La caduta dei social network: perché LinkedIn, Twitter e SoundCloud sono nei guai

Tra crolli in borsa, identità perduta, conti che non tornano e un gigante che mangia tutto: Facebook

sm_ante  La F blu tende a mangiarsi tutto

 

Era il 19 maggio del 2011 quando LinkedIn debuttava in borsa a New York. A Wall Street è probabile che furono parecchi i tappi di champagne a saltare, perché in una sola giornata LinkedIn vide raddoppiare il suo valore. Partito da 45 $ ad azione, a fine seduta valeva 94,25 $. Il social network che aiuta privati e aziende a offrire, cercare e trovare lavoro, fu il primo gigante delle reti sociali a quotarsi: riuscendo a capitalizzare quel giorno 9 miliardi di dollari, cifre che oggi ci fanno sorridere rispetto a quanto vale per esempio Alphabet – ovvero Google – di recente giunta a quota 533 miliardi di dollari.

Una manovra finanziaria di un Paese come l’Italia ammonta a circa 30 miliardi di euro, per dare una dimensione comprensibile delle cifre in ballo. Ma stiamo su LinkedIn, e sulla sua quotazione del 2011.

Schermata 2016-02-10 alle 17.30.51  L’andamento di LinkedIn dall’inizio della sua quotazione in borsa: non proprio benissimo

 

Allora, nel 2011, vedendo i numeri di LinkedIn quotato ci fu chi parlò di bolla – bolla al momento ancora inesplosa. E finché una bolla non esplode è un boom – oggi però, cinque anni dopo, pare proprio che se di bolla non si possa parlare, almeno sia cambiato qualcosa. E lo vediamo bene nel grafico qui sopra, che riassume le fluttuazioni degli ultimi cinque anni del titolo LinkedIn. Venerdì scorso è crollato, perdendo il 44%, vale a dire circa 10 miliardi di dollari di valore.

Ora LinkedIn vede un po’ di rimbalzo – la traduzione per gli umani di “rimbalzo” è “dopo aver toccato il fondo ti impediamo di scavare. Per ora” – e ci mancherebbe anche altro, e un buon approfondimento sui perché di una frana del genere lo si legge su Forbes. Malgrado il venerdì nero di LinkedIn guardando l’andamento del titolo chi ci ha investito dall’inizio e ha tenuto duro non ci ha perso, per ora. Ma domani? Chissà.

Chi ha investito in Twitter dall’inizio invece ci ha perso eccome, è stato un bagno di sangue. Invece chi ha messo due soldini in Google può fregarsi le mani, così come chi li ha messi in Facebook, anche. Nel complesso però non è un gran periodo: dipende molto dal mercato, decisamente instabile, e quando c’è instabilità chi non è solido, balla. Di Twitter avevamo parlato di recente, spiegando come di certo la notizia della morte di Twitter sia grandemente esagerata, ma qualche problema ci sia eccome. Innanzitutto in termini di identità, dove la crisi è davvero grave. E dove non c’è un piano chiaro, investitori e mercato puniscono, colpendo al portafoglio.

Twitter va male soprattutto in termini di una crisi di identità che non vede soluzioni chiare e a breve termine. Scriveva poi Federica Bianchi su l’Espresso che “C’è chi però ormai non crede più alla possibilità di riscatto da parte di Twitter: «Ormai Facebook è diventato il portale di ingresso su Internet per la maggior parte della gente», spiega il blogger Ben Thompson: «Anche se Twitter trovasse la formula magica non si capisce perché gli utenti dovrebbero cambiare». E la battaglia sugli smartphone Twitter l’ha persa nel 2009, anno in cui i due social avevano lo stesso numero di utenti registrati: «Ora è troppo tardi per recuperare»”.

Ecco: Facebook come unica porta d’accesso. Possibile che lo sia davvero, e non ci sia più nulla da fare, come l’esatto opposto. Ma se dovessi scommettere dieci euro, li metterei sul “troppo tardi per Twitter”. È da capire quanto siano ancora in tempo tutti gli altri. Ma non sono solo questi due grandi – LinkedIn e Twitter – ad avere qualche problema. Anche una “piccola” come SoundCloud, sembra avere ben più di qualche problema.

Tanto che c’è chi sostiene che rischi addirittura di chiudere. Spiegato semplice, SoundCloud perde tantissimi soldi e ne guadagna pochi, tra il 2012 e il 2014 ha perso 75 milioni di euro, mettendo a bilancio revenue per appena 37 milioni di euro. Può davvero andare avanti? Certo che sì, almeno per l’operatività di breve periodo, non è che da un giorno all’altro vi troverete senza account. Ma se sul medio periodo non arriva qualcuno che pratichi una sontuosa iniezione di liquidità ci sarà da dire addio alla nuvoletta arancione SoundCloud.

Per chiudere? È bene ricordare i profitti di Facebook nel solo ultimo trimestre del 2015: oltre un miliardo di dollari. E l’impressione è che più passerà il tempo, più agli altri rimarranno solo briciole.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
50,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >