Society
di Simone Stefanini 23 Febbraio 2018

Ascesa e declino di uno sport assurdo: il balletto sugli sci

 

Mentre volgono al termine le Olimpiadi invernali coreane, in molti cercano online informazioni e video sulle migliori evoluzioni degli atleti sulla neve, che i media, complici queste estenuanti elezioni, non fanno vedere granché.

Tra gli ori delle azzurre, il russo dopato nel curling e la sciatrice ungherese che non sa sciare, il vasto mare di Google può far emergere cose incredibili e grazie a ricerche spericolate siamo venuti a conoscenza di una disciplina olimpionica impossibile: il balletto sugli sci.

È di certo uno sport molto difficile, inutile negarlo, tuttavia le mossettine del tutto prive di virilità in un contesto sciistico provocano diffusa ilarità e le capriole sulle racchette altrettanto.

 

 

Il suo nome tecnico sarebbe acroski ma gli preferiamo di gran lunga il balletto perché in realtà è ciò che gli atleti in gara facevano: danzavano vestiti di tutine e lustrini su musiche anni 70-80  con racchette e sci, come se fosse una cosa decente da fare. La disciplina super assurda è stata presentata alle Olimpiadi di Calgary, Canada nel 1988.

Era uno sport dimostrativo e gli atleti che lo praticavano da anni (supponiamo in piste segrete e con la maschera di Topolino per non farsi riconoscere), finalmente credettero di trovare il proprio riconoscimento internazionale.

Nonostante fossero ancora gli anni ’80, il pubblico alla tv non reagì in maniera entusiastica ai signori muscolosi bardati da ballerini o da Jane Fonda nei video per dimagrire, mentre tentano di fare le evoluzioni così eleganti nel pattinaggio artistico e così grotesche con gli sci ai piedi.

Noi però non siamo qui per parlarvi della storia del balletto sugli sci, per quello c’è un esaustivo articolo del Post. In queste pagine si parla dell’oggettiva bellezza dei reperti storici che ci arrivano da quei tempi così remoti eppure così avvincenti.

 

 

Qui sopra, il nostro indiscusso eroe, l’atleta tedesco che risponde al nome di Hermann Reitberger mentre disputa la finale a Calgary. Egli recava un doppio mullet in testa che lo faceva somigliare a una gallina padovana e una tutina da sci nera tutta tempestata di simil Swarovski, che di per sé vale la visione.

Prima della sua evoluzione, si fa il segno della croce e si immola in una posa plastica degna di Stanis Larochelle di Boris, poi mette a segno tutta una serie di azioni incredibili sugli sci, corroborato prima dalle note malinconiche del piano e poi sparato in cielo da quelle iconiche della festa: Don’t let me be misunderstood dei Santa Esmeralda.

Qui si scherza ma provateci voi a ballare con gli sci ai piedi, sarebbe come chiedere a due persone di fare la break dance mentre portano un divano per le scale. Infatti il nostro eroe si è  classificato primo in questa disciplina ormai morta. Bravo bravissimo.

 

 

 

Nel video che vi proponiamo qui sopra invece potete ammirare una compilation di evoluzioni di donne e uomini che praticano questo adorabile sport, mentre si espongono al pubblico ludibrio involandosi in capriole a mezz’aria, cadute, tip tap e addirittura spaccate. È un filmato talmente vaporwave che ti aspetti da un momento all’altro che possa spuntare Tommaso Paradiso a cantare lode e gloria degli anni ’80.

Un po’ come la leggenda di Icaro, questo sport è praticamente morto proprio dopo essere stato dimostrato alle Olimpiadi. Gli atleti si sono avvicinati troppo al sole e le loro paillettes hanno iniziato a bruciare (metaforicamente eh), lasciandoci ad un orribile presente di maratone di sci di fondo, bocce su ghiaccio e mai più una gara di assurdità impossibili come il ballo acrobatico sugli sci, che neanche dopo un tino di grappa qualcuno andrebbe a replicare in settimana bianca. Peccato davvero.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >