fumetti
di Mattia Nesto 10 Febbraio 2021

Tokyo Revengers, il nuovo manga di cui parlano tutti in Giappone

Tra misteriosi viaggi nel tempo, gang di terroristi e coraggiosi studenti delle medie, l’ultima opera di Ken Wakui è sbarcata in Italia

Quando ho saputo che J-Pop avrebbe portato in Italia Tokyo Revengers di Ken Wakui sono stato travolto da un’ondata di entusiasmo. Sapevo che questo manga in Giappone aveva riscosso un successo clamoroso e, sin dai tempi di Shonan Junai Gumi – La banda dell’amore puro di Shonan, le storie di bande e teppisti in salsa nipponica mi sono sempre piaciute un botto. Dopo aver letto i primi due volumi contenuti nello speciale cofanetto di J-Pop -arricchito per altro da una cartolina oleografica super figa- non vediamo l’ora di poter continuare a leggere la storia.

La copertina del volume di J-Pop – Foto dell’autore  La copertina del volume di J-Pop – Foto dell’autore

 

Tokyo Revengers è una storia di formazione e redenzione. Takemichi, il protagonista del manga, viene colto nelle prime pagine della storia mentre, stravaccato sul futon del suo squallido appartamento, sussulta sentendo che tra le vittime di un micidiale attacco terroristico capitato in centro a Tokyo vi sia anche Hinata Tachibana, sua ragazza delle medie ed unico grande amore. La vita di Takemichi trascorre tra un lavoretto saltuario e l’altro, troppo immaturo e svogliato per fare qualcosa di rilevante nella vita, finchè un giorno, mentre si trovava sulla banchina della metro a rimuginare sull’inutilità della propria vita come decine di altre volte, improvvisamente viene travolto dal treno. Pare essere la fine di tutto per il nostro protagonista, e invece è l’inizio.

 

I due boss della Tokyo Manji Gang i.pinimg.com I due boss della Tokyo Manji Gang

Attraverso un meccanismo che andremo a conoscere meglio nel prosieguo della serie, ora Takemichi è in grado di viaggiare indietro nel tempo, decide quindi di tornare all’epoca nella quale era uno studente delle medie rissoso e collerico costretto a lasciare la propria ragazza a causa dell’adesione forzata alla Tokyo Manji Gang, la banda responsabile dell’attacco terroristico in centro. Takemichi, investito da questo insolito potere, tenterà di modificare gli equilibri all’interno dell’organizzazione per cambiare il corso degli eventi e salvare la vita di Hinata e Naoto, il suo fratellino, che ritroveremo negli adulti panni di investigatore nel tempo presente.

Takemichi nel presente static.wikia.nocookie.net Takemichi nel presente

 

Alivello puramente estetico, abbiamo adorato i profondi neri delle divise dei motociclisti e la cura immensa mostrata per le diverse acconciature dei protagonisti. Con uno stile che fonde la decisione del segno con la precisione per la descrizione dei particolari, Ken Wakui è stata in grado di conquistare praticamente tutto il Giappone. Tokyo Revengers, dal 2017 a oggi, continua a vendere milioni di copie ottenendo un crescente consenso di critica e pubblico, e, di recente, è stata anche confermata la trasposizione della serie a fumetti in anime.

 

Stante i primi due volumi, abbiamo apprezzato notevolmente anche le situazioni sempre differenti messe di fronte al protagonista e la voglia di scardinare gli stilemi classici dello shonen battle. Senza darvi troppe anticipazioni, vi basti sapere che non si replicherà il meccanismo dell’ “affronto il minion del boss per approdare a una battaglia più dura fino a vedermela col nemico finale“. Gli scontri di Tokyo Revengers non sono solo fisici, ma anche e soprattutto psicologici. I nostri giudizi non saranno ancora completi, basandosi appunto su una porzione molto ristretta dell’opera, ma l’inizio è stato clamoroso. Inutile dirvi che se fossimo in voi non ci perderemmo i primi due numeri della serie cult di Weekly Shonen Magazine.

Compra | su Amazon

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >