Come sconfiggere l’ansia da social network

Avere tanti amici su Facebook e follower su Twitter non basta

Edvard Munch Anxiety Google Art Project - Edvard Munch, Ansia (1894)

 

I social network ti aiutano a rimanere in contatto con i tuoi amici. E con l’ansia. Già, quella cosa lì: l’eterno senso di pesantezza, l’avvoltoio sulla spalliera del letto, la sensazione perenne di trovarsi sul ciglio di un baratro. Facebook, Twitter e simili ci hanno davvero incasinato la vita, almeno sotto certi aspetti. In realtà, non è tutta colpa dei social se la nostra vita è un inferno – per esempio, il mondo del lavoro è un’altra miniera di frustrazioni – ma per sopravvivere agli incubi del terzo millennio forse è necessario fare un tuffo nella galassia ansiogena della rete. E poi tornare a galla.

Gli scienziati sostengono che l’ansia penalizzi gli individui che ne soffrono nelle interazioni sociali. Fin qui niente di nuovo sotto il sole: sentirsi perennemente sotto pressione non è un toccasana, ma adesso quello che vogliamo capire è se l’ansia e i social network vadano sempre a braccetto. Partiamo dalle basi: avere tanti amici è una cosa positiva, soprattutto se li conosci nella vita reale.

Alcuni studi antropologici sulle civiltà precolombiane dimostrano che nei momenti di crisi è meglio avere una rete di conoscenze molto estesa. Quando il mondo va a rotoli – come nel caso di una siccità lunga 23 anni – le comunità che non si sono chiuse su loro stesse e hanno cercato aiuto altrove hanno dato prova di poter superare la crisi senza dover abbandonare la propria terra.

 

Ciotola precolombiana Barbara Mills/University of Arizona - Vasellame precolombiano

 

Gli antropologi valutano l’ampiezza dei social network precolombiani calcolando il numero di ceramiche che le comunità si scambiavano tra loro: avere vasellame “esotico” in casa era segno di maggiori scambi con villaggi lontani. Visto che oggi di ciotole fatte a mano ne trovi a pacchi nei mercatini etnici, il paragone va riformulato: quando sei in preda all’ansia, cerca di non isolarti. Apri Facebook e cerca di interagire con i tuoi amici. Invitali fuori a bere qualcosa e parla con loro.

Fin qui, tutto bene. Parlare dei nostri problemi sui social può essere utile, ma cosa succede se qualcuno che non è esattamente “amichevole” si mette a spiare il tuo profilo per distillare una lista delle tue debolezze? Ansia a manetta. Nonostante uno studio dimostri che alle aziende non conviene spiare i candidati su Facebook prima di un’assunzione, è probabile che in molti si faranno un’idea sbagliata di noi leggendo due o tre cose qua e là sul profilo.

La paura di essere fraintesi genera una spinta in direzione opposta: facciamo di tutto per apparire autentici sui social media. Di conseguenza, ecco carriole colme di ansia. “Mentre le norme sociali richiedono agli individui di essere sinceri nelle loro abitudini di condivisione, presentarsi nel modo giusto attraverso le proprie condivisioni spesso necessita di un elemento di falsificazione” ha detto Airi Lampinen, ricercatrice e autrice di uno studio sul comportamento online.

Mentire sui nostri gusti musicali – o nasconderli perché ce ne vergogniamo – è solo uno degli innumerevoli esempi di falsificazione che portiamo avanti sui social network. Ansia, ansia e ancora ansia. Allo stesso modo, twittare dieci volte al minuto per sperare di essere notati e sentirsi più importanti – e meno soli – è perfettamente inutile. La scienza dice che per spaccare su Twitter devi avere un casino di follower. Punto.

L’ansia non è l’unica piaga che infesta i social: c’è anche la depressione. Una ricerca rivela che Pinterest è il posto peggiore dove postare se ti senti giù. La scarsa componente testuale del servizio – che in realtà è uno dei suoi punti di forza – lascia ben poco spazio per reagire a immagini ad alto contenuto di insoddisfazione e sfiducia nel mondo. Vedere centinaia di “pin” e “like” e zero commenti sotto l’ultimo meme in cui annunci di sentirti una merda lascia poco spazio all’autostima. C’è poco da fare: clicca su logout e vai a farti un giro.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >