Libri
di Dailybest 3 Marzo 2021

L’Aida, l’inferno freddo di Milano

Come l’Aida verdiana, anche la protagonista della nuova graphic novel di Sergio Gerasi è rinchiusa in una prigionia altrettanto asfissiante, quella delle scuole di moda, degli ambienti altolocati della società meneghina.

Citando Bianconi (ma anche il suo precedente racconto), non sono tutte romantiche le storie su Milano. Alcune sono acide, altre insipide, altre ancora crudeli. Ed è di questo tenore l’ultima opera di Sergio Gerasi, L’Aida, pubblicata per Bao Publishing. Non si tratta propriamente di un’Aida verdiana, anche se la protagonista della storia è rinchiusa in una prigionia altrettanto asfissiante, quella delle scuole di moda, degli ambienti altolocati che le sono stati imposti dalla madre, ricca e piena di aspettative nei suoi confronti, ma soprattutto soddisfatta che l’adolescenza della figlia sia trascorsa “senza troppi guai”.

Aida e la sua amica Ludovica on.techprincess.it Aida e la sua amica Ludovica

Il modo molto ingenuo che Aida ha per aprire un varco nel perbenismo che le è stato imposto è mettersi in abiti inadatti per il suo ceto, vagare di notte per le strade milanesi in cerca di spunti da fotografare, sfogando così la sua trasgressione attraverso un obiettivo. Una sera come le altre, vagando per le strade del centro, s’imbatte in una banda di “uomo-ragni” e, dopo averli seguiti fino al covo, fa la loro conoscenza. I The Virus sono una comune artistica formata da gente emarginata -un po’ bimbi sperduti di Peter Pan, un po’ combriccola di Fagin- che ogni notte allestisce un’opera in un punto simbolico della città. Tra il situazionismo e land art, la loro intenzione è risvegliare le coscienze dei cittadini e riaprire le vene della socialità spontanea ormai incatenata nelle logiche frenetiche e utilitaristiche del lavoro. Il loro approccio è aggressivo, di sabotaggio, come quando hackerano gli smartphone delle persone per restituirgli il tempo che altrimenti andrebbe perso o quando ricoprono un palazzo di Piazza Missori con striscioni recanti tremendi insulti trovati su Facebook. Non essendoci un antidoto a tutta questa nevrosi tecnologica, l’unica via d’uscita è iniettare “un Virus che azzeri tutto”.

L’immagine dell’inseguimento sotto Torre Velasca www.tomshw.it L’immagine dell’inseguimento sotto Torre Velasca

Da questo momento la vita della ragazza si fa ibrida, a livello narrativo iniziamo a perdere la chiarezza del suo personaggio. Aida cerca di legarsi sempre di più al gruppo, ma non riesce a svincolarsi dalle proprie paranoie, non si capisce quanto effettivamente creda alle azioni dei The Virus e quanto voglia prendere a schiaffi i suoi amici, Ludovica e Tancredi, anch’essi altolocati. In diversi momenti Aida deve fare i conti con gli effetti degli anti depressivi, le deformazioni del suo viso, le smorfie di dolore che sfociano nel pianto, sono evidenziate perfettamente dalle tinte acquarello. Tuttavia la sua anoressia viene trattata abbastanza superficialmente e il rapporto con la madre, seppur palesemente distrutto, non è mai presentato in modo complesso.

I The Virus all’opera tra i tetti di Milano www.exibart.com I The Virus all’opera tra i tetti di Milano

L’efficacia del racconto va sgretolandosi quando inizia a vacillare l’ispirazione dei The Virus, sempre più divisi e in certi casi dubbiosi riguardo l’utilità di quel che stanno facendo. Una scelta precisa dell’autore che ha deciso di accantonare il motore che aveva animato la storia fino a quel momento. Ma prima del secondo ribaltone improvviso Gerasi recupera il filo e, soprattutto, il senso di tutta la graphic novel, facendo preparare alla sua Aida la performance più significativa e agghiacciante. Le ultime pagine sono attraversate da un suo breve monologo, che testimonia la nuova voglia di cambiare, di non rinnegare più le proprie emozioni, di non essere più così uguale a Milano. La quantità di problemi che Gerasi ci mette davanti agli occhi ne L’Aida è enorme. Pagina dopo pagina scopre i nervi della sua città, mettendo in dubbio tutti i modi con cui pretende di accudire i suoi figli, sempre più grigi e distaccati. Il terzo volume pubblicato da Gerasi con  Bao Publishing rivela la grandissima capacità narrativa dell’autore, ma la sensazione è che sul finale Sergio abbia avuto troppa fretta, non si sia dato il tempo di sviscerare ognuno di questi macigni con la giusta cura. Forse 150 pagine non sono state abbastanza, sta di fatto che la selva oscura meneghina va assimilata lentamente, per evitare di essere sovrastati e vinti dai fardelli delle sue strade grigie.

Compra | su Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,99 €

L'universo spiegato ai miei nipoti

Le risposte di un nonno astrofisico alle domande della nipotina raccolte in questo piccolo libretto. Hubert Reeves è un grande divulgatore e questo è un libro perfetto per cominciare a scoprire i misteri dell’Universo con i propri figli e nipoti.
9,50 €

Zen del Juggling

Autore: Dave Finnigan Editore: Nuovi Equilibri Un vecchio libro, del 1999, ma è un classico per gli amanti della giocoleria, è in fondo un libro per tutti, perché la vita è come un esercizio difficile di giocoleria.
50,00 €

Il libro di cucina di Salvador Dalì

Nel 1973 il grande artista surrealista Salvador Dalì pubblicò un libro di cucina, intitolato Les Diners de Gala, il cui titolo è un abile gioco di parole che riguarda sia le cene di gala, sia quelle che lui e sua moglie Gala organizzavano per gli ospiti. E' un libro per un tipo di cucina opulenta. Al suo interno, 136 ricette divise in 12 capitoli, incluso quello sui cibi afrodisiaci.
21,16 €

Un anno al vetriolo. Los Angeles Police Department, 1953

Ottantacinque foto della polizia di L.A. del 1953 diventano racconti scritti da uno dei più grandi scrittori americani viventi, un po' duro e crudo, per fare un viaggio all'inferno nella città degli angeli.
28,90 €

Al di là delle parole. Che cosa provano e pensano gli animali

Abituati ad anni ed anni a guardare documentari prima su Superquark e poi sui vari canali satellitari o su Netflix, quando si inizia a leggere Al di là delle parole di Carl Safina, libro appena uscito per Adelphi, si è convinti di sapere tutto sul mondo degli animali. E invece no, leggendo il libro si capisce come non sappiamo proprio niente.
85,00 €

Codex Seraphinianus

Volete provare quello che prova un bambino quando sfoglia un libro? Cioè, come ci si sente a guardare un libro e non capire proprio niente? Nel tentativo di farci provare qualcosa di simile, Luigi Serafini negli anni '70 scrisse e disegnò una specie di enciclopedia assurda, che illustra e racconta un mondo fantastico e decisamente impossibile, descritto per filo e per segno con un linguaggio inventato, caratteri incomprensibili che sembrano a prima vista un alfabeto cifrato, ma che in realtà son proprio segni a caso (come più tardi ha chiarito lo stesso autore). Un bel librone assurdo.
19,90 €

Chineasy, il libro per imparare il cinese

Vuoi imparare il cinese? Ci sono 200 simboli fondamentali con i quali si può capire all’incirca il 40% del cinese scritto, dai menu al ristorante, ai cartelli stradali, spot televisivi e scritte sui giornali. Per spiegare e memorizzare questi simboli c’è questo bel libro: Chineasy.
31,30 €

In her kitchen

Noi tutti amiamo le nonne. Con il loro profumo di borotalco e naftalina, il grembiule sempre indosso come se fosse un’uniforme, lo sguardo eternamente dolce e affettuoso. Questo libro fotografico di Gabriele Galimberti ne racconta le cucine, i luoghi per definizione, delle nonne.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >