Society
di Simone Stefanini 6 Agosto 2014

5 motivi per cui i bambini degli anni ’70 dovrebbero essere già tutti morti

Una cosa è certa: negli anni ’70 non ci si stressava granchè per la sicurezza. Se andate indietro coi ricordi, vi torneranno in mente alcuni giochi, vizi o semplici modi di vivere che oggi potrebbero apparire impensabili, con tutto il nostro bagaglio di informazione, cultura e paranoia. Certo è che se ora ai bambini manca poco che gli mettiamo lo scafandro per paura di tutto, ecco, negli anni ’70 eravamo un bel po’ più polleggiati. Pure troppo.

FONTE | read.feedly.com

1) LE CINTURE DI SICUREZZA?

Seat_Belt_Delay_-_Jimmi_Simpson should-be-dead-2

Negli anni ’70, non pervenute. Si viaggiava seduti come sul divano, con bambini o animali in braccio. Io mi ricordo che stavo in piedi tra i sedili dietro, ballando e cantando. Questo non significa che oggi siano optional, ci sono più auto in giro, vanno più veloci e la gente è in media più stressata. Comunque viaggiare coi piedi fuori dal finestrino o sul tettino apribile era da ganzi, diciamocelo.

 

 

2) IL CASCO SOLO SE AVEVI PROBLEMI MEDICI ALLA TESTA

sardomobili5

Figuriamoci se andavamo in motorino col casco. Faceva sfigato, spettinava i lunghi capelli. Le “Sardomobili” avevano cieli di latta, mentre col “Ciao” si poteva cambiare il mondo. E come lo cambi il mondo, col casco integrale? Soprattutto: non era obbligatorio, fino alla legge dell’11 gennaio 1986. Quella era un po’ una cazzata, perchè sul motorino fai prima a cadere e battere la testa che a fare la rivoluzione, dai.

 

 

3) CERBOTTANA, CRYSTAL BALL, PONGO E GLI ALTRI

 

 

575103_0_ori

Sulla pubblicità c’era scritto: “atossico”. Poi ti giravi un attimo per rispondere al telefono e tuo figlio l’aveva ingoiato. Giocavamo con panetti di plastilina colorata, con liquidi che solidificavano in mezzo secondo, con lo stucco per le cerbottane. Tutta roba che mettevamo in bocca o che poteva finire negli occhi. C’erano le pistole lancia elastici. Sul serio, dovremmo essere tutti morti.

 

 

4) LE GIOSTRE DI METALLO ROVENTE E RUGGINOSO

should-be-dead-8

Mettevi il bimbo sulla giostra non premurandoti di testarne la temperatura e in men che non si dica, tuo figlio era grigliato. Giostre che stavano al sole per tutta l’estate, create con un metallo che non appena piove fa ruggine, con una vernice talmente scrausa che dopo due scivolate viene via. Ci sembrava di vivere avventure epiche, di essere supereroi o cavalieri. Il pericolo reale però non veniva dal drago, bensì dal castello.

 

 

5) FUMARE FA BENE!

should-be-dead-1

Si fumava nei cinema, nei ristoranti, negli ospedali. Ovunque. Il fumo faceva bene. Invadeva le pubblicità e quando non la si poteva più fare, tornava sotto diversa forma (tipo Marl**** Country o Ca*** Trophy), sponsorizzava trasmissioni in prima serata, riempiva di messaggi subliminali i film. Nessuna restrizione, le mamme fumavano davanti ai bimbi che a 5 anni avevano già assorbito più fumo passivo della cappa della cucina. Oggi sembra incredibile, e invece.  Diciamocelo, i ricordi saranno anche belli e tutto, ma per un bel po’ di cose c’è di lusso.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
50,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >