Musica
di Simone Stefanini 7 Ottobre 2016

Buon compleanno Thom Yorke, padre di tutti i depressi fighi

Compie 48 anni uno degli idoli incontrastati dei depressi di tutto il mondo

3436d68679605.5602c32687908 behance - Thom Yorke visto da Jeremy Cowart

 

E anche Thom Yorke inizia ad invecchiare. A 48 anni si è tolto tante di quelle soddisfazioni coi Radiohead, con gli Atoms for Peace e da solista che la maggior parte dei musicisti nel mondo ha sognato di essere lui e ha suonato almeno una volta una sua canzone.

Viene fuori praticamente dal nulla, direttamente dalle tv musicali del 1993 con Creep, una canzone talmente depressa che sulle prime non abbiamo nemmeno capito del tutto. Ma erano tempi confusi,  Kurt Cobain non se la passava bene, il grunge era agli sgoccioli e il brit pop era una continua battaglia di copertine tra Oasis e Blur, mentre da Bristol faceva capolino il trip hop più greve e psicotropo. Nel calderone, in piena era MTV, appare lui e ci fa strano, perché bravo è bravo, ma bello no, con quella semiparalisi all’occhio sinistro e quelle movenze epilettiche in stile Ian Curtis. È un momento in cui l’apparenza conta eccome. Non a caso i gruppi “alternativi” più popolari hanno un frontman bonazzo (Kurt, Eddie Vedder, Damon Albarn e compagnia). Lui invece canta “Vorrei essere speciale ma sono sgradevole, sono un coglione, cosa cazzo ci faccio qui? Io non appartengo a questo posto” e vince tutto. Nel video qui sotto, condensati in tre minuti ci sono tutti gli anni ’90.

 

 

Ma Thom ha attraversato benissimo anche le decadi successive, perché  non si è mai fermato a suonare un genere solo ma ha spaziato da paura, sconvolgendo i fan della prima ora, attaccatissimi al periodo rock dei Radiohead. Diciamolo senza mezzi termini: parlare con un fan ortodosso dei Radiohead è praticamente impossibile, ogni volta si rischia la rissa.

Fortunatamente Thom non è così permaloso e nella sua lunga carriera si è fatto prendere per il culo con nonchalance. D’altra parte lo stile è un’altra cosa e lui ne ha a pacchi.

 

tumblr_ml0ixup0TT1qzpbd2o2_250 rebloggy.com - Nessuno ha una faccia simmetrica.

 

Anche noi gli abbiamo dedicato un articolo in cui  si analizzavano le differenze tra gli scoiattoli e i Radiohead e pure un altro in cui il povero Thom Yorke veniva scambiato per un giovane con problemi di sesso in un libro iraniano. Vi ricordate poi quando ha ballato nel video di Lotus Flower e poi il web si è riempito di meme in cui il buon Thom ballava di tutto? Ad esempio ha prestato le sue doti atletiche a “Single Ladies” delle Destiny’s Child, sopportando con stoico eroismo.

 

 

Molte persone hanno il brutto vizio di volersi tatuare il ritratto del loro idolo e di solito tale disegno rimane poi ben nascosto, perché assolutamente inguardabile. Thom invece viene ritratto così, diventando in un solo gesto icona del rock e dell’horror.

 

eaad6_h7C697779 rubmint.com - Don’t try this at home

 

Abbiamo scherzato. In realtà amiamo Thom anche quando è fuori dal suo ambiente naturale e fa il dj in Boiler Room, mettendo musica davanti ad un pubblico un po’ moscio in verità, mentre lui si diverte come un matto.

 

 

Perché Thom Yorke se lo può permettere.  È l’unico songwriter a poter competere con l’altro mito dei 90s, Kurt Cobain e a poter pareggiare la sfida. Se l’è immaginata così Juan Villamil, illustratore colombiano, in un combattimento in stile Street Fighter

 

b0aae575bbcf092aa992aaf4fe2b0a7b behance - Kurt contro Thom. Notare i poteri speciali.

 

Perché ha scritto e cantato divinamente pezzi diventati immortali come Fake Plastic Trees, Karma Police, Paranoid Android, No Surprises, Idioteque, Exit Music, Creep, High and Dry, Street Spirit, Nude, Pyramid Song, 2+2=5. E sono solo le prime che ci vengono in mente.

 

448cc211354233.560f66d4162df behance - Thom York, © Cranio Dsgn

 

Perché il suo aspetto esteriore è diventato esso stesso icona e ha sdoganato tutta una serie di musicisti bravissimi che non devono più (finalmente) essere per forza anche dei fotomodelli.

 

de5c12519d9e77e0903dbca54f148929 behance - SWAG – She Wants a Weirdo, © Tony Rodriguez

 

Guardatelo qui, live con i Radiohead a Città del Messico il 3 ottobre del 2016, mentre suona uno dei pezzi più belli della band, Fake Plastic Tree per la prima volta dopo 6 anni. Un treno di brividi.

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
48,00 €

Speaker bluetooth

Cosa rende un film davvero speciale, si sa, è l'atmosfera che si crea guardandolo. E allora cosa c'è di più speciale se non cogliere una citazione, una canzone, un suono che ci riporta ad attimi della nostra vita. Quello che ti occorre, per ampliare il tuo udito e immergerti nella visione, sono sicuramente delle ottime casse. E se il tuo gusto è, a tratti, retrò questo modello bluetooth in legno ti renderanno subito protagonista di una pellicola 70 CARATTERISTICHE Gamma di trasmissione senza fili: 10M Rapporto di rumore audio: Circa 80db Capacità della batteria: 1500mAh Built-in tensione: 3.7V Normale volume di riproduzione: 6-10hr Specifiche dell'altoparlante: ¢ 52 MILLIMETRI Potenza altoparlante: 4Ω/5W Risposta in frequenza: 90HZ-20KHZ Formato del prodotto: 155x92x76mm Peso: 600g Tensione di carica: 5V/500MA contiene micro cavo di ricarica USB Prodotto con spedizione extra-UE. Tempi di consegna: 30 gg lavorativi.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >