Nell’era del Tutto e Subito, e dei giudizi superficiali insindacabili

Quando esce un disco, un libro, una serie tv o un film, diamo giudizi irreversibili dopo mezzo ascolto o una visione distratta, senza dare tempo al tempo

Still dal video “Everything Now” degli Arcade Fire YouTube - Still dal video “Everything Now” degli Arcade Fire

 

Da qualche anno, ci stiamo allenando a diventare antivirus. Sui social, a colpo d’occhio scannerizziamo un una mole esagerata di informazioni ogni minuto e il nostro cervello si è abituato suo malgrado alla pressante velocità, come fosse un collezionista di parole, immagini e suoni.

Tutto quello che succede nell’immediato sembra importante e diventa importante proprio perché subito accessibile, in qualche sua forma. Tutto e subito saranno proprio le parole chiave di questa riflessione.

Molte volte chi fa il nostro lavoro, si sente dire “Questa notizia è di ieri, ormai è vecchia”. Lo stesso procedimento si applica alle recensioni di qualunque media d’intrattenimento, che sia un disco, un film, un trailer o una serie tv. Ci sono però opere nate per essere assaporate col loro tempo e noi siamo costretti a non dargli il tempo che si meritano. C’è il cemento a pronta presa e ci sono gli affreschi, che mutano di colore col tempo.

Il nostro cervello però è ormai entrato nella fase berserk di apprendimento, scansione e classificazione delle informazioni, e allora non ci sta più a far decantare un pensiero. In questo modo, diventiamo nostro malgrado sputasentenze, rabidi dell’informazione successiva, drogati dalla velocità e dall’ansia di perderci qualcosa.

A titolo squisitamente personale, quest’anno sto amando dischi, film o serie tv che hanno incontrato un sacco di critiche fin dal primo giorno, anzi, dal primo minuto. Due su tutti: Everything Now degli Arcade Fire e Twin Peaks – The Return. Che servano solo da esempio, ognuno ha di sicuro le proprie.

Come vengono fruite queste opere? A livello superficiale e se non colpiscono subito, si deve passare ad altro. Una realtà degna del programma della defunta MTV, Next, in cui il single aveva un tot di appuntamenti e ogni volta che il pretendente sbagliava un dettaglio, si mandava a casa per provare il successivo.

L’idea dall’esterno è che, nel giudicare definitivamente un disco dopo un giorno o poche ore dalla sua uscita, non si stia troppo attenti ai testi, all’arrangiamento, ai suoni, a tutte le variabili che contribuiscono all’emozione di una canzone, anche di quelle che crescono col tempo. La pancia è l’unico giudice, se la pancia non gradisce, next.

Quando esce il trailer di un film atteso, dopo 30 secondi è già guerra di commenti, sentenze inappellabili e giudizi sempre più estremi sui social. Le serie tv ormai sono chewingum che vengono gettate nell’immondizia al primo accenno di perdita di sapore. Spesso, alla domanda “L’hai vista tutta per poterla giudicare cosi tranchant?” la risposta è “No, mi sono annoiato dopo la 2/3 e l’ho lasciata perdere”. Ma il giudizio rimane.

 

 

I giudizi personali ci stanno eccome, però la tendenza degli esperti di settore e degli utenti comuni è quella di non fare una media tra istinto e razionalità, ma di agire di pancia. Brutto, bello, fa schifo, è imperdibile, per poi ritrovarsi dopo un anno con opere pompatissime già sgonfie (La La Land nel mio caso) e gioielli sempre nascosti dalle ceneri della sovrainformazione. Il guaio è che dai giudizi insindacabili ne va la scelta dell’intrattenimento nel prossimo futuro, sempre più asservito a ciò che desiderano i fan e sempre meno propenso a sperimentazioni di sorta. Dunque, amici cari, potremmo fare scelte più ragionate e lasciare la pancia al suo dovere, quello di distribuire le sostanze vitali e scartare via la merda, col suo, dovuto, tempo.

Il media di fruizione, di solito il computer, contribuisce poi ad appiattire tutte le opere, che diventano file da consumare e la possibilità di avere tutto e subito porta inevitabilmente lo spettatore passivo a volersi ritagliare un posto nel Grande Flusso: quello di critico berserk, posseduto dal demone della velocità, dell’urgenza, della completezza, della collezione paradossale, perché usa e getta. Della frase ad effetto per il like, l’unica cosa che conta. Il like che decreta il successo o il fallimento, e la conseguente possibilità di lavorare ancora.

Facciamo un gioco mentale e pensiamo per un attimo a un mondo utopico in cui ogni tipo di notizia necessiti obbligatoriamente 24 ore prima di poter essere commentata. I giudizi, siamo pronti a scommettere, non sarebbero così violenti e definitivi. Non c’è bisogno di commentare tutto e subito, ne va del nostro intrattenimento futuro (e di tutto il resto che volutamente non abbiamo analizzato). Relax.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >