TV e Cinema
di Simone Stefanini 6 Settembre 2017

Dunkirk, perché la guerra è bella anche se fa male

Ecco perché per l’ultimo film di Christopher Nolan, usare la parola capolavoro non è esagerato, a patto che andiate a vederlo al cinema

 

Le aspettative per il nuovo film di Christopher Nolan sul salvataggio dei soldati inglesi assediati dai nazisti sulle spiagge di Dunkerque durante la Seconda Guerra Mondiale (di cosa è successo davvero, ne abbiamo già parlato qui) erano altissime.

Annunciato come un capolavoro dai molti della stampa che l’hanno visto mesi fa e che, nonostante l’embargo, hanno lasciato trapelare il loro entusiasmo, il primo film di guerra del regista di Interstellar, Memento, la Trilogia del Cavaliere Oscuro e Inception, ha messo d’accordo praticamente tutti. Capolavoro vero. Vediamo perché.

 

Punto uno: quadri in movimento.

Non appena inizia il film, capiamo subito che abbiamo di fronte una forte ricerca stilistica, di composizione dell’immagine, alla quale siamo sempre meno abituati. I soldati inglesi che tentano di trovare una via di fuga sotto gli spari del nemico, mentre dal cielo piovono volantini: una scena talmente forte che rimane impressa sulla retina per la sua potenza visiva. Il cielo piange, la terra sputa fuoco, lo sguardo del protagonista è impaurito ma anche risoluto e già capiamo che farà di tutto per sopravvivere. Durante tutto il film, scene iconiche come questa ce ne saranno talmente tante che viene da chiedersi perché gli studios non investano i loro soldi negli autori, invece che nei progetti situazionisti usa e getta.

 

Punto due: non abbiam bisogno di parole.

Infatti non ne abbiamo che il necessario, forse meno. Pochi dialoghi, si entra subito nell’azione. Come ci immaginiamo succeda in guerra, dopo un po’ che combatti per sopravvivere, non hai più tanta voglia di fare bla bla. Lasci che i tuoi occhi segnati per sempre dagli orrori, parlino per te. L’azione è nemica del pensiero e questo film rende il concetto in pieno: più fai meno pensi, e se in guerra pensi troppo, muori.

 

Punto tre: uno, nessuno centomila.

Chi è il protagonista? Chi il civile pronto a dare la propria vita per salvare i soldati? Chi il pilota che non si dà per vinto neanche quando tutto sembra finito? Nessuno spiegone, questo non è un film americano. Gli attori principali interpretano uno dei tanti soldati, uno dei tanti civili, uno dei tanti piloti, senza farci carico della propria storia (beh il civile un po’ sì), sempre per il discorso che sotto tiro, che tu sia figlio del sindaco o del senzatetto, devi correre forte, avere buona mira, trovare un riparo e (in questo caso) saper nuotare bene.

 

Punto quattro: l’uomo che saltava nel tempo.

 evereye.it

Per Christopher Nolan, i paradossi temporali sono molto importanti, ma quando esagera ci manda il cervello in pappa, vedi Interstellar, con l’astronave che viaggia nel tempo alimentata dall’amore. Stavolta i tre punti di vista del film (soldato X, civile X, pilota X) sono sfasati solo di poche ore o al limite pochi giorni, e tutto torna perfettamente nel finale. Nessun dubbio che distragga dalla meraviglia delle immagini.

 

Punto cinque: gli spari sopra.

La musica di Hans Zimmer è fatale, fa salire un’ansia incontrollata. È ipnotica, greve, ricalca la sirena che annuncia la bomba, la morte dall’alto, la vera minaccia durante tutto il film. Zimmer è il compositore di fiducia di Nolan, senza di lui, alcune scene iconiche di Interstellar o dei vari Batman sarebbero molto meno efficaci. Poi vabé, se vedete su Wikipedia l’elenco delle sue colonne sonore dal 1982 a oggi, non potete non pensare che sia il più grande compositore contemporaneo di musica per film.

 

Punto sei: la guerra è bella anche se fa male.

Muoiono in tanti, altrettanti vengono salvati, ma a Nolan non interessa la pornografia della morte. Quando cade una bomba, i soldati sembrano birilli colpiti dalla palla da bowling. Nessun close-up su ferite, arti squartati, mutilazioni, persino poche urla. La sua guerra è estetica, concettuale, diversa da quelle americane super tragiche a cui siamo abituati. È una minaccia da cui dobbiamo scampare, come rocamboleschi Indiana Jones nel giorno dell’Apocalisse.

Conclusione: andate a vederlo al cinema. Non sul computer, non scaricato di merda sulla tv full hd. Al cinema, con lo schermo enorme e il surround a palla. Perdetevi dentro l’estetica e il concetto, dentro un film molto bello, che potrebbe essere un punto di partenza importante per rifondare un’industria spesso alla frutta.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >