Perché non state parlando tutti de Il Miracolo, la serie tv di Niccolò Ammaniti?

Una Madonna di plastica piange sangue davvero e cambia la vita delle persone che hanno a che fare con lei. Non sempre in meglio. Questo il plot de Il Miracolo, la serie tv di Niccolò Ammaniti

Una Madonna di plastica che piange ettolitri di sangue viene ritrovata in un covo della ‘ndrangheta. Sembra proprio un miracolo, che cambierà le vite di tutte le persone che si trovano ad avere a che fare con questa bizzarra scoperta.

Ecco il plot de Il Miracolo, la serie tv ideata e sceneggiata dallo scrittore Niccolò Ammaniti, che ha curato anche la regia coadiuvato da Stefano Bises, Francesca Manieri e Francesca Marciano. I primi due episodi sono sono usciti la settimana scorsa su Sky Atlantic e molti di quelli che li hanno visti hanno gridato al miracolo: cast eccellente, fotografia che non sembra una fiction, colonna sonora ottima, serie corale misteriosa e oscura con intrecci narrativi ben costruiti, non basata sulla malavita ma sulle emozioni umane di fronte all’ignoto,

Una cosa più unica che rara in Italia, paese che sembra possa produrre serialità ad alta qualità solo quando si tratta di criminalità: Gomorra, Suburra, Romanzo Criminale, Il Cacciatore e tutte le fiction basate su commissari e sbirri vari.

 

 still da NOW TV

Il Miracolo è un’anomalia: tempi dilatati e comportamenti irrazionali, atmosfere cupe e ansie non scontate che sconvolgono la vita del Premier italiano interpretato da Guido Caprino e della first lady (Elena Lietti), del Generale interpretato da Sergio Abelli, di Padre Marcello (Tommaso Ragno), un prete senza più un briciolo di fede che ne ha fatte di ogni e Sandra Roversi (Alba Rohrwacher), una biologa con una madre ormai quasi catatonica da accudire.

8 episodi da 50 minuti che, per il momento, segnano una svolta nella narrazione seriale italiana e che potranno essere tranquillamente venduti all’estero.

 

 still da NOW TV

Niccolò Ammaniti, pur alla seconda esperienza dietro la cinepresa (la prima è stata The Good Life, un documentario del 2014 sulla vita di tre italiani in India), ha alle spalle una serie di romanzi che sono stati  trasformati in film molto belli. Pensate a Io non ho paura o Come Dio comanda, entrambi diretti da Gabriele Salvatores, Io e te diretto da Bernardo Bertolucci, L’ultimo capodanno diretto da Marco Risi e quel flop gigantesco che è diventato un cult, Branchie, il film con Gianluca Grignani.

Con un pedigree così, difficile accostarsi malamente al mezzo visivo, anche se i nostri libri preferiti di Ammaniti ancora non sono stati trasposti per il piccolo o grande schermo: lo strepitoso Ti prendo e ti porto via del 1999 e il distopico Anna del 2015.

Ne Il Miracolo si trovano un bel po’ di tematiche che hanno fatto ci Ammaniti uno scrittore amato dal pubblico: le storie alla Stephen King riadattate alla realtà italiana, dosi da elefante di humor nero, una forte critica sociale e storie borderline in cui il bene e il male non sono mai perfettamente definiti, spesso dipende dai punti di vista.

 

miracolo still da NOW TV

Come avrete capito, si tratta di una serie evento che vale assolutamente la pena di seguire, ma che al momento non gode di quell’hype riservato a serie tv internazionali che partono con le aspettative a mille e spesso le disattendono tutte. È pur vero che, a livello visivo, Ammaniti crea una storia che (con le giuste proporzioni) sembra uscita dai film di N. W. Refn o Yorgos Lanthimos, giusto per non stare a citare il solito David Lynch, come se fossero girati dal primo Sorrentino (quello che aveva meno a cuore le piscine) o Garrone, quindi niente di rassicurante, da guardare in famiglia. E meno male.

 

 still da NOW TV

La musica, poi. La sigla è Il mondo di Jimmy Fontana, ed è subito commozione, che va a braccetto con pezzi di Tindersticks, dEUS, Godspeed You!Black Emperor e con la colonna sonora originale di Murcof. Da quel lato lì, si rasenta la perfezione.

Consiglio spassionato: don’t believe the hype, non buttate via tempo su storie mediocri solo perché avete l’abbonamento a Netflix, date una chance a questa splendida anomalia e siamo sicuri ci ringrazierete.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >