I segreti di David Bowie, 10 cose da sapere sul Duca Bianco

Qualche spunto per conoscere meglio una vita leggendaria

Musica
di Simone Stefanini facebook 11 gennaio 2016 11:50
I segreti di David Bowie, 10 cose da sapere sul Duca Bianco

bowie-secrets telegraph - David Bowie diventa Ziggy Stardust

 

È morto David Bowie e ogni parola in tal senso va pesata, ponderata e ragionata, altrimenti si rischia di scrivere il coccodrillo standard per un uomo davvero eccezionale.

Stamattina, chi appena sveglio legge la notizia rimane senza parole, come si trattasse di uno di famiglia e questa empatia è straordinaria, visto che Bowie non è mai stato indulgente in piacionerie per il grande pubblico.

A dare la notizia, un comunicato su Facebook e un tweet del figlio, il regista Duncan Jones.

 

12507612_1252334251450513_1595845607103280925_n Twitter

 

Un’immagine che commuove, che ci avvicina al Bowie umano e non a quello impalpabile, etereo e trasformista, la figura sovrumana che come tale non poteva morire. Per celebrarlo abbiamo deciso di darvi 10 spunti di ricerca, per poter conoscere David Bowie anche da angolazioni diverse rispetto a quelle canoniche.

 

1) La sua ultima apparizione dal vivo

Questa è la sua ultima apparizione live, con Alicia Keys a cantare Changes nel 2006. I cambiamenti che sono stati la stessa materia di cui Bowie era fatto. L’ultima volta che è venuto a suonare in Italia invece è stato il 23 ottobre del 2003 al FilaForum di Assago nel corso di  A Reality Tour.

 

2) David Bowie era già morto una volta

David Bowie aveva già sublimato la sua morte nel 1973, dando fine al suo personaggio più famoso, la rockstar aliena Ziggy Stardust, qui filmata nel suo ultimo concerto all’Hammersmith Odeon di Londra il 3 luglio ’73, prima di svestire i panni dell’icona glam.

 

3) Major Tom appare in 3 sue canzoni

Schermata 2016-01-11 alle 10.43.04 buzzfeed

Il maggiore Tom che si perde nello spazio nella sua prima hit del 1969, Space Oddity, lo ritroviamo in Ashes to Ashes (1980) e in Hallo Spaceboy (1996)

 

4) Nel suo primo film interpreta un alieno

3The_Man_Who_Fell kpbs

Il tema dell’alieno come metafora gli è sempre stato caro. Non a caso il suo primo film da protagonista è L’uomo che cadde sulla Terra (1976) di Nicolas Roeg, in cui interpreta un extraterrestre.

 

5) La prima volta che ha cantato Under Pressure dal vivo è stato al concerto in memoria di Freddy Mercury

Nel 1992, al Freddy Mercury Tribute Concert ha cantato Under Pressure, il singolo del 1982 im cui originariamente duettò coi Queen. Stavolta accanto a lui, la splendida voce di Annie Lennox.

 

6) Seu Jeorge ha cantato le sue più grandi hit in portoghese per un film di Wes Anderson

Nel 2004, uno dei tributi più belli alla sua musica è venuto dal brasiliano Seu Jorge, che per il film Le avventure acquatiche di Steve Zissou di Wes Anderson ha registrato le canzoni di Bowie in portoghese.

 

7) Esiste una versione di Space Oddity in italiano, col testo di Mogol

Lo stesso Bowie in passato ha cantato le sue canzoni in varie lingue. Nel 1970 ha inciso la sua hit Space Oddity in italiano, con testo di Mogol che trasforma l’odissea spaziale del Maggiore Tom in una tristissima storia d’amore.

 

8) Ha parlato dei problemi del mondo con Celentano

Mai banale nemmeno nelle interviste. In questa del 1999 con Adriano Celentano nel programma Francamente me ne infischio,  venne ammorbato dal molleggiato coi grandi problemi del mondo ma se la cavò egregiamente, e non era facile per niente.

 

9) Bowie ha doppiato un personaggio di SpongeBob 

enhanced-buzz-19144-1372451914-44 buzzfeed

Ha dato la voce a Lord Royal Highness, il re con gli occhi di colore diverso che incontra SpongeBob in un episodio del 2007

 

10) Nella sua prima apparizione televisiva del 1964 difendeva i capelloni

Ecco David Bowie diciassettenne e già con una personalità da vendere mentre argomenta in tv perché i capelli lunghi siano fighi.

 

Bonus) E se non fosse morto?

Non è una provocazione e nemmeno una battuta di cattivo gusto, ma niente viene per caso nel mondo di Bowie e se come suo testamento ci ha voluto regalare il video di Lazarus, che nella Bibbia risorge per mano di Gesù. Forse la sua ultima trasformazione è stata accettare il proprio destino e mutare in arte pura, dal letto d’ospedale del video (e della vita vera) fino alla libertà.

“Oh I’ll be free, just like that bluebird”

Fosse così, ci è riuscito benissimo e a noi non resta che ringraziarlo per tutto quello che ha fatto.

 

Vi raccomandiamo:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)