Natura
di Federica Calvo 14 Maggio 2018

L’Overtoun Bridge è il ponte misterioso dei cani suicidi

In Scozia esiste un ponte che ormai sta passando alla storia come “il ponte dei cani suicida”, il nome è perfetto se si pensa che oltre 600 cani negli ultimi 60 anni hanno deciso di saltare giù, tutto dallo stesso punto.

L’Overtoun Bridge venne costruito dal calvinista Lord Overtoun nel 1895 ed è alto circa 18 metri e come si può immaginare non tutti i cani riescono a sopravvivere al folle gesto, sono circa 50 “gli amici a quattro zampe” morti dallo scorso secolo e nel 2005 il conto finale è stato di cinque cani in soli sei mesi. Il fenomeno è angosciante se si pensa che ogni triste episodio si sia ripetuto sempre con la medesima formula: giornata di sole, stesso punto all’altezza dei due parapetti finali sul lato destro del ponte, stesse tre razze coinvolte dal naso lungo come i Collie, Labrador e Retrivier. Tutto ciò suona già di assurdo e paranormale, ma cosa pensereste se vi dicessimo che alcuni cani miracolati al salto sono tornati sul ponte per ricompiere l’irrazionale azione?

 

Negli anni i numerosi casi sono diventati oggetto di studio da parte di vari ricercatori per cercare una risposta a questi episodi paranormali. I comportamentisti canini si sono espressi e hanno spiegato che nonostante lo sconsiderato comportamento, i cani, essendo animali, non hanno pensieri suicidi. Il veterinaio Kendal Shepherd ha affermato che il suicidio umano è solitamente condizionato dalla sensazione che domani non sarà meglio di oggi ma non ci sono prove che suggeriscano che i cani abbiano il senso dell’adesso e del domani.

 

Da questo punto di partenza si sono formulate varie ipotesi: la prima è che ci deve essere una stimolazione sensoriale che li porta a spingersi oltre al muretto. Il professore Peter Neville della Ohio University del dipartimento di scienze animali pensa che la causa possa essere attribuita al forte odore di visoni maschi che attirerebbe i cani verso la morte, infatti circa il 70% di quelli saltati appartiene a una razza che reagisce all’emanazione del tanfo dei mammiferi carnivori. Inoltre i giorni di sole in cui avvengono le tragedie si spiegherebbero per via dell’assenza di umidità che metterebbe in risalto l’odore dei visoni.

La seconda ipotesi è stata data da altri esperti secondo cui un’anomalia acustica nella costruzione del ponte produrrebbe un suono udibile solo ai canidi che li spingerebbe a seguirlo oltre la cinta del muro. Alcuni rimangono ancora scettici e trovano la vera spiegazione del fenomeno misterioso nella “Dama Bianca di Overtoun”.  Gli abitanti del posto raccontano del fantasma di Lady Overtoun, la moglie di un barone milionario appassionato di alchimia e riti satanici. Dopo la sua morte avvenuta nel 1908, La Dama Bianca avrebbe vagato tra il loro castello e il ponte, non trovando mai più pace. La storia si fa ancora più interessante se si pensa alla testimonianza di alcune persone che raccontano di aver avuto un’esperienza soprannaturale mentre passeggiavano sul ponte, spiegando di aver provato una felicità improvvisa seguita da un senso di depressione profondo.

 

 geograph

 

Nel 1994 si aggiunge un altro triste episodio al lungo percorso della storia di cronaca nera che il ponte porta con sé. Un uomo ha gettato il suo bambino neonato dal ponte dichiarando poi di essere sotto l’effetto di droghe e di credere di essere l’Anticristo e suo figlio, Satana.

Amici viaggiatori, amici scozzesi e anche non amici, se passate da questo ponte state attenti e se avete con voi il vostro cagnolino, tenete stretto il guinzaglio.

 

 wikimedia

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >