Quando tutto diventò blu, il graphic novel di Alessandro Baronciani che parla degli attacchi di panico

Quando tutto diventò blu torna in versione “rimasterizzata” per Bao Publishing ed è l’occasione migliore per leggere uno dei migliori racconti per immagini di Alessandro Baronciani

Oggi, in anteprima per il Blue Monday (il lunedì più triste dell’anno, pare) Alessandro Baronciani sarà alla Feltrinelli (Duomo) di Milano alle 18:30, dialogherà con Colapesce e presenterà il suo racconto grafico Quando tutto diventò blu, che torna in una nuova edizione pubblicata da Bao Publishing.

Questa la trama: Chiara, la protagonista di questo libro, ama il mare e le immersioni, ma un giorno si sente come soffocare sott’acqua. Inizia a sentire il cuore batterle sempre più forte, ed ha paura. Una paura fortissima, come quella che le era capitato di leggere in Le Memorie di Adriano di Marguerite Yourcenar: “Mi parve di precipitare come un sasso in una voragine buia… assordato come un tuffatore dal rombo delle acque”. Da quel momento in poi il panico e l’ansia la accompagnano in episodi sempre più frequenti, sempre più difficili da controllare, che mettono alla prova – tra infinite visite mediche e ricette di farmaci – le sue abitudini quotidiane e le sue relazioni: lo studio, il lavoro, gli amici, l’amore. Chiara ha paura di tante cose, ma soprattutto di ammettere di avere un problema. Desidera fortemente che qualcuno dia un nome alla sua malattia per non dover ammettere di avere paura della paura.

Alessandro Baronciani ci ha abituato spesso ad una sensibilità fuori dal comune, che in questo racconto per immagini diventa ancora più acuta. Riesce perfettamente a descrivere tutti gli stadi della caduta nell’abisso degli attacchi di panico, della depressione silenziosa, compreso l’iter che quasi tutte le persone che ne soffrono sono costrette a fare: rimedi palliativi, farmaci, psicofarmaci, rischio dipendenza, terapia psichiatrica, terapia psicologica,  fino a dare una forma alla paura, amplificata proprio dalla sua impalpabilità, per farsela compagna e non nemica.

Un libro per chi c’è dentro e non sa come uscirne, per chi ha già fatto tutto il percorso per tornare a galla e per chi non sa come stare accanto a chi soffre. Tutte le vignette sono colorate di blu, come quel mare nel quale la protagonista si accorge di sperimentare i sintomi della malattia.

Oltre a Milano, Baronciani sarà anche a Bologna il 29 gennaio (Modo Infoshop) e a Torino il 30 gennaio (Circolo dei lettori).

In seguito, porterà in giro per l’Italia lo spettacolo inedito con disegni e musica live Quando tutto diventò blu – Concerto a fumetti, ideato insieme a Corrado Nucini (Giardini di Mirò). I due saranno sul palco insieme a Davide Rossi (violoncello) e alle voci di Ilaria (Gomma) e Her Skin, più tanti ospiti a sorpresa. Queste le prime date del Concerto disegnato:

13.02 Sala Estense – Ferrara
16.02 Kessel – Cavriago (Re)
28.02 Santeria – Milano
14.03 Circolo Arci Colombofili – Parma
15.03 Mercato Sonato – Bologna
27.03 Kalinka – Carpi (Mo)
29.03 Cosa Scuola – Forlì

Quando tutto diventò blu – Alessandro Baronciani (Bao Publishing)

Compra | Amazon

 

 

Alessandro Baronciani è fumettista, illustratore, art director, grafico e musicista. Nato a Pesaro ma milanese d’adozione.Ha pubblicato Una storia a fumetti (Black Velvet) raccolta delle sue prime autoproduzioni scritte e spedite per posta e poi Quando tutto diventò blu e Le ragazze nello studio di Munari entrambi ristampati da BAO Publishing in una nuova edizione “rimasterizzata”. La collaborazione con la Casa editrice milanese nasce nel 2013 con la pubblicazione di Raccolta – 1992/2012 e continua nel 2015 con La distanza, scritto a quattro mani insieme a Colapesce, romanzo grafico che ha ottenuto ottimo riscontro di pubblico e critica. Nel 2016 Baronciani pubblica con successo il fumetto Come svanire completamente, un libro sperimentale con oltre quaranta storie a fumetti sparse e racchiuse in una scatola nato attraverso una raccolta fondi online. Nel 2018 pubblica, sempre insieme a BAO, il suo primo graphic novel horror: Negativa.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >