Ho provato Sarahah, l’app dei messaggi anonimi e non sono stato bullizzato

Il principio del bullo è quello di farsi riconoscere tra la gente e di cercare approvazione, cosa che non avviene nell’app Sarahah

E se aveste ragione entrambi? sarahah - E se aveste ragione entrambi?

 

“L’uomo è poco se stesso quando parla in prima persona. Dategli una maschera e vi dirà la verità” Oscar Wilde

Dev’essere questo, il principio che ci affascina tanto di Sarahah, l’app del momento. È stata sviluppata in Arabia Saudita e il suo nome significa Onestà, sempre per il discorso di cui sopra: è infatti un’app che permette di inviare agli iscritti, messaggi in forma del tutto anonima e non rintracciabile in alcun modo, senza possibilità di replica.

È nata per permettere ai dipendenti di inviare messaggi anonimi ai propri datori di lavoro, ma presto ha spopolato tra gli adolescenti, che finalmente hanno, in digitale, il corrispondente dei bigliettini trovati dentro il casco del motorino o sotto il banco, quei “Mi piaci” o “Mi fai schifo” che poi ci stavamo dei mesi a capire chi fosse stato il mittente, girando dei film in testa che nemmeno Coppola.

L’anonimato garantisce la massima sincerità di comunicazione e il fatto che sia a senso unico, che il testo lo possa vedere solo l’interessato, che a sua volta non ha possibilità di rispondere, rende il tutto definitivo. Su quest’ultimo punto, in realtà non va proprio così: tutti i messaggi lasciati sono condivisibili via social, quindi gli anonimi soggetti possono anche fare domande, senza il rischio di essere scoperti, e attendere la risposta su Facebook. Da una messaggeria asociale a un contenuto social, il passo è breve.

A questo punto, penserete che, essendo messaggi anonimi, siano quasi tutti illegali: offese irripetibili, richieste pornografiche, minacce di morte cruenta e tutte quelle altre forme di maleducazione tipiche dei social. Niente di tutto questo. Secondo esperienze di vario genere risulta che le umiliazioni, in forma anonima, non tirino per niente.

 

 

 

Personalmente, non per vantarmi ma negli anni mi avete offeso nei peggiori modi possibili, sottoscrivendo il vostro pensiero tramite nome, avatar del social e informazioni disparate. Non potevo non cogliere l’occasione per vedere cosa succede quando potete dirmi tutto quello che pensate, senza essere riconosciuti. Ho immaginato un’apocalisse di offese fisiche, personali, descrizioni poco dignitose della mamma, un milione di sinonimi su quanto sia scarso sul lavoro e altre amenità che avrebbero reso la mia vita un inferno e nello stesso tempo mi avrebbero trasformato in una specie di Sherlock che deve decifrare solo dal modo di scrivere, il mittente delle infamanti ingiurie. Insomma, quando ricapita di poter offendere qualcuno senza essere querelati? Invece niente, una grande delusione, ma anche uno spunto di riflessione: anche il bullismo ha i suoi dogmi e su Sarahah non sono rispettati.

Il bullo deve essere assolutamente riconoscibile quando fa il bullo, altrimenti che bullo è? La sua azione violenta ha il fine di umiliare il perdente solo per far crescere per se stesso l’apprezzamento della gente, oppure per chiamare la gente a sé e fare azione comune contro il perdente. Il fine ultimo, quello di diventare capopopolo. Su Sarahah questa dinamica viene interrotta e non è interessante mandare affanculo qualcuno con una frase cinica, se nessun altro può mettere il like. Non interessa distruggere o minacciare una persona se poi non ci sono gli altri che ci danno manforte, come accade giornalmente su Facebook. Se l’offesa la legge solo la persona in questione, non vale.

Quindi, per adesso, qualche apprezzamento, qualche critica, qualche battuta ma sempre rimanendo nei canoni del saper stare al mondo. Nessun terrorismo psicologico o frase che non diresti neanche al tuo peggior nemico. Se alla fine l’anonimato, la maschera che diceva sopra Oscar Wilde, rivelasse che in realtà siamo più buoni di quanto ci piace mostrare su Facebook?

Il mio account Sarahah è questo, ditemi pure cosa ne pensate.

 

Mi scuso a nome mio. sarahah - Mi scuso a nome mio.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >