Society
di Simone Stefanini 12 Novembre 2015

Affitto casa in stabile pittoresco: le terribili verità dietro gli annunci immobiliari

Contesto modesto-signorile = Casa popolare

truffasi L'ultima Ribattuta

 

Vi sarà capitato almeno una volta nella vita di dover cercare casa. Che sia quella affollatissima degli studenti fuori sede oppure quella della prima convivenza, del matrimonio, del vado a vivere da solo (sempre più difficile, visto il costo spropositato).

In quel caso, ci sono tre opzioni: casa di proprietà di famiglia, che è un gran colpo di c…lasse, affitto tra privati, affitto tramite agenzia. Negli ultimi due casi, dovrete leggere un po’ di annunci e poi confrontare le descrizioni con gli appartamenti in real life, per attestarne la veridicità oppure per farvi un po’ di risate amare.

Sì perché spesso, chi affitta o vende, tende a esagerare utilizzando aggettivi e formule facilmente confutabili nella realtà. Abbiamo scelto le più belle e le abbiamo tradotte per voi, così non ci cascate e continuate a cercare sereni.

 

1) Cucina abitabile = l’appartamento è la cucina

AnimalHouse_GBQ movieposterstudio - Animal House

Il tranello linguistico è subito in agguato. Tutte le cucine sono abitabili, quindi cosa significa veramente? Con tutta probabilità, annunci di questo tipo sottintendono il fatto che la cucina sia anche sala, ingresso ed eventuale camera da letto. Perché se ci pensate, togliendo i party tipo Animal House, in cui non sai mai dove ci si risveglia, difficilmente si va a dormire nel cucinotto.


2) Stabile in contesto pittoresco = stai in mezzo alle gang di latinos

Walter White (Bryan Cranston)- Breaking Bad - Season 1, Episode 5 - Photo Credit: Cathy Kanavy/AMC cnn - A tratti folkloristico

Il contesto pittoresco può prefigurare di tutto: dall’unica casa occidentale a Chinatown alla presenza di gang di latinos, fino agli indiani che fanno il curry alle 8 di mattina. Vuol dire tutto e niente, ma fa venire subito l’ansia. Potrebbe essere accanto a un ospizio per ex clown, a due passi dallo stadio delle corse dei cani, in una pista d’atterraggio per paracadutisti ciechi. Da scegliere solo se siete eccentrici di natura, altrimenti meglio stare alla larga.

 

3) Appartamento in contesto modesto-signorile = le case popolari

martedasinistraadestra pilloledistoria - La Reggia di Versailles

Dalla dicitura, uno s’immagina villette a schiera medio borghesi, ma in realtà quel signorile trae in inganno. Se ci si concentra sul modesto, si scopre che sono le case popolari. Palazzoni altissimi e bruttissimi oppure colorati a caso per farli sembrare simpatici, che di solito sorgono in una zona della città in cui poco prima era tutta campagna, con conseguente panorama di sterpaglie e fabbriche dismesse.

 

4) Soluzione abitativa particolarissima = uno sgabuzzino senza finestre

Ah, i superlativi, ricordano sempre un po’ le scritte sui muri dei bagni dell’Autogrill. In questo caso, particolarissimo significa uno sgabuzzino senza finestre in cui morire di claustrofobia durante la notte, per poi darsi un tono quando si invitano gli amici tirando fuori frasi come mi ero stancato della casa tradizionale, guarda qui che design dinamico e moderno. Suscitando la pena degli ospiti che poi tornano alle loro case vere.

 

5) Funzionale monolocale con ampio bagno = è più grande il bagno delle stanze

Non so voi, ma quando pensiamo a un monolocale, ci viene subito in mente uno in stile Renato Pozzetto ne Il ragazzo di campagna, con le stanze retrattili, della grandezza di una cabina del telefono o poco più. In questo caso, un architetto bislacco ha creato un miniappartamento con un bagno enorme per farlo sembrare più appetibile, col risultato che sia inavvertitamente più grande della stanza principale e che gli amici in visita ci facciano sempre la stessa battuta: Ma perché non vai a dormire in bagno?

 

6) Ex ufficio situato in edificio storico = il manicomio abbandonato

M7TSk1_BzHjcMAI1TKBumdkJTRjEJFtgGBsJypGK0B0-670x446 ste_peg - Che ufficio era esattamente?

Le case ricavate da esercizi commerciali o uffici le riconosci subito, per la strana disposizione delle stanze, per le vetrate e per il bagno che è sempre in fondo a destra. Tutto ok, finché non si scopre che la nostra era in realtà un ex mattatoio napoleonico o un vecchio ospedale psichiatrico dismesso, in cui durante la notte si sentono urlare le anime dei dannati.

 

7) Abitazione indipendente con ampio giardino da sistemare = una giungla 

maxresdefault youtube - Giusto una sistematina.

Pensate di dover dare una potatina alle siepi e di passare un paio di volte il tagliaerba, per poi avere il giardino dei sogni. In realtà, trattasi di boscaglia da guerriglia nel sud est asiatico con rami spezzati e alberi caduti. Tipo entrare a Carcosa, quella di True Detective, avete presente? Un bosco domestico in cui perdere automobile, motorino, animali domestici e persino parenti.

 

8) Rustico convertibile in appartamento = una stalla

C2436_d_3 fisherprice - Non è proprio così.

Un modo carino e innocuo per celare la verità. In realtà si parla di una stalla da bonificare, abitata da animali da cortile e da insetti grossi come un piede umano. Quelle case che le vedi da lontano e maledici il giorno che hai deciso di venire via dalla città. L’odore suino non se ne va più, nemmeno dopo anni e d’estate ci trovi volpi e lupi, ormai abituati a fare razzia di animali da cortile da quelle parti. Di notte sogni la metropolitana affollata con nostalgia.

 

9) Ampio loft da ristrutturare = sono caduti i muri portanti

loft-interior03 sortradecor - Credici.

Quanto sarà bella la parola loft? Evoca immediatamente New York, ex magazzini che diventano appartamenti bellissimi e grandissimi, senza barriere. La libertà fatta casa. La si dovrebbe usare però nel contesto pertinente, non quando si vuol vendere un normale appartamento in cui sono cadute le mura portanti, che tenta di essere riciclato come una roba moderna e in realtà sarebbe da demolire.

 

10) Soluzione abitativa luminosa = che sia sotto un ponte?

from-under-the-bridge hdrcreme - Luminosa.

Ah, la lingua italiana. È capace di sfumature che aggiungono barocchismo, altisonanza e nobiltà ad ogni cosa. Luminosa ok, la capiamo. Ma soluzione abitativa, in realtà, cosa sottintende? Una casa, un tendone, una capanna, un gazebo? Con una dicitura del genere può essere definito anche il dormire sotto i ponti. Al mattino poi sai quanta luce?

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >