. C’è una community di ladri informatici e di esperti di sicurezza che si mescolano sugli stessi server, che scoprono nuove falle e le condividono, per colpire e per aiutare allo stesso tempo. Un po’ come Luke Skywalker e Obi-wan che frequentano quel bel baretto pieno di loschi individui per incontrare Han Solo e Chewbecca.

Pane e hacking a pranzo Amazon - Pane e hacking a pranzo

Capirete che avere un firewall è fondamentale, che mantenere i propri sistemi aggiornati è il primo passo da fare per difendersi e che le password semplici sono inutili, perché sono disponibili database di centinaia di migliaia di password “ovvie” e in pochi istanti un programmino trova quella giusta per il vostro computer.

Scoprirete l’esistenza del social engineering, cioè l’attività di conoscere la vittima attraverso quello che fa online o attraverso le scartoffie che in ufficio butta nel bidone della carta. Si possono infatti trovare documenti e informazioni che, se ben utilizzate, inducono la vittima a fidarsi di una mail pericolosa e ad avviare un file exe credendo di fare qualcosa di innocuo. L’hacker studia la sua vittima come nei furti in appartamento il ladro studia le abitudini di chi vive in una certa via e sa quando la casa è vuota e tranquilla per qualche ora.

Gli attacchi spiegati vanno dalla SQL injection, al XSS cross scripting, all’ARP poisoning, al Man in the middle ed altri ancora. E’ anche spiegato come intercettare il traffico wireless utilizzando dei modem wifi capaci di mettersi in ascolto anche del traffico non proprio. Riccardo Meggiato vi spiega anche come fare un access point fasullo e sbirciare quello che fanno gli ignari utenti che si connettono: si possono vedere i siti che guardano, i cookie, i dati che scrivono nei form, le immagini che scaricano. Tutto!

Dopo aver letto questo libro il mistero dell’hacker col cappuccio in testa è svelato: perché è solo un tecnico che ne sa a pacchi (come se fosse niente eh!), oppure è uno smanettone che prova mille software uno dietro l’altro cercando di sfondare le barriere di protezione.

La cosa più importante che ho imparato leggendo “Imparare l’hacking” è che non mi collegherò mai più ad un access point “Super free wifi” e prometto che aggiornerò sempre il sistema operativo e il WordPress dei miei siti, giuro, le password stupide non le userò mai più e starò anche attento a quello che butto nel cestino.

Compra | su Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
11,57 €

Sad Animal Facts

Il mondo visto dal punto di vista degli animali è ricco di sfortunate verità, humor delizioso e malinconico. Un libretto con 150 disegni fatti a mano di animali, ciascuno accostato ad un fatto scientifico che lo riguarda e al suo pensiero a proposito. Si chiama Sad Animal Facts e l'autrice è l'americana Brooke Barker.  
10,43 €

The Gashlycrumb Tinies

In Inghilterra è un grande classico, firmato dall’illustratore Edward Gorey. Nelle tavole del libricino, troviamo le lettere dell’alfabeto illustrate da bambini morti. Nel senso: ogni lettera è accostata a un bambino con quell’iniziale, morto in circostanze tragiche. Per dire una cosa banale, si potrebbe dire che si tratta di immagini che sembrano uscite dall’immaginario di Tim Burton, ma avrebbe poco senso. Il bello è perdersi per qualche secondo nelle vicende di questi poveri bambini.  
124,76 €

More than human

Gli animali sono più umani di noi? Forse. E’ questo il lavoro del fotografo londinese Tim Flach, che raccoglie in un volume tutti i suoi migliori scatti di animali che sembrano più umani degli esseri umani. Un librone pieno di grosse, bellissime e dettagliatissime foto che vi lasceranno senza parole.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,47 €

Sticky monsters

John Kenn Mortensen è un artista danese con l’ossessione per i mostri dell’infanzia. In questo splendido, tenero e terrificante galleria disegna bestie pelose, demoni terribili e simpatici, incubi a prova di bambino su dei Post-it!
85,00 €

Codex Seraphinianus

Volete provare quello che prova un bambino quando sfoglia un libro? Cioè, come ci si sente a guardare un libro e non capire proprio niente? Nel tentativo di farci provare qualcosa di simile, Luigi Serafini negli anni '70 scrisse e disegnò una specie di enciclopedia assurda, che illustra e racconta un mondo fantastico e decisamente impossibile, descritto per filo e per segno con un linguaggio inventato, caratteri incomprensibili che sembrano a prima vista un alfabeto cifrato, ma che in realtà son proprio segni a caso (come più tardi ha chiarito lo stesso autore). Un bel librone assurdo.
25,00 €

Il libro di ricette italiane illustrato da Olimpia Zagnoli

Questo libro contiene 140 ricette di piatti italiani, scritte in francese e arricchite di tante belle illustrazioni di Olimpia Zagnoli. Con molto amore. Olimpia Zagnoli è un’illustratrice italiana diventata famosa negli Stati Uniti, dove ha avuto l’onore di illustrare le prestigiose pagine del New York Times e del New Yorker. Ha girato video musicali e firmato copertine di libri, ha lavorato per Taschen e non sembra volersi fermare più.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >