Society
di Simone Stefanini 13 Marzo 2015

La galleria definitiva delle acconciature allucinanti anni ’80

Le peggiori acconciature di tutti i tempi, commentate ed analizzate.

Gli anni ’80, gli eccessi nel look, nel make up e soprattutto nei capelli. In quel decennio iconico, maledetto e rimpianto, si immaginava il futuro e si sognava decisamente diverso da come poi sarebbe stato. Quindi i colori flou, le linee geometriche stravaganti, il porsi sopra le righe erano all’ordine del giorno. Il fitness, i soldi, la bamba e, di nuovo, i capelli del menga.

Gli uomini tendevano a somigliare alle modelle e più di una volta, noi piccoli in quegli anni, ci siamo lasciati sedurre dal cantante degli Skid Row o degli Europe credendolo bella figa e poi buttando via i soldi dallo psicologo nei decenni successivi. Le donne invece, al contrario, o erano androgine, severe, altere ecc. oppure sfoggiavano così tanta lacca nei capelli che a causa loro oggi non si capisce più se mettersi o no il golfino quando uscire, per via del cambiamento climatico. Unisex, la sublimazione dell’uomo-robot, l’ibridazione sci-fi tricologia che partorì in quegli anni funesti, pettinature da arresto senza condizionale per il parrucchiere che si credeva un artista.

Unisex e trasversale, il Mullet (sul quale l’autore aveva pubblicato un piccolo saggio web dal titolo “La differenza tra il bene e il mullet” nel quale trovate ogni possibile implicazione di tale, demoniaca acconciatura). Vi basti ricordare che, come da infografica, era la pettinatura multitasking adatta a chi voleva avere un aspetto presentabile per l’ufficio se guardato di fronte ed un look selvaggio per la festa se visto di spalle:mullet-ratio

 

Ma andiamo ad iniziare questa carrellata di cupi orrori tricologici con l’imbarazzante Multicotonatura Eccessiva, recante 4,5 kg di gel, mousse spray e lacca per rendere i capelli grandi almeno 5 volte la faccia dell’individuo che li portasse, col risultato di somigliare ai castori stuprati dagl’istrici.

2946951812

Degna figlia del primo disastro è il Sostegno Impazzito, nel quale oltre ad una micro permanente, si alzava il ciuffo dell’utente fino ad arrivare ai 2,7 metri di altezza complessiva. Ragione per la quale negli anni ’80 il caso in motorino non si portava.

4202218115

Ogni modella che si rispettasse, avrebbe portato la Avalon Carpiata, nella quale ogni singolo capello era separato dall’altro da uno spazio di 3 cm, dando vita ad una palla di pelo crespo, sexy come quando cadi dalle scale a luce spenta. Si noti il fatto che questa pettinatura era gettonatissima anche per le ascelle e per i peli pubici, che facevano scoppiar mutande e inculcavano dubbi sulla vera sessualità dell’individuo rimorchiato.

4161404875

Nei circuiti alternativi, il Ragno New Wave aveva la sua importanza: corti ai lati, giganti sulla nuca, come se fosse esploso un fuoco d’artificio nero in testa. Ci limonavi le dark che portavano l’acconciatura Lampadario.

4025667761

Il Cicciobomba del Duemila era un taglio talmente intrigante e misterioso che ancor oggi non se ne capisce la genesi. Era composto da 1/3 di mullet, 1/3 di capelli a spazzola e 1/3 di rasatura geometrica, così da essere da monito alle future generazioni: la vita sarà una merda.

3984846329

Lo Schiaffo Dato Bene è una pettinatura dicotomica: da una parte raccolta, dall’altra cotonata, come allegoria della violenza domestica.

3880183008

Questo ragazzo, piuttosto fiero, sfoggia il marzialissimo Ninja Credici, l’acconciatura creata nei templi in cui o diventi samurai oppure soccombi al bullismo. Lui soccombette, ad esempio.

3494567890

Il Curioso Roditore necessita non solo dei capelli con divisa nel mezzo cotonata e lisci ai lati, ma anche di occhiali grandi mezza faccia e gigantismo degli incisivi, per poter così essere la persona più celebre della tua scuola e successivamente essere presa come esempio negativo fino all’età pensionabile.

2820209395

Questo è il taglio Napule è Mille Culure e non me ne abbiano gli amici del sud, ma dove sto io c’è un ragazzino che lo sfoggia tuttora e che ha i genitori partenopei. La lunghezza del codino credo c’entri qualcosa con gli anni di galera per atti osceni che uno si è fatto, ma non sono del tutto sicuro. Mi informo e vi faccio sapere.

2803031765

L’Addobbo Ridondante era un’acconciatura già di suo eccessiva, addobbata con stoffe, tessuti, code di volpe, zampe di pollo, teste di serpe, anelli d’oro, cose così. La testa pesava in media 35 kg, molte persone sono poi morte di cervicale.

2774786973

Il Mullet del Wrestler è quel tipo specifico di mullet con la fronte a spazzola cotonata. Si chiamava “del Wrestler” per due motivi: molti lottatori lo adottavano e perché portandolo, avresti dovuto prendere lezioni di difesa personale, essendo questa pettinatura un magnete per i bulli.

2632900440

Ah, finalmente la bellissima Esco con Una Matta, il cui nome viene dalla frase che era solito dire chi accompagnava la ragazza, sovente, al SerT, per via di quei problemi con le sostanze.

1807277643

Una tipica famiglia anni ’80: lui canta negli Whitesnake e reca l’acconciatura da Vero Uomo, mentre i fratellini sfoggiano il Trittico di Assaggini di Mullet, che crescendo diventeranno roba seria.

1661790746

Questa andava un casino: la Ragazza Bionica coi capelli tirati su, fin dalle orecchie. Alla fine del decennio, molte di loro sono diventate bioniche per via dell’apparecchio acustico perché si erano strappate i padiglioni auricolari.

1635637074

Dannazione, ci siamo arrivati. Questa è l’acconciatura Ragazza di Paese che per imitare le Ragazze di Città Esagera e fa le Figure di Merda. Non tutti i parrucchieri sarebbero stati in grado di portare a compimento l’opera, molti applicavano l’obiezione di coscienza e preferivano perdere la cliente piuttosto che indulgere in questo orrore.

984898084

Se andavi nel salone in due, negli anni ’80, potevi anche scegliere la Coppia di Fighi Standard che prevedeva Mullet Spandau per lui e Sostegno Apocalittico per lei.

928002539

Certo, potevi anche preferire i Capelli Fini Che Fanno Senso, altro taglio New Wave per chi preferiva la lacca ad un integratore proteico per la cute.

593023023

Mio Dio, lui porta la Fofata Maxima Magnifica, non solo in testa ma anche su petto ascelle gambe culo palle, perché è un uomo tutto d’un pezzo. Tra l’altro, che casino pisciare coi fuseaux di pelle di vipera tenuti insieme dai lacci in nervo di drago. Ma chissene, hai presente che apertura alare ha questa eccessiva cotonatura? Cioè, lui non ti entra in macchina. Troppo il capo.

556395879

Per ultima, forse, la più bella: Quella Non È Mia Figlia, più che un’acconciatura, un decoupage, uno scherzo (nell’accezione della musica classica). Davanti, il Coccolino, il riccio da orsetto. Ai lati, sul serio, non lo capisco. Rami di salice? Un palamito? Mi inquieta assai.

308402363

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >