Social Network
di Marco Villa 6 Settembre 2017

Humans of New York: la prima serie di Facebook è terribile

I primi due minuti della serie contengono più lezioni di vita di tutta la bibliografia di Paulo Coelho

Partiamo da un fatto: l’ingresso di Facebook nel mondo della produzione di contenuti originali è un momento importante. Innanzitutto perché siamo di fronte a un investitore con un budget potenzialmente senza paragoni e poi perché si tratta della prima volta in cui il social network produce qualcosa invece di delegare agli iscritti la parte creativa. Due motivazioni non da poco, che hanno stuzzicato l’attenzione del mondo dei media e che avranno senz’altro un impatto importante negli anni a venire.

La partenza di Facebook in questo campo, però, è tutt’altro che buona. Come annunciato tempo fa, il primo titolo proposto dal social di Mark Zuckerberg sulla piattaforma Watch è la serie di Humans of New York, progetto fotografico più che famoso, che da anni mostra foto di abitanti di New York, accompagnando l’immagine con la loro storia o offrendo la possibilità di lasciare un pensiero. Il tutto senza mai dire nome o cognome del protagonista, senza indicarne la professione o la posizione sociale: conta il messaggio, il resto va dedotto dalla foto, dal linguaggio e dal pensiero stesso. Un progetto semplice e di successo, grazie anche a un formato perfetto per il social network.

Da questo punto di vista, è apparsa altrettanto perfetta la scelta di Facebook di passare dall’immagine statica a quella in movimento, facendo di Humans of New York la sua prima serie originale. Le puntate sono tematiche, vengono pubblicate ogni martedì e le prime due sono dedicate al tempo e allo spettacolo, intesi rispettivamente come riflessioni sullo scorrere degli anni e storie di persone che a vario titolo possono essere definite “star”.

Due puntate, senza girarci troppo intorno, semplicemente terribili. Il problema di fondo è che non c’è differenza tra la versione fotografica e quella video: le storie vengono proposte una dopo l’altra, senza alcuna costruzione narrativa, ma solo con una giustapposizione di personaggi differenti. Ovvero: racconto tutto del soggetto A, poi passo al soggetto B e così via, senza far crescere la storia con un montaggio alternato che proponga un personaggio, passi ad altri e ritorni poi al primo. Non certo un’idea rivoluzionaria, ma in grado di evitare che le puntate si trasformino in tante mini-lezioni di vita.

Perché qui arriva il secondo problema: pubblicare una foto o entrarci in contatto attraverso i social è un’esperienza che dura pochi secondi e che tendenzialmente si verifica in vari giorni distaccati tra loro. Assistere a una parata di venti minuti invece è come aprire una confezione intera di biscotti della fortuna con relativi bigliettini: i primi due minuti della serie, la prima storia in assoluto che viene mostrata, supera di slancio il best of degli aforismi di Paulo Coelho in quanto a numero di frasi ispirazionali che contiene. 

Humans of New York ha sempre avuto questa tendenza, ma nel formato foto + didascalia riusciva a evitare la deriva. Decidere di tenere tutto immutato nel passaggio al formato video è senz’altro segno di coerenza, ma il risultato non paga e a essere penalizzati sono proprio gli umani di New York, con cui non si riesce mai a empatizzare.. A rimanere inalterata, invece, è la bellezza di New York sullo sfondo: quella non stanca mai.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >