Society
di Simone Stefanini 22 Ottobre 2018

Abbiate pietà, basta col Palio di Siena

Ci sono molti motivi per interrompere il Palio di Siena, primo fra tutti il pericolo per i poveri animali coinvolti

Per i ragazzini toscani coi nonni attaccati alle tradizioni, il Palio di Siena è un evento insopportabile. Ho avuto la fortuna di non presenziare mai in Piazza del Campo ma la diretta tv, quella era un obbligo assolutamente indigesto. 3-4 ore di attesa coi cronisti che parlavano di contrade, di cavalli e di fantini, tutte cose delle quali a un quattordicenne che vorrebbe essere in giro coi coetanei, suonano come una punta di trapano nelle orecchie. Quando parlo di ore non è per dire: per disporre alla corsa quei poveri animali che sembrano sempre sofferenti, alterati o pazzi, si impiegavano un milione di false partenze, spiegate dai commentatori con mille regole, tutte noiose.

I racconti degli amici senesi, poi, mi hanno spesso descritto un’atmosfera apocalittica nei giorni del Palio: membri della stessa famiglia ma di contrade diverse che si odiano fino alle botte, risse continue e sensazione di diffuso pericolo. Non che debba prendere tutto per buono, ma il dubbio me lo insinua.

Non mi serviva dunque la caduta rovinosa in diretta del povero cavallo Raol, che è deceduto dopo essersi rotto la zampa destra, per non vedere di buon occhio il Palio. Una corsa che negli anni ha fatto morti e feriti tra gli animali, lanciati a folle velocità per un percorso dalle curve strettissime e frustati dai fantini fino allo sfinimento. Ho guardato l’incidente una volta sola e mi ha disturbato a sufficienza. Quel povero animale ha sofferto le pene dell’inferno e non ha scelto lui di partecipare alla competizione. Ecco perché credo che il Palio di Siena non dovrebbe essere trasmesso dalla tv nazionale e in generale non dovrebbe più esistere così com’è. Al limite, se proprio i senesi non possono fare senza, che usino fantini sopra esseri umani, che abbiano scelto la corsa e non solo subìto. La mancanza di rispetto nei confronti degli animali e dei poveri ragazzini costretti davanti alla tv dalle famiglie con un’alta adesione alla tradizione sono tutti motivi validi per interrompere la manifestazione. È tardi, certo, ma non troppo tardi. Abbiate pietà, basta col Palio di Siena.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >