Libri
di Simone Stefanini 29 Giugno 2016

Ecco perché odio il Piccolo Principe

È un libro brutto, pieno di metafore sbagliate, che non merita il successo che ha, e leggerlo equivale ad affogare in una pozza di melassa e Bostik

piccolo-principe donboscovasto.it - Ciao, se voglio fare la spesa e comprare solo l’essenziale perché ho pochi soldi, meglio leggere l’etichetta

 

Oggi è l’anniversario di nascita dello scrittore francese Antoine de Saint-Exupéry, universalmente riconosciuto in tutto il globo per aver scritto Il piccolo principe, una delle opere più vendute del ventesimo secolo.

Ne abbiamo parlato un po’ tutti poche settimane fa, quando la neo sindaca romana Virginia Raggi lo ha inserito nella sua classifica personale dei più bei libri mai letti, insieme a quei manuali per fronteggiare Mafia Capitale, e vabbè.

Sui social poi, un giorno sì e l’altro pure ci sarà qualche sfrontato intellettuale pronto a condividere una di quelle immagini da 5.000 like a botta, tipo quella qui sotto.

 

Oh, la pelle d’oca tumblr - Oh, la pelle d’oca

 

Io, quel libriccino lì, l’ho letto che non ero bambino (fortunatamente mia mamma mi passava Gianni Rodari). Mi sa che la prima volta che mi ci sono approcciato era una sorta di viatico per un limone con possibilità di seconda base con una fricchettona di prima liceo.

Io, che leggevo Stephen King come se il domani non arrivasse mai, mi sono sentito morire dentro. Questa tipa mi diceva “No devi leggerlo, è troppo poetico, c’è tutto quello che serve” e boh, mi sono fatto abbindolare. C’era pur sempre in ballo il limone.

Mi è stato subito sulle palle questo bambino ariano un po’ sciroccato che vive nel Sahara, che si veste come uno dei Pooh ai tempi del prog e che non riuscivo, né riesco, a capire il motivo per il quale si trovi in mezzo al deserto africano se è un nobile bianco.

Logicamente, tutto quel sole che ha preso in fronte l’ha reso debole di mente e gli fa credere cose folli, tipo essere friendzonato da una rosa o accollarsi a un poveraccio reduce da un incidente aereo, che precipita da quelle parti.

 

Odioso baronetto ariano wired - Odioso baronetto ariano

 

Lì il principino dà il peggio di sé, ordinando all’aviatore di disegnargli una pecora che gli servirà per mangiare i baobab che infestano l’asteroide ariano dal quale proviene.

Purtroppo il vecchio non ha il Ritalin, che le mamme americane danno ai loro pargoli quando sono iperattivi come se fosse Fanta, quindi gli tocca sorbirsi tutta questa cazzatona e alla fine da scemo ci passa lui.

Il principe attacca un pippardone epico all’aviatore malconcio, riferendogli di tutti i tipi da bar che ha visto in giro per gli asteroidi, tipo il vanitoso, lo sbronzo, il broker che tiene ai soldi ecc. tutta gente alla fine normale, che c’ha qualche difettuccio ma che Lil’ Prince disprezza, da spocchioso qual è. E poi incontra una volpe.

 

Magari fosse stato lui knowyourmeme - Magari fosse stato lui

 

Ma voi, le volpi le avete mai viste? Provate a mettere una manina vicino al loro nasino, tipo come si fa coi cani. Minimo vi beccate un morso e la rabbia. Non sono esattamente come quella de La volpe e la bambina, il film tanto carino  doppiato da Ambra.

Sono animali selvatici che meritano rispetto proprio per la loro inequivocabile natura. La volpe del principino invece che fa? Gli chiede di essere addomesticata.

Un po’ come se oggi bussasse alla vostra porta Salvini e vi pregasse di introdurlo alla magia della cultura Rom.

 

 

Morale della favola, dopo aver crepato i nervi del vecchio, il principe trova un serpente e si fa mordere, dandosi la giusta morte, con tutta probabilità per essersi reso conto delle panzane che ha appena raccontato. I followers del libro in realtà pensano che il serpente lo avveleni per farlo ritornare sull’asteroide B 612, ma noi sappiamo che ha fatto la fine di Tommen nel finale di stagione di GoT.

 

 

Ciò che mi fa odiare il libro più della dichiarazione dei redditi è la pretesa dei suoi fan di far diventare una favoletta neanche troppo brillante come l’atlante col quale elaborare metri di giudizio, la bibbia della formazione. Lui, insieme all’uccellaccio  Jonathan Livingston e ai fottuti guerrieri della luce di Coelho sono una fuffa atroce, perché banalizzano concetti che invece potrebbero essere pure interessanti, vanificandoli così del tutto.

Non c’è proprio nessuno da addomesticare, chi cazzo siamo, gli italiani che con gli stivali di cartone andavano in Etiopia nel ventennio? Nelle relazioni d’amicizia e d’amore casomai si tratta di smussare i propri angoli acuti per creare linee più morbide, che feriscano meno.

Si tratta di provare profondo amore per persone così come sono, non di renderle diverse a proprio piacimento. Lo so che anch’io sto scivolando nella banalità più trita, ma sant’Iddio, crescendo con gl’insegnamenti di quel principino del menga vi ritroverete a sentirvi più fighi degli altri, senza motivo.

A giudicare, a ordinare, ad addomesticare (e a tentare di copulare arbusti) altrimenti, se non si fa come volete voi, ve ne andate. Grazie Antoine, per aver cresciuto una generazione di radical chic egocentrici ed egoisti, che prima di aiutare un aviatore moribondo preferiscono parlargli di se stessi.

 

Non ci sentiamo di escludere che anche Baby George abbia già letto il libro facebook - Non ci sentiamo di escludere che anche Baby George abbia già letto il libro

 

Ma voi, fan sfegatati di quest’inutilità, avete mai letto tutto il libro de La storia infinita di Michael Ende? No, non il film, quello arriva a malapena a metà. Lì, tra tutte le prove che deve superare il giovane Bastian per riuscire a sconfiggere il Nulla e riportare far rinascere Fantàsia, potrete trovare tutto quello che cercate, in virtù di un bene comune e non dei capricci del piccolo George ante litteram.

Oppure, perchè non leggere delle avventure di Conan nel romanzo di Alexander Key (quello che ha dato il la alla serie animata di Miyazaki). Si parla di salvare il pianeta, degli effetti disastrosi della guerra e dell’egoismo umano, con l’ecologia come unica via. Non di fottute pecore mangia baobab sugli asteroidi.

Ogni tanto mi viene in mente una cosa brutta: non è che il Piccolo Principe è così famoso perché è un romanzo corto, che si legge in un pomeriggio, con i concetti a porta presa e le metafore che capirebbe anche un elettrodomestico? E se fosse davvero, semplicemente, un libro brutto?

 

Bene, adesso fila a farlo rimuovere chirurgicamente tumblr - Bene, adesso fila a farlo rimuovere chirurgicamente

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

11,57 €

Sad Animal Facts

Il mondo visto dal punto di vista degli animali è ricco di sfortunate verità, humor delizioso e malinconico. Un libretto con 150 disegni fatti a mano di animali, ciascuno accostato ad un fatto scientifico che lo riguarda e al suo pensiero a proposito. Si chiama Sad Animal Facts e l'autrice è l'americana Brooke Barker.  
124,76 €

More than human

Gli animali sono più umani di noi? Forse. E’ questo il lavoro del fotografo londinese Tim Flach, che raccoglie in un volume tutti i suoi migliori scatti di animali che sembrano più umani degli esseri umani. Un librone pieno di grosse, bellissime e dettagliatissime foto che vi lasceranno senza parole.
10,47 €

Sticky monsters

John Kenn Mortensen è un artista danese con l’ossessione per i mostri dell’infanzia. In questo splendido, tenero e terrificante galleria disegna bestie pelose, demoni terribili e simpatici, incubi a prova di bambino su dei Post-it!
31,30 €

In her kitchen

Noi tutti amiamo le nonne. Con il loro profumo di borotalco e naftalina, il grembiule sempre indosso come se fosse un’uniforme, lo sguardo eternamente dolce e affettuoso. Questo libro fotografico di Gabriele Galimberti ne racconta le cucine, i luoghi per definizione, delle nonne.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
23,80 €

Là fuori. Guida alla scoperta della natura

Là fuori è una guida alla scoperta della natura, pensata e scritta per bambini e ragazzini. Un libro che risponde alle domande che nascono osservando la natura, anche in città, nei parchi, nelle aiuole, nei giardini. Alberi e fiori, nuvole e stelle, rocce e sabbia, uccelli, rettili e mammiferi... Là fuori è un libro che invita i bambini all'osservazione della natura, a notare i dettagli e insegna a stupirsi. Vi sono anche diverse attività per suscitare interesse e innescare meccanismi di gioco che sono anche percorsi formativi per i bambini.
25,00 €

Il libro di ricette italiane illustrato da Olimpia Zagnoli

Questo libro contiene 140 ricette di piatti italiani, scritte in francese e arricchite di tante belle illustrazioni di Olimpia Zagnoli. Con molto amore. Olimpia Zagnoli è un’illustratrice italiana diventata famosa negli Stati Uniti, dove ha avuto l’onore di illustrare le prestigiose pagine del New York Times e del New Yorker. Ha girato video musicali e firmato copertine di libri, ha lavorato per Taschen e non sembra volersi fermare più.  
5,99 €

L'universo spiegato ai miei nipoti

Le risposte di un nonno astrofisico alle domande della nipotina raccolte in questo piccolo libretto. Hubert Reeves è un grande divulgatore e questo è un libro perfetto per cominciare a scoprire i misteri dell’Universo con i propri figli e nipoti.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >