Natura
di Claudia Mazziotta 24 Marzo 2020

“Cat Tracker” è lo studio che ci rivela dove vanno i gatti quando si allontanano da casa

Possiamo stare tranquilli: i gatti domestici raramente si allontanano oltre i cento metri dal cortile di casa. Lo dimostrano gli studi di alcuni ricercatori dalla Carolina del Nord, in uno dei più grandi progetti di ricerca sui gatti mai realizzato.

Non è la prima volta che i ricercatori tentano di capire dove vanno i gatti quando decidono di prendere e uscire di casa. In passato gli studiosi hanno deciso di seguirli a piedi o di mettere dei radiotrasmettitori attorno al collo di queste adorabili bestiole pazze, senza però raggiungere gli obbiettivi desiderati. Con Cat Tracker, invece, ce l’hanno fatta e finalmente siamo riusciti a capire dove vanno i gatti quando decidono deliberatamente di uscire di casa. D’ora in poi possiamo stare tranquilli, perché la verità e che i gatti non vanno da nessuna parte.

Si tratta di uno dei più grandi progetti di ricerca sui gatti mai realizzato, portato avanti da un team di ricercatori della Carolina del Nord, su quasi un migliaio di gatti domestici in quattro paesi, cui sono stati posti dei radiotrasmettitori GPS attorno al collo per una settimana.

I risultati sono arrivati dopo sei anni, pubblicati sulla rivista Animal Conservation, e hanno rivelato che for most cats, there is no place like home. I gatti, in realtà, non vanno da nessuna parte se non intorno alla propria casa. Roland Kays, principale autore di Cat Tracker, la maggior parte dei gatti presi in esame ha trascorso tutto il tempo a meno di 100 metri dal cortile della loro casa.

Il gatto più giramondo di tutti è stato Penny, in Nuova Zelanda, che ha vagabondato per oltre 3 miglia quadrate (che, se non erro, dovrebbero essere circa 7 km quadrati, un vero record per le nostre amate palle di pelo feline). Altro gatto pazzo, l’inglese Max, che ha fatto un viaggio di andata e ritorno dalla sua casa ben due volte, percorrendo una distanza di oltre un miglio per poi voltarsi e tornare indietro, senza apparenti motivi.

Nonostante questi intrepidi esploratori, la maggior parte dei gatti domestici si spostano per poco tempo e circoscrivono la loro passeggiate in territori noti e vicino casa. La spiegazione sembra ovvia: gli animali domestici vengono nutriti a casa e non hanno bisogno di esplorare a lungo e in largo per trovare il loro prossimo pasto. Inoltre, la maggior parte degli animali domestici viene sterilizzato o sterilizzata, quindi non c’è bisogno di “farsi belli/e e andare all’acchiappo” per cercare un/a compagno/a. Quanto ai gatti selvatici, questi si allontanano per cercare cibo o compagni per la riproduzione, ma anche loro tendono a perlustrare luoghi noti e vicini a quella che considerano la loro casa.

Lo studio Cat Tracker ha aumentato la nostra conoscenza della vita esterna dei gatti domestici, ma i ricercatori affermano che c’è molto altro da imparare. Sapere dove vanno i gatti è un progresso importante, ma per capire davvero il loro impatto sull’ambiente e le minacce cui vanno incontro allontanandosi da casa, dobbiamo sapere cosa stanno effettivamente facendo. Ecco perché i ricercatori stanno lavorando su una nuova tecnologia che combinerà GPS ad alta risoluzione ad altre componenti, “per mappare in modo più preciso i comportamenti dei gatti e, in particolare, con che frequenza e dove cacciano“, afferma Kays.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >