Ho provato Sarahah, l’app dei messaggi anonimi e non sono stato bullizzato

Il principio del bullo è quello di farsi riconoscere tra la gente e di cercare approvazione, cosa che non avviene nell’app Sarahah

E se aveste ragione entrambi? sarahah - E se aveste ragione entrambi?

 

“L’uomo è poco se stesso quando parla in prima persona. Dategli una maschera e vi dirà la verità” Oscar Wilde

Dev’essere questo, il principio che ci affascina tanto di Sarahah, l’app del momento. È stata sviluppata in Arabia Saudita e il suo nome significa Onestà, sempre per il discorso di cui sopra: è infatti un’app che permette di inviare agli iscritti, messaggi in forma del tutto anonima e non rintracciabile in alcun modo, senza possibilità di replica.

È nata per permettere ai dipendenti di inviare messaggi anonimi ai propri datori di lavoro, ma presto ha spopolato tra gli adolescenti, che finalmente hanno, in digitale, il corrispondente dei bigliettini trovati dentro il casco del motorino o sotto il banco, quei “Mi piaci” o “Mi fai schifo” che poi ci stavamo dei mesi a capire chi fosse stato il mittente, girando dei film in testa che nemmeno Coppola.

L’anonimato garantisce la massima sincerità di comunicazione e il fatto che sia a senso unico, che il testo lo possa vedere solo l’interessato, che a sua volta non ha possibilità di rispondere, rende il tutto definitivo. Su quest’ultimo punto, in realtà non va proprio così: tutti i messaggi lasciati sono condivisibili via social, quindi gli anonimi soggetti possono anche fare domande, senza il rischio di essere scoperti, e attendere la risposta su Facebook. Da una messaggeria asociale a un contenuto social, il passo è breve.

A questo punto, penserete che, essendo messaggi anonimi, siano quasi tutti illegali: offese irripetibili, richieste pornografiche, minacce di morte cruenta e tutte quelle altre forme di maleducazione tipiche dei social. Niente di tutto questo. Secondo esperienze di vario genere risulta che le umiliazioni, in forma anonima, non tirino per niente.

 

 

 

Personalmente, non per vantarmi ma negli anni mi avete offeso nei peggiori modi possibili, sottoscrivendo il vostro pensiero tramite nome, avatar del social e informazioni disparate. Non potevo non cogliere l’occasione per vedere cosa succede quando potete dirmi tutto quello che pensate, senza essere riconosciuti. Ho immaginato un’apocalisse di offese fisiche, personali, descrizioni poco dignitose della mamma, un milione di sinonimi su quanto sia scarso sul lavoro e altre amenità che avrebbero reso la mia vita un inferno e nello stesso tempo mi avrebbero trasformato in una specie di Sherlock che deve decifrare solo dal modo di scrivere, il mittente delle infamanti ingiurie. Insomma, quando ricapita di poter offendere qualcuno senza essere querelati? Invece niente, una grande delusione, ma anche uno spunto di riflessione: anche il bullismo ha i suoi dogmi e su Sarahah non sono rispettati.

Il bullo deve essere assolutamente riconoscibile quando fa il bullo, altrimenti che bullo è? La sua azione violenta ha il fine di umiliare il perdente solo per far crescere per se stesso l’apprezzamento della gente, oppure per chiamare la gente a sé e fare azione comune contro il perdente. Il fine ultimo, quello di diventare capopopolo. Su Sarahah questa dinamica viene interrotta e non è interessante mandare affanculo qualcuno con una frase cinica, se nessun altro può mettere il like. Non interessa distruggere o minacciare una persona se poi non ci sono gli altri che ci danno manforte, come accade giornalmente su Facebook. Se l’offesa la legge solo la persona in questione, non vale.

Quindi, per adesso, qualche apprezzamento, qualche critica, qualche battuta ma sempre rimanendo nei canoni del saper stare al mondo. Nessun terrorismo psicologico o frase che non diresti neanche al tuo peggior nemico. Se alla fine l’anonimato, la maschera che diceva sopra Oscar Wilde, rivelasse che in realtà siamo più buoni di quanto ci piace mostrare su Facebook?

Il mio account Sarahah è questo, ditemi pure cosa ne pensate.

 

Mi scuso a nome mio. sarahah - Mi scuso a nome mio.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >