Society
di Sandro Giorello 27 Novembre 2015

La storia di Alex Assali, il rifugiato siriano che sfama i senzatetto di Berlino

È in fuga dalla Siria dal 2007 e da oltre un anno abita a Berlino

96fcac1097caae69331c149b1059186b-1448529739 tmgonlinemedia.nl - Alex Assali davanti alla stazione di Alexanderplatz

 

Nello scorso agosto si è parlato molto della scelta politica e umanitaria del governo tedesco di dare asilo ai profughi siriani (ve ne abbiamo parlato anche qui). Oggi ritorniamo sull’argomento per via di un articolo, uscito pochi giorni fa sull’Huffington Post, che racconta la vicenda di Alex Assali. Originario di Damasco, Assali era scappato dal suo paese nel 2007 dopo aver criticato, tramite un post online, il presidente Bashar al-Assad. Dopo diversi anni in Libia, nel 2014 è arrivato a Berlino.

A inizio settembre, come gesto di ringraziamento alla nazione e ai cittadini che l’hanno accolto, ha deciso di iniziare a organizzare una sorta di servizio di assistenza ai senzatetto, servendo loro dei pasti caldi. Da quanto riporta il Telegraph l’appuntamento principale è il sabato, di fronte alla stazione di Alexanderplatz, dove riesce a sfamare più di cento persone ogni settimana. Sul banchetto che usa come piano di appoggio ha attaccato un foglio con scritto “Give something back to German people”, ovvero “Restituire qualcosa al popolo tedesco”.

 

Tgs8g2o imgur.com - La foto di Alex Assali pubblicata su Imgur dal suo amico Tabea Bü

 

La storia di Assali è stata scoperta grazie ad una foto postata dell’amico Tabea Bü su Imgur. Sotto la foto Bü la didascalia: “Lui ha davvero perso tutto, ha dovuto lasciare la sua famiglia in Siria perché la gente voleva ucciderlo. Nonostante questo, va avanti per per la sua strada e distribuisce cibo ai senzatetto“. In soli tre giorni l’immagine è visualizzata circa 2.800.000 volte e ha ricevuto più di 1300 commenti.

 

FONTE |  mashable.com

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >