Natura
di Federica Calvo 14 Maggio 2018

L’Overtoun Bridge è il ponte misterioso dei cani suicidi

In Scozia esiste un ponte che ormai sta passando alla storia come “il ponte dei cani suicida”, il nome è perfetto se si pensa che oltre 600 cani negli ultimi 60 anni hanno deciso di saltare giù, tutto dallo stesso punto.

L’Overtoun Bridge venne costruito dal calvinista Lord Overtoun nel 1895 ed è alto circa 18 metri e come si può immaginare non tutti i cani riescono a sopravvivere al folle gesto, sono circa 50 “gli amici a quattro zampe” morti dallo scorso secolo e nel 2005 il conto finale è stato di cinque cani in soli sei mesi. Il fenomeno è angosciante se si pensa che ogni triste episodio si sia ripetuto sempre con la medesima formula: giornata di sole, stesso punto all’altezza dei due parapetti finali sul lato destro del ponte, stesse tre razze coinvolte dal naso lungo come i Collie, Labrador e Retrivier. Tutto ciò suona già di assurdo e paranormale, ma cosa pensereste se vi dicessimo che alcuni cani miracolati al salto sono tornati sul ponte per ricompiere l’irrazionale azione?

 

Negli anni i numerosi casi sono diventati oggetto di studio da parte di vari ricercatori per cercare una risposta a questi episodi paranormali. I comportamentisti canini si sono espressi e hanno spiegato che nonostante lo sconsiderato comportamento, i cani, essendo animali, non hanno pensieri suicidi. Il veterinaio Kendal Shepherd ha affermato che il suicidio umano è solitamente condizionato dalla sensazione che domani non sarà meglio di oggi ma non ci sono prove che suggeriscano che i cani abbiano il senso dell’adesso e del domani.

 

Da questo punto di partenza si sono formulate varie ipotesi: la prima è che ci deve essere una stimolazione sensoriale che li porta a spingersi oltre al muretto. Il professore Peter Neville della Ohio University del dipartimento di scienze animali pensa che la causa possa essere attribuita al forte odore di visoni maschi che attirerebbe i cani verso la morte, infatti circa il 70% di quelli saltati appartiene a una razza che reagisce all’emanazione del tanfo dei mammiferi carnivori. Inoltre i giorni di sole in cui avvengono le tragedie si spiegherebbero per via dell’assenza di umidità che metterebbe in risalto l’odore dei visoni.

La seconda ipotesi è stata data da altri esperti secondo cui un’anomalia acustica nella costruzione del ponte produrrebbe un suono udibile solo ai canidi che li spingerebbe a seguirlo oltre la cinta del muro. Alcuni rimangono ancora scettici e trovano la vera spiegazione del fenomeno misterioso nella “Dama Bianca di Overtoun”.  Gli abitanti del posto raccontano del fantasma di Lady Overtoun, la moglie di un barone milionario appassionato di alchimia e riti satanici. Dopo la sua morte avvenuta nel 1908, La Dama Bianca avrebbe vagato tra il loro castello e il ponte, non trovando mai più pace. La storia si fa ancora più interessante se si pensa alla testimonianza di alcune persone che raccontano di aver avuto un’esperienza soprannaturale mentre passeggiavano sul ponte, spiegando di aver provato una felicità improvvisa seguita da un senso di depressione profondo.

 

 geograph

 

Nel 1994 si aggiunge un altro triste episodio al lungo percorso della storia di cronaca nera che il ponte porta con sé. Un uomo ha gettato il suo bambino neonato dal ponte dichiarando poi di essere sotto l’effetto di droghe e di credere di essere l’Anticristo e suo figlio, Satana.

Amici viaggiatori, amici scozzesi e anche non amici, se passate da questo ponte state attenti e se avete con voi il vostro cagnolino, tenete stretto il guinzaglio.

 

 wikimedia

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >