Society
di Stefano Disastro 22 Ottobre 2013

I 10 colleghi da evitare per la pausa pranzo

pausa_pranzo

Non so voi, ma qui a Dailybest la pausa pranzo è sacra.
Ok, si mangia (martedì pizza) ma soprattutto si stacca un attimo dal lavoro durissimo che si sta facendo e si fa – appunto, si chiama così- una pausa (oltre alla pausa caffè, la pausa sigaretta, la pausa telefonata, la pausa ebay, etc etc).
Bene, per noi è un pò diverso perchè mangiamo sempre tutti insieme e siamo come una piccola famigliola felice (#postodellavita) ma spesso, ricordando le pause pranzo passate quando non lavoravamo ancora a Dailybest ma in giro per redazioni, agenzie, fabbriche, ditte diverse, quella della pausa pranzo è un momento MOLTO delicato, soprattutto nella scelta dei colleghi con cui la si condivide. Quello che è (dovrebbe essere) un piacevole momento prima di riprendere a lavorare, può trasformarsi per colpa di colleghi sbagliati in un incubo, o comunque in qualcosa di molto molto faticoso.

Mettendo insieme vari ricordi/esperienze abbiamo stilato questa lista di 10 colleghi da evitare tassativamente se volete salvaguardare la serenità della vostra pausa pranzo.

1) Lo scroccone
Quello a cui immancabilmente, ogni giorno, mancano 1 o 2 €. Ve lo dice all’ultimo momento, quando siete in cassa, e “scusa ma domani te li ridò , te lo prometto”. Se tenete il conto alla fine dell’anno vi dovrà non meno di 100€. Ma tranquilli, “domani te li do”.
Come riconoscerlo? Mangia pane e grissini oltre ogni limite ragionevole.

2) Il neo-vegetariano
I vegetariani di lunga data sono generalmente tolleranti. Il peggio sono invece quelli che hanno aderito al movimento da poco e sono ancora nella fase proselitismo. Tipo: “Le tue patatine fritte sono cotte in olio vegetale? Non lo sai??? Beh se vuoi morire a 40 anni è un problema tuo…”
Come riconoscerlo? è dalle 9:00 di questa mattina che ripete “Non so se te l’ho detto, ma io sono vegetariana, io…”

3) L’ apprendista cuoco
Ovviamente ieri sera ha visto “MasterChef” e non manca di farti notare che “questa besciamella fa schifo. Lo sapevi che quando si aggiunge il formaggio alla besciamella si ottiene la salsa Mornay? ” No, a parte che non lo sapevi nemmeno ti importava. L’unica cosa che ti importa è che ti lasci finire il pesce tranquillo.
Come riconoscerlo? Siete nel solito baretto squallido a prezzo fisso eppure ha appena chiesto al povero cameriere se la matriciana è fatta con il guanciale di cinta senese e se il formaggio è pecorino del tal produttore (vi rifiutate di ricordavi quale).

4) L’alcolista cronico
Ha iniziato con gli aperitivi con il caffè delle 10. Se ne è fatto un altro mezzo mentre eravate in coda al ristorante. Durante il pranzo non toccherà il suo piatto perchè -vi rifiutate di chiedere spiegazioni a riguardo –  “mangiare è barare”.
Come riconoscerlo? Appena seduti ti ha subito spiegato che sarebbe stato più conveniente prendere una bottiglia di vino piuttosto che due bicchieri, anche se tu non bevi.

5) Quello che fa battute idiote tra un piatto e l’altro
Il massimo della convivialità, secondo lui, è dire cose stupide e volgari tipo “Hai preso la mousse al cioccolato?? Attenzione che è un afrodisiaco! Cazzo l’ufficio sarà tutto sull’attenti questo pomeriggio!! HAHAHA … “. L’ultima volta che gli hai detto che era pesante, ha risposto : “Ok, va bene, puoi scoreggiare ancora se vuoi…”
Come riconoscerlo? A inizio pranzo prende sempre 2 mandarini e una banana dal piatto della frutta, così all’occorrenza li ha.

6) Quello che ha bisogno di parlare
Un divorzio, un’ingiustizia in ufficio, una verifica fiscale, un cliente che gli ha detto che era il commerciante peggiore che avesse mai visto in vita sua… Tutte queste miserie, state certi che vi arriveranno a farvi compagnia al tavolo, d’altronde ve le DEVE dire, di solito succede tra il risotto e l’insalata.
Come riconoscerlo? Ha la faccia tirata e un giornale in mano, spesso con qualcosa di evidenziato, come chi ha già covato il suo piano. Tipo “L’aumento dell’IVA? … Non poteva andare meglio … d’altronde con il mio divorzio… Lo sai che dovrò vendere la casa per questa storia ? … No , non per la storia dell’IVA, sto parlando del divorzio!”

7) Quello che finisce sempre il vostro dolce
Ha una concezione comunitaria del vostro piatto. Per tutto il pranzo ha già detto “ti dispiace?” almeno 83 volte e cerca di calmare la vostra irritazione con parole del tipo: “Non preoccuparti , non sono malato!”
Come riconoscerlo? Prende sistematicamente un piatto diverso dal vostro. “Prendi gli spaghetti ai frutti di mare? Ok allora io prendo gli gnocchi ai funghi”

8) Il maniaco dell’igiene
Ogni mezzogiorno il simpatico profumo dei sui fazzolettini umidificati alla violetta fa a cazzotti col profumo dei fagioli che avete ordinato. Il maniaco dell’igiene organizza coscienziosamente e minuziosamente l’ordine del suo tavolo, del vassoio e del coperto, roteando gli occhi esasperato dalla scarsa igiene prevalente attorno a lui.
Come riconoscerlo? Dai fazzolettini profumati, onnipresenti.

9) L’animatore del ristorante
Non avete avuto una mattinata facile e non vedete l’ora di rilassarvi in pausa pranzo. Sbagliato! Il vostro vicino di posto al tavolo ha deciso di raccontarvi un aneddoto divertentissimo che gli è successo questa mattina parcheggiando l’auto. Peccato che ha deciso di raccontarvi la sua storia urlando abbastanza forte da guadagnarsi come pubblico anche tutti i tavoli vicini.
Come riconoscerlo? Sta già ridendo prima di cominciare a raccontare.

10) Quello che deve prendere le medicine
Tutti noi, in qualche momento della nostra vita, abbiamo dovuto buttare giù delle pillole a fine o inizio pasto. Allora perché ritiene essenziale giustificare quello che sta facendo nel dettaglio? “Ho dovuto prendere queste compresse a causa dei miei problemi di transito … poi ho queste capsule per il gas, sai per l’aerofagia, non è gradevole… questa invece è un’altra cosa, è un integratore di vitamine…”
Come riconoscerlo? Ha un sacchettino bianco in una mano, le istruzioni aperte nell’altra e le pillole e compresse impilate sul tavolo. Solitamente tossisce ad alta voce e o zoppica .

Che ne dite?
Volete aggiungere qualcuno a questa lista?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >